Italia: Lucca punta a diventare la prima smart city europea a misura di animale – ‘essenziale’

Lucca, in Italia, è famosa per la qualità della vita che ha da offrire, le sue mura risalenti al Rinascimento e le sue strade acciottolate.

Ora, attraverso un programma finanziato dall’Unione Europea, mira a migliorare ulteriormente la vita dei suoi residenti e combinando tecnologia e pianificazione urbana per diventare la prima città intelligente a misura di animale in Europa.

L’iniziativa comprende il dipartimento di veterinaria dell’Università di Pisa, il consiglio comunale e Lucrea, la società dietro l’annuale festival del fumetto che si tiene lì. Insieme, secondo The Times, stanno cercando di migliorare il modo in cui gli animali e gli esseri umani interagiscono a beneficio di tutti.

“Gli animali sono una parte essenziale della nostra società”, ha detto Francesco de Iacovou, professore di economia agraria all’Università di Pisa. “Ma sono in gran parte ignorati nella pianificazione urbana”. Il professor de Iacovou spera che il difetto venga corretto.

“L’idea è di rendere Lucca la prima città europea con una politica globale di convivenza tra esseri umani e animali”, ha detto, aggiungendo che nelle città le famiglie tendono a costruire il loro rapporto con la natura attraverso gli animali che le circondano. “Ciò richiede attenzione e politiche mirate, che includeranno il modo in cui cambiano le sensibilità sociali sul rapporto uomo-animale”.

Il professor de Iacovou sostiene che la cura degli animali domestici tendesse ad essere responsabilità delle autorità sanitarie locali, che enfatizzavano l’igiene, la sterilizzazione, la gestione delle malattie e il problema dei senzatetto. “L’attenzione deve ora essere rivolta al miglioramento della qualità della vita della popolazione, dei gruppi vulnerabili, degli anziani e dei turisti. Questo cambiamento deve iniziare con il trattamento degli animali come una risorsa importante”.

READ  La Francia in terza posizione dura DW policy اسة

“Gli animali possono sostenere le persone, ma è anche un’opportunità per nuovi servizi e nuovi posti di lavoro in città”, ha detto. I progettisti devono considerare come gli animali si muovono sui mezzi pubblici, se possono accompagnare i bambini a scuola o essere nelle case di cura quando il loro proprietario sta lavorando e che tipo di spazi pubblici, come negozi o caffè, possono accoglierli.

Si stima che gli italiani spendono annualmente 2 miliardi di euro in cibo per quasi 60 milioni di animali domestici. Il rapporto è di circa un animale per persona. Uno studio indica che possiedono 7,5 milioni di gatti, 7 milioni di cani, 30 milioni di pesci, 13 milioni di uccelli e 3 milioni di piccoli mammiferi e rettili.

Il professor de Iacovou ha espresso la speranza che la ricerca che ha condotto per cinque anni sarebbe una “mappa” di animali che potrebbe essere adottata da altre città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *