Non è solo questione di case

Non è solo questione di case

KUALA LUMPUR, 29 giugno — Il recente tumulto in Sabah contro la tribù Bajau Laut, a volte conosciuta come Palau, ha riportato sotto i riflettori la comunità spesso perseguitata.

L'ultimo conflitto tra lo Stato e la tribù Bajau Laut nel Sabah è incentrato sull'espulsione della tribù dalla propria terra d'origine.

Ma quest’ultimo episodio risale a molto tempo fa e mette in luce le sfide che devono affrontare i diritti degli indigeni, nonché il ruolo di tutela svolto dallo Stato.

Chi sono i liuti Bajau?

Abitando principalmente nelle acque del sud-est asiatico, in particolare nelle Filippine, in Malesia e in Indonesia, i Bajau Laut sono spesso chiamati “nomadi del mare” o “zingari del mare” e sono celebrati per la loro straordinaria abilità subacquea e il profondo legame con il mare. Oceano.

Tradizionalmente abitano in barche o palafitte costruite sull’acqua e il loro sostentamento dipende dalla pesca e dalla ricerca delle risorse marine.

Mentre alcuni si sono trasferiti in insediamenti terrestri, altri si aggrappano saldamente alla loro esistenza nomade in mare. Entrambi spesso percorrono i confini sfumati della residenza ufficiale di qualsiasi paese.

Le ultime tensioni sono scoppiate quando le autorità hanno demolito e bruciato le abitazioni all'interno del parco marino di Tun Sakaran, sulla costa orientale del Sabah, dove a volte vengono evitati anche dalla popolazione locale Bajau naturalizzata che ha abbracciato la civiltà moderna.

Non è solo questione di case

Perché il governo del Sabah li sta perseguendo?

È responsabilità delle autorità statali del Sabah rafforzare la sicurezza nazionale e proteggere l’ambiente. Pertanto, l’iniziativa di evacuare i coloni è stata una risposta alla diffusione di costruzioni abusive all’interno dei confini del parco marino.

Il ministro statale per il turismo, la cultura e l'ambiente Datuk Christina Liew ha sottolineato che queste misure sono necessarie per sopprimere le minacce alla sicurezza e ridurre le violazioni ambientali.

READ  La Tunisia arresta un funzionario del partito d'opposizione

Tuttavia, l’operazione, che ha coinvolto le aree intorno a Buhi Dulang, Maiga, Bodgaya, Sepangkat e l’isola di Sibuan, ha evidenziato le numerose sfide che la comunità di Bajau Laut deve affrontare.

Scontri tra beduini in cerca di alloggi permanenti e lo Stato

Nonostante l’incombente spettro della deportazione, molti chiamano casa aree come Semporna nel Sabah, anche se il loro status di apolidi li rende vulnerabili all’essere classificati come immigrati illegali o privi di documenti.

I genitori diffidenti spesso si astengono dal registrare le nascite, temendo ritorsioni, che limitano la capacità dei loro figli di accedere ai servizi educativi e sanitari.

Anche se l’Indonesia e la Malesia hanno concordato informalmente di non detenere i bambini mentre sono a scuola, essi rimangono vulnerabili all’arresto fuori dai locali scolastici.

I Bajau Laut sono stati criticati anche per le pratiche di pesca insostenibili, tra cui la pesca con esplosivi e la pesca al cianuro, che danneggiano gli ecosistemi marini.

Inoltre, gli scontri sui diritti fondiari, sull’allocazione delle risorse e gli scontri con le autorità locali hanno esacerbato i loro problemi.

Risuonano le richieste di gruppi per i diritti umani e ONG per fermare gli sfratti a Semporna e aumentare gli aiuti al Bajau Laut.

I sostenitori sottolineano la necessità di dialogo e negoziazione per raggiungere soluzioni sostenibili che sostengano la dignità e il benessere di questa società resiliente.


Lettura consigliata:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *