Cosa studiano i nostri figli?

In Grecia abbiamo il maggior numero di studenti provenienti da tutta Europa, il minor numero di laureati e il minor numero di insegnanti di istruzione superiore. E’ quanto emerge dal primo rapporto annuale sulla qualità dell’istruzione superiore, emanato dall’Autorità nazionale per l’istruzione superiore (ETHAE).

In Grecia, il 7,40% della popolazione era studente nel 2019. La Turchia si è classificata al primo posto con il 9,48% e l’UE ha una media del 28% con il 3,8%. In altre parole, abbiamo il doppio degli studenti rispetto alla media dei paesi europei. Naturalmente tra noi si contano tutti gli studenti iscritti, e quindi anche gli studenti stagnanti, cioè quelli che sono in ritardo o che abbandonano gli studi. Gli studenti attivi e quelli che hanno un ragionevole ritardo nel conseguimento della laurea sono molto più bassi, ma sono ancora molti. Il motivo è il numero molto elevato di ammissioni. Tra tutti questi studenti, ci sono pochissimi laureati. Nel 2019, l’8,91% degli studenti si è laureato, posizionandoci all’ultimo posto in Europa, con la Turchia al secondo posto con l’11,47%. La media per i paesi dell’UE è del 25,33%. Certo, contano ancora gli studenti stagnanti, ma non abbiamo corsi di studio triennali, per cui il tasso di laurea scende, in quanto i nostri studenti sono divisi in 4 e 5 anni accademici. Certo siamo così lontani dalla media europea che questi due fattori non bastano a spiegare perché ci sia un terzo dei laureati dell’UE.

Abbiamo pochi professori nelle nostre università. Il rapporto studenti-insegnanti in Grecia è 40,0/1, che è il più alto in Europa, quando il secondo peggior risultato della Turchia è 23,2/1 e la media UE di 28 è 12,0/1 Naturalmente, gli studenti stagnanti sono di nuovo coinvolti, rendendo il rapporto irrealistico. Questo è il motivo per cui usiamo la facoltà totale come percentuale della popolazione totale in ciascun paese. Naturalmente, questi numeri non sono del tutto accurati e dipendono dal numero di università e studenti in ciascun paese, che non è certamente lo stesso. Tuttavia, in questo indicatore prendiamo il quinto posto dalla fine, scavalcando Francia, Italia, Romania e Irlanda. Non importa come la guardiamo, la conclusione è la stessa: abbiamo pochi docenti nelle nostre università. In altre parole, cerchiamo di avere tanti studenti, senza i docenti giusti e questo è uno dei motivi per cui abbiamo così pochi laureati. Cerchiamo di educare senza soldi. Certo, se diamo tanti soldi, non significa che otterremo automaticamente una buona istruzione e tanti laureati. I soldi non bastano, servono tante altre cose, ma senza soldi di certo non si può.

Cosa studiano i nostri figli nelle università rispetto agli altri bambini in Europa? Il punto è che i posti di lavoro offerti nelle università sono determinati dall’istituzione dei dipartimenti e dal numero di ammissioni in ciascun dipartimento, questioni decise dal ministero dell’Istruzione e non dalle università o dalla richiesta di studi specifici. Fino al 2020, tutte le posizioni offerte nelle università sono state coperte. Pertanto, ciò che i nostri figli studiano è una decisione centrale del Ministero dell’Istruzione. Nella tabella 2 vediamo cosa sta succedendo in generale nell’Unione Europea e in Grecia. Uno studente su cinque in Grecia studia ingegneria. Ciò significa che abbiamo molti ingegneri, con una differenza rispetto all’UE del 5,31%, che è il più grande di tutti gli oggetti scientifici. Altri 5 stanno studiando Economia aziendale e diritto. Questo è simile all’Unione Europea: nelle scienze della salute abbiamo una grande carenza e una grande disponibilità di candidati a studiare in questo campo. D’altra parte, abbiamo molti medici. Come si spiega tutto questo? Gli studi nelle scienze della salute sono costosi. Servono ospedali universitari, tanti professori. L’idea di chi decide di creare dipartimenti è che con gli stessi soldi di cui ha bisogno il dipartimento di medicina posso costruire altri 10 dipartimenti e ottenere più studenti. È caratteristico che nel 2019, quando le università TEI avevano 28 dipartimenti creati, c’erano solo due dipartimenti in scienze della salute. La popolarità delle posizioni in queste scuole è nota da decenni. Come possiamo avere così tanti dottori e così pochi studenti in scienze della salute? Molti studiano medicina in altri paesi e abbiamo alcuni lavori infermieristici. I posti assegnati per l’ammissione a medicina sono 945 e per gli infermieri solo 1578, mentre devono essere raddoppiati.

READ  Frane dovute a forti piogge a Heraklion - Corfù in caso di emergenza

Abbiamo molte più posizioni nelle scienze sociali che nell’Unione europea, il che ha comportato un tasso di disoccupazione più elevato per i laureati. Abbiamo meno posti nell’istruzione rispetto all’Unione europea, ma penso che in Grecia siano inclusi solo gli studenti pedagogici della scuola primaria e gli insegnanti della scuola materna, mentre in Europa ci sono insegnanti della scuola secondaria.

Siamo molto diversi anche in agricoltura. Abbiamo il doppio di studenti dall’UE, in un settore che è in costante contrazione in tutta l’UE. Ovviamente mancano i laureati in informatica, con il 30% in meno di studenti provenienti dall’Unione Europea. Un momento, ma avremo un futuro. Forse non ci interessa.

La linea di fondo è che stiamo cercando di far studiare il maggior numero possibile di bambini con il minor denaro possibile, indipendentemente da ciò che stanno studiando e se troveranno lavoro dopo la laurea. deludente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *