Cosa ha portato alla prima estinzione di massa della Terra 445 milioni di anni fa?

Sappiamo tutti che i dinosauri si sono estinti in un’estinzione di massa. Ma sapevi che ci sono altre estinzioni di massa? Ci sono cinque estinzioni di massa significative, conosciute come i “Big Five”, eventi in cui almeno tre quarti di tutte le specie sulla Terra affrontano l’estinzione entro uno specifico periodo di tempo geologico. Date le tendenze attuali nel riscaldamento globale e nel cambiamento climatico, molti ricercatori ritengono che potremmo essere al sesto posto.

Scoprire la causa principale dell’estinzione di massa della Terra è stato a lungo un argomento scottante per gli scienziati, perché la comprensione delle condizioni ambientali che hanno spazzato via la maggior parte delle specie in passato può aiutare a prevenire che un evento simile si verifichi in futuro.

Un team di scienziati del Department of Earth and Environment della Syracuse University, University of California, Berkeley, University of California, Riverside, University of Bourgogne-franche Comte, University of New Mexico, University of Ottawa, China College of Science and Technology e Stanford L’università è stata recentemente co-autrice di un documento di ricerca che esplora l’evento di estinzione di massa dell’Ordoviciano The Late (LOME), che è stata la prima o la più antica estinzione di massa dei “Big Five” (circa 445 milioni di anni fa).” Circa l’85% dei marine specie, la maggior parte delle quali vivono in oceani poco profondi vicino ai continenti, sono scomparse durante quel periodo.

Cosa ha portato alla prima estinzione di massa della Terra 445 milioni di anni fa?  - Immagine 2.

Fossili di Ordoviciano sull’isola di Anticosti, Quebec, Canada

L’autore principale Alexandre Paul, dell’Università di Riverside (ora borsista post-dottorato presso l’Università Bourgogne-Franch-Comté di Digione, Francia) e altri coautori hanno studiato l’ambiente oceanico prima, durante e dopo l’estinzione di massa per determinare come si è verificato l’evento .

Per dipingere un quadro dell’ambiente oceanico durante l’era Ordoviciano, l’esperto di estinzione di massa Seth Finnegan, professore associato presso l’Università di Berkeley, afferma che i mari erano altamente biodiversi. Gli oceani contengono alcune delle prime barriere coralline create dagli animali, ma mancano di molti vertebrati.

Finnegan ha detto: “Il Mare Ordoviciano contiene un certo numero di gruppi familiari di organismi come cozze, lumache e spugne, ma ci sono anche molti altri gruppi la cui diversità è notevolmente ridotta o completamente estinta come i trilobiti, il phylum, il phylum e la sottofamiglia gigli.”

In contrasto con le estinzioni di massa rapide, come l’estinzione del Cretaceo-III, in cui i dinosauri e altre specie si estinsero improvvisamente circa 65,5 milioni di anni fa, Finnegan ha affermato che Lomi si è verificato in un periodo di tempo significativo, con stime che vanno da meno di mezzo milione a quasi due milioni di anni fa.

Uno dei principali dibattiti su LOME è se la mancanza di ossigeno nell’acqua di mare abbia causato l’estinzione di massa durante quel periodo. Per indagare su questa domanda, il team ha combinato test geochimici con simulazioni numeriche e modelli al computer.

Zunli Lu, professore di Scienze della Terra e dell’Ambiente presso la Syracuse University, e i suoi studenti hanno effettuato misurazioni delle concentrazioni di iodio nelle rocce carbonatiche di quel periodo e hanno fatto importanti scoperte sulla concentrazione di ossigeno a varie profondità dell’oceano. La concentrazione di iodio nelle rocce carbonatiche funge da indicatore dei cambiamenti nei livelli di ossigeno negli oceani nel corso della storia della Terra.

Cosa ha portato alla prima estinzione di massa della Terra 445 milioni di anni fa?  - Figura 4.

Fossili di Ordoviciano sull’isola di Anticosti, Quebec, Canada

I loro dati, combinati con simulazioni al computer, mostrano che non ci sono prove di perdita di ossigeno – o ipossia – durante l’evento di estinzione in habitat marini poco profondi, dove si trova la maggior parte dei mammiferi marini. Organismi abitabili, il che significa che il raffreddamento avvenuto durante il Tardo Ordoviciano insieme a fattori aggiuntivi potrebbero essere responsabili di LOME.

D’altra parte, ci sono prove che l’ipossia nelle profondità oceaniche si è espansa nello stesso periodo. I ricercatori suggeriscono che la mancanza di ossigeno nelle profondità marine è responsabile della circolazione dell’acqua di mare attraverso gli oceani globali. Un punto chiave da tenere a mente è che la circolazione oceanica è una componente molto importante del sistema climatico, afferma l’esperto di modelli climatici Alexander Ball.

Sebbene la causa dell’estinzione dell’Ordoviciano non sia completamente concordata e non lo sarà presto, lo studio del team ha escluso come spiegazione i cambiamenti nell’ossidazione. Lomé.

Buhl spera che con dati climatici migliori e modelli numerici più complessi, saranno in grado di fornire prove più solide sui fattori che potrebbero aver portato all’estinzione di massa dell’Ordoviciano.

Riferimento: SciTechDaily

READ  La sonda Emirati Hope entra nell'orbita di Marte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *