RUGBY. 6 NAZIONI. Ange Capuozzo, lo sprazzo di luce nella penombra italiana?

Sì, il titolo del nostro articolo potrebbe sembrare un po’ allettante, loquace o addirittura provocatorio. Nel rugby più che altrove un solo uomo non fa squadra, il che è di più quando è ancora solo una grande speranza del rugby esagonale e non ha mai giocato nella Top 14. Tuttavia, il talento che possiede Ange Capuozzo sembra proprio essere uno di quelli che ingrandiranno le squadre più noiose. Intelligente, elegante, dotato di una tecnica individuale ben al di sopra della media e di uno spiccato senso del gioco, questo giocatore è una vera delizia da vedere evolversi in ambito professionale, dove anche il suo tempismo, il suo supporto e le sue corse di velocità stanno facendo il loro dovere.

VIDEO. Pro D2. Con i suoi bastoni demoniaci, Ange Capuozzo mette a tacere il Rabine

Al di là delle presentazioni, quindi, la squadra italiana avrebbe potuto ritrovare le spalle per molto tempo. Capuozzo è stato infatti appena chiamato dalla Squadra Azzura per preparare il Torneo e date le sue potenzialità è facile dire che i Transalpini potrebbero offrirgli un CDI illico, visto che ora ha scelto la sua terra d’origine. Gli azzurri cercano un contraltare al talentuoso Matteo Minozzi, in fondo molto poco disponibile per il suo Paese, dici? Avrebbero potuto trovare di meglio, più giovani e anche più sfuggenti. E francamente, in mezzo a una linea in cui stanno già giocando Monty Ioane, Paolo Garbisi o Federico Mori, il 3/4 italiano potrebbe fare bella figura durante il Torneo, con l’angelo di Grenoble in fondo a fare da ciliegina sulla torta.

Sulle tracce di Jaminet?

Perché alla fine, per chi lo segue da vicino, l’unica domanda sarà se il giocatore dell’FCG riuscirà a superare l’enorme passo che separa la Pro D2 dal livello internazionale. Per rassicurarci, diremo comunque che l’Italia sarà probabilmente meno intransigente di quanto lo sarebbe stata la Francia con le sue prestazioni e che prima di lui, molto recentemente, Melvyn Jaminet l’ha attraversata brillantemente. L’anno scorso, la schiena dell’USAP aveva brillato in Australia anche se non aveva mai conosciuto la prima divisione francese. Capuozzo, Jaminet, stesso combattimento? Ricordiamo che nel 2020/2021 sono stati gli Habs a essere votati miglior giocatore in Pro D2, leggermente davanti all’ex All Black Francis Saili. E che, poco distante, sarebbe stato tutt’altro che usurpato se Capuozzo si fosse coinvolto nella lotta per il titolo onorifico assegnato a Rugby Night.

READ  Boxe. Il Villeneuvois Samir Ziani sparring-partner a Roma in attesa di una chance mondiale

CLASSIFICA PRO D2.  Un enorme Angelo Capuozzo porta Grenoble a un prezioso successo a Bayonne [VIDEO]CLASSIFICA PRO D2. Un enorme Angelo Capuozzo porta Grenoble a un prezioso successo a Bayonne [VIDEO]

Il prodigio di Grenoble stava quindi uscendo da una stagione con 10 mete in 21 partite e aveva fatto prendere dal panico tutte le difese nell’anticamera della Top 14 ad ogni uscita. Dopo alcuni intoppi e nonostante un club in difficoltà quest’anno, Ange conferma ancora una volta che c’è un FCG con e senza di lui. Proprio la scorsa settimana, durante la più grande impresa della stagione di Grenoble sul prato di Bayonne (35 a 37), il posteriore con le gambe di fuoco ha segnato una doppietta ed è stato il grande artefice di questa vittoria per cador. Quando ti viene detto che lo Stade Toulousain non ne ha fatto la sua priorità per niente e che l’Italia custodisce lì un gioiello…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.