The Look Crit ha fatto spettacolo per le strade di Nevers: “Quando hai assaggiato il cambio fisso…”

“Ma non hanno i freni, non è possibile! Questo giovane appoggiato a una barriera vicino al traguardo del Look Crit, sabato 21 maggio, a Nevers, ha faticato a riprendersi. Con gli occhi puntati sui quindici corridori ammassati dietro la linea di partenza, scruta questi oggetti rotanti ben identificati. Una marcia fissa, una sola velocità, niente freni, ma un massimo di sensazioni. “Quando hai assaggiato il cambio fisso… è un modo davvero diverso di guidare, è divertente”, assapora François Juillet, del Team Look Crit. “Finché non ci provi non puoi capire”, ha proseguito con un sorriso, pochi minuti dopo la qualificazione alla finale A.

Specialisti in pista o su strada

Con gli altri componenti della sua squadra, presente anche lui nella città ducale questo fine settimana, fa il giro dell’Europa per gareggiare nei criterium. Soprattutto in Italia e nei Paesi Bassi. Meno in Francia. “Ce ne sono pochi. La più conosciuta è la Senape Nazionale di Digione [créé en 2013]. Questo si sente anche con il numero di squadre. Ce ne sono tre-quattro di alto livello in Francia. Altrimenti sono tutti in Italia o nei Paesi Bassi, due paesi che hanno il loro campionato a scatto fisso. »

Abituato ai circuiti di tutto il mondo (Milano, Barcellona, ​​Londra, Brooklyn…), fin dal suo esordio quasi dieci anni fa, François February ha apprezzato quello disegnato per le strade di Nevers, “molto tecnico, ma anche con passaggi velocissimi “. Meno convinto il suo compagno di squadra Benoît Bigot al termine del turno di qualificazione: “Questo proprio non fa per me”.François February del team Look Crit.

READ  Piano di ripresa: Francia, Germania, Italia e Spagna presentano le loro copie alla Commissione Europea

Il percorso neversois ha messo in evidenza le caratteristiche spettacolari del cambio fisso. Senza freno e senza ruota libera, non c’è spazio per errori. “Quando sei appena agli inizi, hai ancora bisogno di un minimo di padronanza della moto, per essere abbastanza a tuo agio. Dopo, è un’arte di vivere, direi. Per questo troviamo specialisti di tutte le discipline del ciclismo. “Esempio questo sabato, con l’arrivo di Olivier Leroy, corridore su strada nel ciclismo di Bourg-en-Bresse Ain (DN1), o Facundo Lezica, presente alle Olimpiadi di Rio, nel 2016, con la squadra argentina di ciclismo su pista.

Strategie diverse a seconda del profilo dei corridori

Profili diversi e tattiche mutevoli. Perché la strategia occupa una parte importante delle gare, il posto ottenuto durante il turno di qualificazione determina quello sulla linea di partenza durante la finale. “Alcuni decidono di partire molto velocemente, altri aspettano di più. Dipende anche se hai compagni di squadra. Se questo è il caso, possiamo fare come nei gruppi su strada, usare così e così per impostare il ritmo e preservare quello che consideriamo il più forte “, spiega François Juillet, che ogni giorno cavalca una “fixie”. lavorare. “Sono in Alta Savoia, mi sto allenando sul Col de la Colombière, verso Le Grand-Bornand…”

Un allenamento necessario per stare al passo con questi eventi “ad alta intensità, dove bisogna guidare a pieno regime, mantenendo sufficiente lucidità di fronte alle difficoltà del percorso”. Un cocktail che ha funzionato in qualifica, ma non in finale, che l’originale bretone non ha concluso, dopo aver concesso un giro al primo. Ha saputo consolarsi con il terzo posto del compagno di squadra Tim Ceresa.

Remi Marchal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.