Il primo strumento di misura francese collocato sulla Luna proveniva da Tolosa

Il primo strumento di misura francese collocato sulla Luna proveniva da Tolosa

Di base
La missione cinese Chang'e 6 si è appena conclusa con successo con il ritorno di campioni prelevati dal lato nascosto della Luna. Lo strumento DORN, progettato a Tolosa, era a bordo del lander per studiare la sottilissima atmosfera lunare.

Tutto è successo molto rapidamente. Dal momento della fabbricazione dello strumento – solo tre anni e mezzo – alla durata delle operazioni – 53 giorni. Ma la missione Chang'e 6 fa già parte della discografia dell'esplorazione spaziale, per la Cina che l'ha portata a termine con successo (come le cinque missioni precedenti) e per la Francia che per la prima volta colloca uno strumento attivo sulla Luna, che, inoltre, il suo lato nascosto, è sconosciuto.

Lo strumento in questione è DORN (RadoN Detection of Outgassing), una serie di 16 rilevatori disposti in un rettangolo delle dimensioni di una scatola da scarpe da 4,5 kg. È stato progettato, sviluppato e integrato inIRAP (Istituto di Ricerche di Astrofisica e Planetologia)a Tolosa, sotto la direzione del progetto CNES (Centro Nazionale Studi Spaziali).

Leggi anche:
Dorne, lo strumento di Tolosa, si propone di conquistare il lato nascosto della luna

Misure di radioattività

Il suo obiettivo scientifico? Misura il radon, un gas radioattivo costantemente prodotto dalla regolite, il sottile strato di polvere che costituisce la superficie del suolo lunare. “Vogliamo studiare l’origine e la dinamica del sottile involucro gassoso che circonda la Luna (l’esosfera) e le proprietà della regolite che emette gas radon. La regolite è un serbatoio di gas, tra lo spazio e la Terra, ed è qui gli effetti si manifestano”, spiega Pierre-Yves Meslin, planetologo dell'IRAP e responsabile del progetto DORN. “Si verificano meteoriti, vento solare e raggi cosmici. “È molto interessante studiare i traccianti radioattivi: il radon e il polonio vengono misurati direttamente sulla superficie della Luna.” Attualmente sta lavorando alle analisi effettuate dallo strumento, anche durante la fase di avvicinamento, nell'orbita lunare, dove si trovano i dati sono state raccolte le particelle del vento solare.

Durante le prove d'urto dello strumento DORN, a Tolosa, al Mecano ID.
© QuisProduction – Pryor Samuel, 2022
Keng Wah Wong, ingegnere ricercatore elettronico, responsabile del progetto DORN presso IRAP, e Pierre-Yves Meslin, scienziato planetario, direttore scientifico del progetto DORN.
Keng Wah Wong, ingegnere ricercatore elettronico, responsabile del progetto DORN presso IRAP, e Pierre-Yves Meslin, scienziato planetario, direttore scientifico del progetto DORN.
DDM – Frederic Charmot

Chang'e 6, la navicella spaziale cinese, equipaggiata con lo strumento francese DORN, atterra stasera sulla Luna! Dorn, uno spettrografo alfa, studierà il radon e il polonio per scoprire i segreti del degassamento lunare e le proprietà della regolite. Questo compito… pic.twitter.com/8XOsZMmEN3

– Thomas Pesquet (@Thom_astro) 1 giugno 2024

Con King Wah Wong, ingegnere ricercatore CNRS in elettronica e project manager DORN presso l'IRAP, sono stati tra i primi stranieri ad arrivare al Centro di Controllo Operativo di Pechino. Erano decine i francesi presenti durante la fase finale, in particolare per seguire lo sbarco di Chang'e 6 sulla Luna e l'accensione di Dorne. “Abbiamo potuto seguire tutte le operazioni, finché la sonda non è ripartita con i suoi campioni. È stato incredibile! I cinesi sono atterrati e se ne sono andati in un secondo. Per dieci anni hanno avuto un programma lunare ancora più ambizioso.” Pierre-Yves Meslin si fida.

READ  I moscerini della frutta volano meglio degli uccelli migratori

“Pigro in fiamme”

“Abbiamo lavorato con un laboratorio scientifico cinese. Abbiamo dovuto adattarci ai metodi di lavoro e trovare mezzi di comunicazione affidabili perché i cinesi non lavorano in inglese. I traduttori automatici hanno subito riscontrato i loro limiti per le parti tecniche e gli scienziati, e abbiamo chiamato a studente di meccanica dell'INSA, di cultura cinese, che ci ha aiutato con la maggior parte del Progetto Due Anche gli ingegneri cinesi sono venuti all'IRAP per le fasi di test e la fiducia costruita durante la preparazione alla missione è stata utile, soprattutto quando il nostro strumento era lento ad accendersi a causa di un problema di alta tensione. Avevamo due ore per trovare una soluzione e inviare comandi che non funzionavano. “I cinesi non ci hanno mai seguito”, dice King Wah Wong.

La pubblicazione dei primi risultati scientifici della missione, con i dati del DORN, è prevista entro la fine del 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *