L'IGAD sostiene il gruppo di lavoro di revisione della politica fondiaria nazionale dell'Uganda per rivedere e adottare il documento tematico e la prima bozza della politica fondiaria nazionale

L'IGAD sostiene il gruppo di lavoro di revisione della politica fondiaria nazionale dell'Uganda per rivedere e adottare il documento tematico e la prima bozza della politica fondiaria nazionale

10 luglio 2024 (Kampala, Uganda): L'Autorità Intergovernativa per lo Sviluppo (IGAD), attraverso il suo Programma di Governance del Territorio, ha avviato questa mattina la revisione e l'approvazione del Documento Problematico e della prima bozza della Politica Territoriale Nazionale per la Repubblica dell'Uganda, convocando l'Assemblea Nazionale Gruppo di lavoro sulla revisione della politica fondiaria e altri soggetti interessati.

Uno dei ruoli principali del gruppo di lavoro è quello di rivedere e approvare i vari risultati prodotti dai consulenti competenti che in questo incontro includono; Approvazione del documento di emissione e 1strada Bozza della PNL, approvata 2Seconda abbreviazione Progetto di piano d'azione nazionale, approvazione del rapporto di consultazione regionale e approvazione di una valutazione dell'impatto della regolamentazione (RIA) i cui processi sono supportati da un comitato multisettoriale e multidisciplinare composto da membri provenienti da ministeri, dipartimenti e agenzie governative del territorio e delle risorse naturali. settore delle risorse e altri settori che lavorano a stretto contatto con il Ministero del Territorio e dell'Edilizia per lo sviluppo urbano; Organizzazioni della società civile che operano nel settore fondiario, mondo accademico, settore privato e singoli esperti del settore.

L'incontro è stato moderato da Harrison Irumba, vicecommissario per l'analisi politica, in rappresentanza del direttore dell'amministrazione fondiaria, Ministero del territorio, dell'edilizia abitativa e dello sviluppo urbano, Uganda. Ha apprezzato gli sforzi dell'IGAD e dei partner per lo sviluppo nel formulare e rivedere la politica nazionale dell'Uganda facilitando il coinvolgimento delle parti interessate e conducendo consultazioni regionali e dei gruppi di interesse.

“Invito gli altri Stati membri dell'IGAD che non hanno ancora sviluppato politiche fondiarie nazionali a seguire la guida di Uganda e Kenya, le cui politiche fondiarie sono in fase di revisione, in modo che possano affrontare le questioni fondiarie ricorrenti nella regione dell'IGAD al fine di raggiungere lo sviluppo economico”, ha affermato il Sig. .Irumba. E la trasformazione in cittadini dell’Autorità”.

READ  साखर दराला झळाळी दोन वर्षांतील सर्वाधिक भाव

A nome del Direttore dell’Agricoltura e dell’Ambiente, Joseline Pigueroa, Coordinatrice ad interim del Programma di governance del territorio ed esperta in materia di genere e territorio, ha informato i membri del gruppo di lavoro che l’IGAD aveva il mandato di servire i suoi Stati membri utilizzando la sua capacità di convocazione per facilitare il dialogo, fornire supporto tecnico per lo sviluppo delle politiche e lo sviluppo di capacità attraverso lo scambio di esperienze e conoscenze.

“In linea con i processi di sviluppo della politica fondiaria dell’Uganda, l’IGAD è impegnata a sostenere l’Uganda nello sviluppo di una politica fondiaria attenta al genere e adeguata al contesto, coerente con le migliori pratiche internazionali”, ha aggiunto Bigirwa.

Uganda e Kenya sono i due Stati membri attualmente con le politiche fondiarie nazionali sotto revisione con il sostegno del Programma di governance del territorio dell’IGAD e di altre parti interessate. Il programma sostiene inoltre la Repubblica del Sud Sudan nell’approvazione della sua politica fondiaria nazionale, nonché nell’avvio di operazioni a Gibuti e in Somalia per rafforzare la governance fondiaria e i processi di elaborazione delle politiche fondiarie, nonché per sostenere il coinvolgimento delle parti interessate in vari Stati membri dell’IGAD.

Altri ruoli e funzioni della Task Force per la politica di sviluppo nazionale come stabilito nei suoi Termini di riferimento (TOR) da includere;

  • Prendi decisioni strategiche e fornisci indicazioni sul processo di revisione della PNL.
  • Formare i comitati permanenti del gruppo di lavoro, che sono: (a) il Comitato degli Esperti, (b) il Comitato Finanze/Raccolta Fondi, (c) il Comitato Media e Comunicazione, definendone ruoli e responsabilità.
  • Implementare la tabella di marcia approvata per il processo di revisione della PNL fino al completamento.
  • Approvazione e approvazione di rapporti/prodotti da parte di comitati selezionati.
  • Raccomandare e approvare qualsiasi ricerca, memorandum, policy brief o altre comunicazioni delle parti interessate, inclusi gruppi di interesse speciali, da prendere in considerazione nel processo di revisione della PNL.
  • Sollevare qualsiasi altra questione rilevante per la revisione della politica fondiaria nazionale.
  • Preparare un rapporto durante il suo periodo di lavoro, spiegando le attività implementate, le raccomandazioni e le sfide.
READ  Οι 25 καλύτερες παραλίες του κόσμου, σύμφωνα με το Tripadvisor -Ανάμεσά τους δύο ελληνικές [εικόνες] | Travel

Prima della creazione del gruppo di lavoro, il governo dell’Uganda nel 2013 ha formulato la politica fondiaria nazionale con l’obiettivo di garantire un uso e una gestione efficaci, equi e ottimali delle risorse fondiarie in Uganda per la riduzione della povertà, la creazione di ricchezza e lo sviluppo socioeconomico generale. in Uganda fornendo un quadro per gestire il territorio e le risorse terrestri dell’Uganda in modo efficiente, giusto e appropriato. Idealmente, trae i suoi principi fondamentali dalla Costituzione dell’Uganda del 1995, dall’Uganda Vision 2040, nonché da altri quadri di sviluppo delle macro politiche come quelli. il Piano di sviluppo nazionale, il quadro e le linee guida per la politica fondiaria africana, tra gli altri.

Il Programma di governance del territorio dell'IGAD supporterà continuamente il gruppo di lavoro per incontrarsi, discutere e concordare il documento tematico e il documento 1strada Si prevede che la bozza del piano d'azione nazionale e questi documenti trarranno beneficio dal loro contributo negli incontri regionali.

Il progetto è finanziato nella sua seconda fase dall’Ambasciata svedese in Etiopia per ““Raggiungere una governance fondiaria transnazionale nella regione dell’IGAD attraverso lo sviluppo di capacità di innovazione nella gestione, nell’uso e nella gestione del territorio, promuovendo l’uguaglianza di genere e l’empowerment dei giovani”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *