José Mourinho non è eterno / Serie A / J21 / Roma-Juventus (3-4) / SOFOOT.com

Sconfitta domenica 4 gol a 3 da una Juventus decadente, la Roma ha probabilmente già registrato il fallimento della stagione in corso. Ma anche quello dell’ingaggio di José Mourinho in panchina, mentre il portoghese completa per dimostrare che il suo metodo, visionario quindici anni prima, non è decisamente più di moda.

José Mourinho non è un uomo che cambia. Certo, dai suoi anni ragazzo d’oro all’Inter la schiena si è leggermente contratta, i capelli si tingono di fili grigi e i cerchi sono scavati. Ma il calcio di José Mourinho non è cambiato radicalmente. Lo abbiamo visto successivamente al Manchester United e al Tottenham dal 2016. Lo vediamo anche alla Roma in questa stagione. Sconfitta 4 a 3 dalla Juventus questa domenica dopo aver condotto 3-1 al 70e minuto, il club della capitale è impantanato in una stagione che ha già tutte le arie di un esercizio fallito.

La vittoria di ieri

Ecco i giallorosso triste 7è di un campionato omogeneo, dove l’Inter sembra essere l’unica squadra destinata a dominare facilmente il campo. Questa domenica la Roma ha giocato a intermittenza un calcio di qualità contro una Juve abissale di mediocrità per un’ora di gioco, prima di crollare mentalmente, subendo 3 gol in sette minuti. Se la perdere è storicamente ancorato al corpo del Louve, si era quasi convinta che il Uno speciale, potrebbe rompere il segno indiano. Archetipo di vincitore negli anni 2000, genio iconoclasta di un nuovo calcio incentrato su un’acuta padronanza della comunicazione e della gestione psicologica dei giocatori, il portoghese ha dovuto finalmente spostare le linee a Roma. Rigorizzare l’approccio tattico e mentale di una formazione spesso sbandierata per le sue debolezze di carattere.

READ  La tipica squadra del Day 5 del Torneo Sei Nazioni

Poteva sembrare una buona idea dieci anni fa. Solo che negli ultimi anni, Maurizio Sarri al Napoli, Gian Piero Gasperini all’Atalanta o Simone Inzaghi alla Lazio (poi all’Inter) hanno cambiato il volto della Serie A. I rigorosi mentalisti di Capello o Lippi non sono più in vetta alla classifica . grafica. Anche Massimiliano Allegri – ultima vestigia del calcio italiano vecchio stampo – si è trovato ridicolo: la sua Juventus sta dimostrando in questa stagione una creatività offensiva preoccupante e puntando solo al 5°e posto in Serie A. Con un girone qualitativamente inferiore al suo omologo bianco nero, José Mourinho non poteva prevedibilmente fare di meglio.

ginocchio morbido

Oh certo, l’abbiamo visto schierare i suoi soliti trucchi. Si lamenta continuamente dell’arbitrato. Sulle carenze della sua forza lavoro. Alcuni giocatori, come Jordan Veretout, hanno anche assicurato che ci fosse riuscito “Per cambiare mentalità” dei suoi puledri. Va tutto bene, ma nel calcio moderno non basta. Ottavo attacco e soprattutto ottava miglior difesa della Serie A, la Roma sta nuotando nell’anonimo. José Mourinho non ha saputo dotarlo di automatismi collettivi capaci di rendere più fluido il suo gioco offensivo, o addirittura renderlo più impermeabile dietro. Questa domenica sera, dopo l’assurda sconfitta dei suoi uomini contro la Juve, ha anche ammesso a metà la sua incapacità di trasformare mentalmente i suoi uomini: Quando la Juve è tornata sul 3-2, è scattata la paura. Un complesso psicologico… Ci sono persone in questo spogliatoio un po’ troppo simpatiche, un po’ troppo deboli. ”

Ma questo è anche sorprendente? Il metodo Mou, relativamente improduttivo al Manchester United e al Tottenham, da anni mostra i suoi limiti. A questo proposito si può anche stupirsi del reclutamento dei portoghesi nella Città Eterna. Quest’estate la Serie A ha lasciato il suo giovane allenatore più promettente, alla presenza di Roberto De Zerbi. L’uomo che per tre anni ha reso il Sassuolo una delle formazioni più mozzafiato d’Italia è passato allo Shakhtar Donetsk. Il tecnico 42enne avrebbe potuto facilmente continuare la sua progressione nel paese, in una formazione di livello superiore. Una formazione come la Roma. Ma il giallorosso hanno nettamente favorito il settore Mourinho, più mediatico, più appetibile ai lontani osservatori del campionato italiano. Ma chi guarda le partite lo sa: la vena che sta scavando il portoghese tende allo sfinimento. La Roma potrebbe non averlo capito, ma il calcio è cambiato. E José Mourinho è rimasto indietro.

READ  Calcio - Caroline Abbé: "La squadra è pronta a sfidare l'Italia"

di Adrien Candau

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *