L’aumento del reddito derivante dal cacao potrebbe portare alla deforestazione nel bacino del Congo

L’aumento del reddito derivante dal cacao potrebbe portare alla deforestazione nel bacino del Congo

Produzione di cacao nelle zone rurali del Camerun. Fotografia: Olivier Girard/Civur-Ikraf

La coltivazione del cacao che migliora i mezzi di sussistenza locali: sembra una soluzione vantaggiosa per le persone e gli ecosistemi, giusto? Ma Nuovo studio L’analisi delle opzioni di sostentamento e degli impatti della deforestazione nelle frange forestali del bacino del Congo mostra che questo potrebbe non essere necessariamente il caso.

Il team internazionale di ricercatori ha esaminato 1.035 famiglie nelle parti camerunesi e gabonesi del paesaggio trifrontaliero Dja-Odzala-Minkebe (paesaggio TRIDOM), che costituisce una parte essenziale della vasta foresta pluviale ricca di biodiversità e carbonio del bacino del Congo, e che è stato identificato come una delle principali risorse per la mitigazione del cambiamento climatico.

Hanno cercato di comprendere le strategie di sostentamento delle famiglie locali e l’impatto di queste scelte sull’uso del territorio e sulla deforestazione. La coltivazione del cacao nelle foreste, dove i raccolti di cacao vengono coltivati ​​all’ombra come parte di un sistema forestale diversificato e complesso, è una strategia di sostentamento popolare nella regione – e relativamente redditizia poiché il prodotto può essere commercializzato a livello internazionale.

La popolazione locale si dedica anche a varie altre attività di sussistenza, come la coltivazione di banane, la caccia agli animali selvatici e la raccolta di prodotti forestali non legnosi. Alcuni sono specializzati in una di queste attività e molti implementano diverse strategie che combinano la coltivazione del cacao con le attività agricole e forestali.

I ricercatori hanno scoperto che tutte le forme di agricoltura possono contribuire in una certa misura alla deforestazione, ma l’impatto di redditi leggermente più elevati ottenuti da portafogli di sostentamento basati sulla produzione di cacao era particolarmente ampio, poiché era “associato a una deforestazione da sei a sette volte maggiore rispetto ad altre attività agricole”. strategie.” altri mezzi di sostentamento.

I ricercatori misurano gli alberi di cacao in un sistema agroforestale in Camerun. Fotografia: Jonas Njohoho-Buffon/University College di Londra

Hanno anche scoperto che le famiglie tendono a imitare le decisioni di deforestazione prese dai loro vicini. “Nei paesi produttori, le interazioni sociali a livello comunitario svolgono un ruolo cruciale”, ha spiegato Jonas Njoho Buffon, autore principale dello studio e ricercatore senior in economia delle risorse naturali presso l’University College di Londra.

READ  Il perd sa femme, emportée par le Covid après avoir donné naissance: “Elle avait 35 ans et n’était pas vaccinée” | Monde

“L’impatto spaziale o l’impatto indiretto delle strategie di produzione del cacao derivanti dalle interazioni sociali sulla deforestazione adiacente è importante quasi quanto l’impatto diretto sulla deforestazione stessa”, ha affermato.

Tra le implicazioni più ampie c’è che la simulazione potrebbe diffondere la deforestazione su scala spaziale, creando un ciclo di deforestazione auto-rinforzante nelle aree di produzione di cacao e colture da reddito. “Comprendere le interazioni sociali e gli impatti sui quartieri è essenziale per comprendere meglio la deforestazione in questi paesi e progettare soluzioni efficaci a livello nazionale”, ha affermato Njohowo Buffon.

I risultati suggeriscono che se lo sviluppo portasse le famiglie a spostare la loro attenzione dall’agricoltura su piccola scala ai prodotti commercializzati a livello internazionale come il cacao, ciò potrebbe portare a un aumento significativo della deforestazione, affermano gli autori. “La simulazione e gli impatti spaziali che ne derivano rendono il cacao una coltura intrinsecamente a rischio di deforestazione in presenza di sistemi di governance del territorio deboli”.

Al contrario, le famiglie che consumano più di ciò che producono hanno meno probabilità di deforestare rispetto a quelle che indirizzano la loro produzione verso i mercati. Tuttavia, “quando le famiglie hanno un migliore accesso ai mercati, tendono a ridurre la loro quota di autoconsumo, il che può anche portare ad un aumento della deforestazione”, hanno scritto i ricercatori.