Suffisso e latino: pezzi di cultura ateniese

Laternatzis è un professionista con doppia capacità. È il produttore di lanterne nel primo e nel secondo cantante per così dire. Il cantante (stampbadour) potrebbe essere il performer, cioè il musicista.

Una lanterna è uno strumento difficile, perché le note provengono da lastre di metallo disposte in fila come i denti di un pettine. Di fronte alle piastre, viene ruotato un cilindro, sul quale vengono posizionati i perni corrispondenti. Questi perni, quando il cilindro ruota, colpiscono o muovono le piastre e pulsano per produrre il suono.

Questi pannelli, a seconda del tipo e delle dimensioni del metallo, danno un suono o un tono diverso quando vengono colpiti. Quindi ogni nota combinata con le altre, spicca una canzone. Ogni canzone che la lanterna suona per prima, come le note musicali, viene posizionata sul tamburo e quando martelli o punte colpiscono le assi, la canzone esce. Se lo fa di nuovo velocemente, la canzone esce velocemente.

Quando è stata l’ultima volta che hai avuto una lanterna nella tua città?

Quindi il suffisso, come un buon ascoltatore, combina il movimento con il suono. Ora, se vuole ascoltare un’altra canzone, cambia la scala per riprodurre la canzone successiva, ecc.

Le lanterne possono essere trasportate o su un passeggino. La decorazione esterna è di gusto del proprietario.
Un altro tipo di lanterna è Rombia, che si basa sugli stessi principi, ma con dimensioni maggiori e un suono diverso. È, per così dire, l’organo con il pianoforte.

Queste macchine vengono dall’est.

La lanterna è uno strumento musicale automatico che, nonostante il suo ingombro, non viene utilizzato solo all’interno ma viene spesso trasportato in spazi aperti, piazze e quartieri. È uno strumento che ha creato molte emozioni negli antichi greci e ha aiutato molto a diffondere e diffondere i suoni amati anche oggi.

Molti di loro hanno una storia da raccontare che conoscono o hanno sentito parlare di una lanterna. Ma c’erano anche molti problemi che la affliggevano nel tempo, portandola all’emarginazione.

READ  Il posto a Corfù viaggia nell'Italia meridionale

Un altro problema con lo studio è la mancanza di una bibliografia, perché nessuna di essa esiste è insufficiente o addirittura errata. Questo perché i ricercatori non si sono occupati di arte delle lanterne, ma ne hanno fornito una semplice descrizione.

Tuttavia, anche oggi ci sono angoli e fessure dove si possono ascoltare e cantare i vecchi brani preferiti …

La storia della lanterna

La prima lanterna fu creata in Grecia intorno al 1880. Poi il greco Joseph Armau e l’italiano Yogepi Torkoni collaborarono per portare la lanterna.

I due amici dalle spiccate capacità musicali e costruttive realizzarono ad Istanbul la prima lanterna senza la base in ferro che avevano i pianoforti perché simili a strumenti a lanterna in passato ma con base in ferro (come la Rombia).

I due hanno formato una cooperativa in cui hanno diviso il lavoro in due parti. Turconi era responsabile della parte di costruzione mentre Armaos era responsabile della registrazione, cioè “sigillare” le canzoni.

Diffusione e fine

L’evoluzione è stata rapida. Sebbene ci siano solo 2-3 stabilimenti a Istanbul in Grecia, si stima che siano 60-80. Si stima inoltre che nel periodo precedente la guerra del 1940, c’erano circa 40.000 utensili ad Atene e al Pireo e molte macchine nella sola Salonicco.

Anche a quel tempo c’erano 6-7 gadget in ogni negozio di intrattenimento. Ma la guerra era un ostacolo a qualsiasi sviluppo della lanterna. Sebbene all’inizio fosse molto accessibile durante la guerra, nessuno cercava divertimento. Anche molti organi sono stati distrutti a causa delle loro dimensioni. L’ultima fabbrica era di Serres, poiché l’officina chiuse intorno al 1938. Ciò è dimostrato dagli apparecchi di illuminazione esistenti che si stima siano più recenti in quel momento.

Durante il periodo di punta, molti seguirono il modello Armau-Turconi e separarono la costruzione della lanterna. Così, il figlio di Armau, Nikos Armaus, divenne il “francobollo” più importante. In seguito pubblicò la sua arte per suo figlio e trovò il trasmettitore Antonis Naciopoulos dove, insieme a Vasilis Iacovides, l’eminente artigiano e accordatore del pianoforte, ricostruì la lanterna nel 1944.

READ  Things from Dreams di Gianfranco Cabedo. Esame online

Nel frattempo a Cerere, Anastasios Tzionis continua a fare lanterne in modo tradizionale. Più tardi (nel 2001) Iacovides morirà, Tsionis andrà in pensione (all’età di 97 anni) e Naciopoulos rimarrà l’unica fabbrica ad Atene.

Forse, tra qualche anno, le lanterne scompariranno del tutto

Decorazione laterna

La caratteristica principale della lanterna era ed è tuttora la sua decorazione. Era una professione perché c’erano negozi che vendevano gioielli e altre cose. Avevano rivestimenti in pelle di vari colori, tagliati, torniti, con aghi, intagliati traforati. Questi erano i costumi. C’erano coperte di velluto con sfilate e ricami d’oro con offerte (ad esempio due ragazze che reggevano una bandiera greca o spettacoli di battaglie dell’anno 21)

Era pieno di perline, rosari, immagini, persino un guscio di tartaruga e qualsiasi altra cosa pensassero tutti. C’erano disegni separati nel classico design bizantino e l’immagine al centro era di Maria Pentagiotisa, Rosa Eskenazi o altre 2-3. Raramente qualcuno pubblica la foto di una persona cara o di una persona specifica. Infine, le gambe su cui poggia la lanterna sono state scolpite nel legno.

il sigillo

Forse il ruolo più importante nella lanterna è quello del cilindro. Quindi il suo creatore era sempre famoso e doveva avere grandi capacità musicali. Si chiamava “stambadoros” o “chiodatrice”. Lo stampaggio è un processo difficile e complesso che richiede non solo conoscenze musicali, ma anche tecniche. Dopo aver registrato la canzone in un brano musicale, il timbro posiziona uno speciale “orologio” all’interno della lanterna e direttamente dietro il Karnak.

Appena fuori dalla lanterna di nuovo dietro le viti a manovella con una mano precisa e allinearle. A seconda del valore del tempo della nota, la manovella viene attivata fino a quando la lancetta dei minuti mostra l’indicatore corrispondente sull’orologio.

Quindi premere leggermente il pulsante fino a quando il volante sul cerchio definisce un po ‘il cilindro. All’inizio mette una fila, poi il basso. Dopo che tutte e 9 le canzoni sono finite, inizia l’inchiodamento.

L’intero processo di stampa richiede 20-25 giorni. Il chiodo più famoso era Nikos Armaus. A causa della mancanza di sorgenti sonore, poteva solo sentire un cliente fischiare con l’obiettivo di timbrarlo in due o tre modi.

Ha scritto molte canzoni e molte di loro sono diventate famose con altre canzoni presentate loro da Armaus come Valeriotisa, Garofano nell’orecchio, gonna Claret, Butcher Politician ecc. È un peccato che non abbia mai costruito una lanterna. Inoltre, le sue capacità di riparazione erano limitate.

Più tardi oggi

Nei tempi moderni, le lanterne sono molto frangiate e uno spettacolo molto raro. La richiesta è molto limitata per i collezionisti e alcuni musicisti. Nella regione dell’Attica ci sono solo 8-9 vagabondi di cui 1 al Pireo, 3 ad Atene e 1 a Glyfada più alcuni Rom che vagano per tutta la Grecia.

Anche nei negozi di intrattenimento ci sono raramente lanterne poiché mettono da parte dischi, grammofoni e juke box del tutto dopo i 40. Le vendite ora sono scarse e di solito non vengono ordinate ma vengono acquistati pezzi già pronti.

Canzoni identificate con lanterne come Frangosyriani, Carnation in the Ear, The Last Tram, the Sea Beads, rimangono nel repertorio di nuovi strumenti e ci sono alcune aggiunte alle canzoni di Mimi Plisas o Lefteris Papadopoulos.

* Con informazioni dal team FB Vecchi ricordi pieni di nostalgia Il signor Manus Ellis ha cercato

Segui lei Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Guarda le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *