La Coppia Principesca, in Italia per i 160 anni del Consolato di Monaco a Firenze

La Coppia Principesca, in Italia per i 160 anni del Consolato di Monaco a Firenze

Questo consolato è uno dei più antichi Consolati del Principato in Italia, con quello di Savona.

Sono passati undici anni da quando il Principe Alberto II e la Principessa Charlene hanno visitato Firenze. Ma il 12 aprile la Coppia Principesca è tornata nel capoluogo toscano, in occasione del 160° anniversario del Consolato del Principato a Firenze.

Il 27 luglio 1863 la città italiana ospitò il Consolato di Monaco, sotto la guida del Principe Carlo III. Il Sovrano dell’epoca volle così riaffermare l’indipendenza e l’autonomia del Principato e garantirne lo sviluppo economico e turistico.

Alessandro Giusti, Console Onorario di Monaco a Firenze per vent’anni, ha accolto la Coppia Principesca. È tornato anche sulla storia che lega la città e il Principato su Monaco Info: “ Il Principato è sempre stato un paese pioniere, in anticipo sugli altri. Nel 1865 Firenze divenne capitale d’Italia per sei anni, mentre già due anni prima, nel 1863, Monaco aprì qui, a Firenze, il suo primo Consolato nel Paese. Successivamente, il Principe Ranieri venne spesso in Italia e in Toscana. Lui, ad esempio, ha fatto il viaggio di nozze alle terme di Montecatini. »

Alessandro Giusti, Console Onorario di Monaco a Firenze, ha dato il benvenuto alla Coppia Principesca – © Éric Mathon / Prince’s Palace

Dopo una visita al centro storico di Firenze, con, in particolare, una visita al celebre Ponte Vecchio, la Coppia Principesca si è recata a Palazzo Gondi, dove ha pranzato con il sindaco della città, Dario Nardella, e con il più anziano autorità locali.

Il Sovrano e la consorte hanno poi visitato la sede della Fondazione Andrea Bocelli. Accompagnati dal cantante di fama mondiale Andrea Bocelli e da sua moglie Veronica, il Principe Alberto II e la Principessa Charlene hanno poi assistito a una piccola esibizione privata, durante la quale Andrea Bocelli ha eseguito alcuni dei suoi titoli al pianoforte. La Fondazione del Maestro, la cui missione è migliorare la qualità della vita delle persone in situazioni precarie e che affrontano malattie o disabilità, ha ricevuto anche il sostegno del Principe Alberto II.

READ  Info FootRDC: i giocatori di Mazembe scappano durante un torneo amichevole in Italia

Questo è fondamentale, perché da soli possiamo fare tante cose, ma insieme possiamo fare ancora di più. Conosco il Principe Alberto II da molto tempo. Ho anche vissuto a Monaco e ne ho ricordi meravigliosi. Abbiamo ancora tanti progetti da realizzare insieme e sono certo che la sua sensibilità si sposa perfettamente con la mia. “, ha confidato a Monaco Info.

Anche le Fondazioni del Principe e del cantante sono state onorate durante il galà per i 160 anni del Consolato, ricevendo gran parte dei benefici della serata donata a Palazzo Vecchio, nel “Salone dei Cinquecento. »

Prima di cena, il Principe ha ricevuto un bellissimo regalo dalla signora Elena Campeggi: i ritratti di Grace Kelly disegnati dall’artista italiano Nano Campeggi, famoso per le sue illustrazioni dei leggendari poster dei film di Hollywood.

Nominato infine Presidente Onorario del gruppo medievale degli Sbandieratori di Firenze, il Principe Alberto II perpetuò la tradizione Grimaldiana, come prima di lui il Principe Ranieri III.

Per noi la storia della Famiglia Grimaldi è sempre stata importante. È quasi un punto di riferimento. Speriamo di tornare ad esibirci di nuovo a Monaco un giorno. E quando abbiamo proposto questa Presidenza Onoraria [au Prince Albert II, ndlr], ha subito accettato. È stata una sorpresa molto bella », ha concluso Stefano Torrelli, Presidente degli Sbandieratori di Firenze, a Monaco Info.

READ  Mediterraneo: ondata di caldo, l'Italia è soffocante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *