Le nuove ambizioni di Rudy Molard

il – Ciclismo

Groupama FDJ

Il nativo di Gleizé, che ha appena concluso una campagna mista nelle Ardenne, fa il punto sul suo inizio di stagione, una settimana prima dell’inizio del Giro.

Questa è una notizia che non ha sorpreso molti nel mondo della piccola regina. Ancora indebolito dal mal di schiena, Thibault Pinot non sarà al via del 104 ° Giro d’Italia dell’8 maggio. “Ce lo aspettavamo, dice Beaujolais Rudy Molard, suo compagno di squadra Groupama-FDJ. Non stava molto bene durante la Tirreno-Adriatico. E questo è stato confermato al Tour des Alpes “.

Un pacchetto che inevitabilmente sconvolgerà i piani della formazione francese. “Avevamo programmato di fare una gara a squadre per lui, indica il nativo di Gleiz. D’ora in poi ci concentreremo sicuramente sulle vittorie di tappa. O forse fare il generale. “ Con Rudy Molard in testa? “Dobbiamo discuterne. Non ho mai avuto la possibilità di fare un grande tour come leader. Potrebbe essere divertente”.

Ardenne “deludenti”

Ma prima, Beaujolais dovrà dimenticare la frustrazione dopo una campagna poco brillante nelle Ardenne (ndr: 23 ° sull’Amstel, 44 ° sulla Flche vallone e 62 ° sulla Lige). “Non ero al livello che speravo, di sicuro, si rammarica di Rudy Molard. Ma questa non è una sorpresa. Avevo deciso di tagliare abbastanza a lungo dopo la Tirreno-Adriatico (Nota del redattore: 16 ° assoluto). che non è riuscito. Soprattutto da quando mi sono ammalato. “

Indebolito sulla sua macchina, il nativo di Gleiz è stato ancora in grado di salvare le apparizioni nella razza Amstel Gold. “Arrivo con il gruppo che gioca al 4 ° posto” e la Flche wallonne “dove ero con i migliori fino ai piedi del muro di Huy” prima di irrompere nel Doyenne, durante Lige-Bastogne-Lige. “Ovviamente è un po ‘deludente. Queste sono gare che mi piacciono molto. Ma la grande bronchite mi mette davvero un handicap”. E anche la sua formazione, Groupama-FDJ, aveva deciso di puntare la carta di David Gaudu. “Ho dovuto guidare per lui. È il gioco di squadra”.

Il Giro da leader?

D’ora in poi la priorità per Rudy Molard sarà quindi quella di ricaricare al meglio le batterie prima di entrare nel Giro. “Ho davvero concentrato tutta la mia preparazione di inizio stagione su questo evento. E anche se i piani sono cambiati con il ritiro di Thibaut, voglio comunque fare bene”. E infine per dimostrare che non è solo un compagno di squadra modello? “Perché no Se mi viene chiesto, giocherò il gioco in profondità.”

Tony Fonteneau

READ  L'Austria al 14 ° posto per violazioni del GDPR - l'Italia è in cima alle multe


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *