I dati positivi delle vendite al dettaglio sono incoraggianti…

Eurobank Research discute gli effetti positivi delle vendite al dettaglio e i messaggi incoraggianti del settore manifatturiero nella sua ultima pubblicazione “7 Days Economy”, sebbene avverta dei rischi di una pandemia e di una crisi energetica.

Osserva inoltre, secondo i dati destagionalizzati ELSTAT, che l’indice del volume al dettaglio, ovvero il valore delle vendite di questo settore a prezzi costanti, è rimasto su una traiettoria al rialzo nell’ottobre 2021 (cfr. figura 1).

In termini analitici, la sua forza si rafforza su base mensile del 2,8% e su base annua del 9,2%. Per l’intero periodo da gennaio a ottobre 2021, l’indice del volume medio al dettaglio è aumentato su base annua del 9,1% da un calo del 2,8% nel corrispondente periodo del 2020. Alla luce di ciò, le vendite medie al dettaglio nel periodo da gennaio a ottobre 2021 è del 6,1% in più rispetto ai 10 mesi da gennaio a ottobre 2019, ovvero prima del coronavirus COVID-19. Tale effetto è in gran parte dovuto all’aumento del reddito disponibile della famiglia – dovuto al forte intervento finanziario – e all’adozione di nuove modalità di negoziazione, oltre che alla presenza fisica, che ha consentito di effettuare acquisti durante la seconda e prolungata chiusura . L’emergere dell’e-commerce ha migliorato l’efficienza delle transazioni e ha creato vantaggi in termini di entrate fiscali.

Come si sono comportate le singole categorie di rivenditori nei 10 mesi da gennaio a ottobre 2021? Escludendo carburanti e lubrificanti (-13,0% rispetto ai 10 mesi da gennaio a ottobre 2019) e minimarket (-5,9%), il resto ha registrato un aumento delle vendite rispetto ai livelli pre-pandemia.

sxhma2

Come mostrato in Figura 2, spiccano i prodotti farmaceutici e cosmetici con un aumento del fatturato del 40,3% rispetto a gennaio-ottobre 2019, seguiti da mobili, elettrodomestici, elettrodomestici (15,7%), libri, cancelleria e altri articoli (13,8% ) e abbigliamento e calzature (9,0%), grandi generi alimentari (8,0%) e generi alimentari, bevande e tabacco (0,8%).

READ  Mondiali 2022: l'Ecuador sarà presto escluso?

Le esigenze emergenziali determinate dall’epidemia si riflettono principalmente nelle prime tre categorie di negozi sopra citate, come l’elevato consumo di prodotti farmaceutici e la creazione di infrastrutture adeguate per il lavoro a distanza, il tempo libero, il tempo libero e la ristorazione al chiuso. La piena normalizzazione sul fronte della pandemia potrebbe, per un po’, portare a un rallentamento (o addirittura a una stagnazione) delle vendite in specifiche categorie di negozi al dettaglio.

L’aumento dell’indice del volume del commercio al dettaglio nell’ottobre 2021 è un indicatore positivo dell’andamento dell’economia greca nel quarto trimestre del 2021.

Anche i suoi messaggi sono incoraggianti settore manufatturiero, con un aumento medio della produzione dell’11,7% a/a in ottobre-novembre 2021 dal 7,9% a/a del terzo trimestre 2021.5 Il suddetto risultato si riflette anche nel PMI (fonte: IHS Markit), in base alle condizioni operative nel settore manifatturiero in Grecia ha mostrato un forte miglioramento durante il quarto trimestre del 2021 (21 ottobre – 58,9 punti, 21 novembre – 58,8 punti e 21 dicembre – 59,0 punti), mentre l’indice di fiducia del settore IOBE è aumentato, seppur lievemente, nel quarto trimestre del 2021 .

Infine, sulla base dei dati della bilancia dei pagamenti della Banca di Grecia, Recupero dinamico delle ricevute di viaggio Nell’ottobre 2021, le entrate del turismo ammontavano a 1,4 miliardi di euro, ovvero il 98,4% delle entrate corrispondenti per ottobre 2019.

I risultati di cui sopra mostrano che il ciclo di ripresa dalla recessione tecnica iniziata a marzo 2020 con la prima ondata dell’epidemia, si è concluso.

Gli attuali dati positivi sulle vendite al dettaglio e sulla produzione industriale possono essere in qualche misura compensati dalle corrispondenti osservazioni per i prossimi mesi a causa del nuovo scoppio della pandemia e della crisi energetica. Pertanto, data la performance relativamente buona degli indicatori ad alta frequenza pubblicati per il quarto trimestre del 2021, è probabile che gli effetti delle perturbazioni del boom “Omicron” e dell’elevata inflazione saranno registrati principalmente nei dati di contabilità nazionale per il primo trimestre del 2022 e inferiore, rispettivamente, rispetto al quarto trimestre del 2021.

READ  Aumenti record di luce e gas nonostante l'intervento del governo Draghi

Infine, va notato che nei prossimi trimestri prevediamo un aggiustamento al ribasso per la componente di variazione delle scorte, a causa dell’ampio arretrato fino al 2021. Come mostrato nella Figura 3, il rapporto variazione scorte/PIL – in termini di 4 -media mobile mensile – è salita al 3,8% nel terzo trimestre del 2021, con una media di lungo periodo dell’1,3%.

sxhma3

Consulta il prospetto completo nella colonna “File correlati” a destra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.