In Italia, i nuovi migranti non vengono visti

All’inizio di questa bella stagione il tempo è ancora un po ‘incerto. Inoltre, in assenza di informazioni ufficiali, il modo migliore per tenersi aggiornati sulla situazione nel Canale di Sicilia è consultare le previsioni meteo marine. Da metà settimana la visibilità è scarsa, ma il mare è untuoso. Anche le partenze di migranti dalle coste africane verso l’Europa sono state improvvisamente molto più numerose.

“Fondamentalmente è molto prevedibile, ed è la stessa estate e inverno, spiega il francese José Benavente, della ONG Pilotes Volunteers, che dal 2018 aumenta il numero di viaggi in quest’area del Mediterraneo per individuare le barche in difficoltà. Non appena ci sono diversi giorni di calma, le barche partono in massa dalla costa africana. “ Dopo otto uscite in due settimane, il piccolo aereo della Ong doveva partire sabato mattina all’alba per cercare di trovare una piccola barca con 14 persone a bordo. Il gommone è alla deriva in mare da tre giorni, le informazioni sono scarse e le speranze di trovarne le tracce diminuiscono di ora in ora.

Articolo riservato ai nostri iscritti Leggi anche Anatomia di un naufragio che ha ucciso 130 persone nel Mediterraneo

Attualmente nella zona non ci sono più navi delle ONG. La piccola imbarcazione umanitaria spagnola Aita-Mari, che nei giorni scorsi ha soccorso 50 migranti in difficoltà, ha raggiunto il limite, e ha dovuto viaggiare verso nord per essere assegnato un luogo di sbarco, mentre il Sea-Eye-4 è trattenuto per la quarantena dopo lo sbarco di 415 richiedenti asilo nel porto siciliano di Pozzallo il 20 maggio – le navi commerciali che soccorrono i migranti in mare sono esentate da questa misura sanitaria, ma le autorità italiane chiaramente non vogliono essere accomodanti anche con gli umanitari. Quanto alla nuova nave noleggiata dall’ONG Médecins sans frontières, la Geo-Barents, non succederà per alcuni giorni.

READ  Marie Jagu: "Escappa, per contribuire alla ripresa del turismo in Italia"

Arrivi “autonomi”

Inoltre, in questo contesto di assenza di osservatori nell’area, l’attività della ONG Volunteer Pilots è ancora più preziosa per cercare di comprendere la realtà della situazione. Secondo i dati raccolti dal Ministero dell’Interno, dal 1è Gennaio, l’Italia ha accolto più di 14.000 migranti nei suoi porti. È molto di più rispetto al 2020 (5.000 arrivi) o al 2019 (1.490 sbarchi), ma rimane ben al di sotto dei livelli del periodo 2013-2017, al culmine della crisi dei migranti. Come spiegare questo recente aumento? “Non credo sia dovuto al rilassamento dei libici che operano nell’area, ma è solo che ci sono molte partenze. Tuttavia, quando ci sono più barche che tentano la fortuna allo stesso tempo, non possono essere ovunque … Eppure c’è un’attività di sorveglianza molto importante degli aerei europei e dei droni Frontex, ma non basta “, continua il pilota.

Hai il 45,14% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *