Il lusso italiano per prolungare l’estate

È l’ambientazione di un film d’amore: il castello del XII secolo, la mini-cappella, i viali di cipressi, i vigneti sparsi ai piedi della piscina… Si sente il tepore vellutato dell’aria accarezzare la pelle spogliata. E poi c’è la luce dorata e la vista sublime che si tuffa su questa valle del Chianti, tra vigneti e dolci colline. La pittura toscana resta fedele a se stessa. Ma qui, tra Tavarnelle Val di Pesa e Greve in Chianti (30 minuti da Firenze e Siena), se sono più rari i turisti, non gli esteti. Un indirizzo li incanta particolarmente: l’Hotel Como Castello Del Nero.

È un buona pensione come si suol dire, un “rifugio discreto” che propone puro made in Italy chic: l’ampia terrazza belvedere, la sua storia (la tenuta di 740 ettari apparteneva ai Del Nero, illustre famiglia fiorentina), gli antichi affreschi nei saloni e le accoglienti sale , pavimenti in cotto, muri invecchiati, fontane in pietra, il ristorante La Taverna, con le sue volte e i grandi lampadari, o il tavolo stellato La Torre, situato nelle scuderie originali, o officiare lo chef Giovanni Luca Di Pirro.

E questo blu celadon che si trova ovunque, firmato dall’architetto e designer italiano Paola Navone, che ha completamente ristrutturato il luogo, preservandone lo spirito ma purificandolo in chiave contemporanea: mobili di design dai colori tenui e chiari. , un tocco monacale.

Una camera all’Hotel Como Castello Del Nero

Ma la vita che conduciamo qui non è quella di un monaco! Perché la regione è ricca di piaceri gastronomici e culturali. Ovviamente cediamo ai vini del Chianti Classico, alcuni dei quali sono tra i migliori al mondo. Poi andiamo a fare un giro in bicicletta, su una Fiat 500 d’epoca o su una Vespa, poco importa. La “Chiantigiana” (SR 222) si snoda tra i vigneti e permette di attraversare i paesi di Greve, Castellina, Radda e Gaiole…

READ  Cremona, la promessa italiana del WPT

Ci fermiamo a Greve per un cappuccino sulla magnifica Place du mercatale (piazza Matteotti), prima di andare a festeggiare Bacco nelle cantine della famosa Villa Vignamaggio. La leggenda narra che qui sia nata la Gioconda, nell’edificio principale del XIV secolo. Quello che è certo è che Kenneth Branagh ha girato “Much Ado About Nothing” lì nel 1993.

Pochi chilometri più avanti, a Castellina in Chianti, sopra la Via delle Volte che corre lungo la cinta muraria, si snoda una magnifica fortezza del XV secolo. Infine, un’ultima tappa a Badia a Passignano: una cartolina a grandezza naturale con i suoi uliveti, cipressi e la sua abbazia di San Michele Arcangelo, arroccata su una strada di crinale. Vi abitano ancora alcuni monaci benedettini. Bevono poi alla loro salute all’Osteria di Passignano, degustando un’ottima annata della famosa famiglia Antinori.

E vai

Voli Parigi-Firenze da € 80 andata e ritorno. www.vueling.com

Restare

Como Castello del Nero.

In loco è presente anche un bellissimo centro benessere, che propone un trattamento alla lavanda toscana infusa nell’olio d’oliva. A partire da 430 € a camera. www.comohotels.com/castellodelnero

Ristabilire

Osteria alla Piazza, in mezzo alla campagna. Una tavola della “mamma” come piace a noi, con specialità regionali rustiche e gustose.

Alimentazione tra 9 e 24 €. 12 km a nord di Castellina in Chianti. www.osteriaallapiazza.com

Rapporti

Approfitta dell’offerta a 1€ per 3 mesi con Google

Vino e olio d’oliva ovviamente. Preferibilmente all’Enoteca Le Volte, di proprietà franco-italiana, nella via principale del paese di Castellina. Degustazioni con tutti i buoni prodotti locali.

Via Ferruccio, 12. www.enotecalevolte.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *