I buoni rapporti che Emmanuel Macron intrattiene con Germania, Italia e Olanda

Il Presidente della Repubblica Emmanuel Macron al Consiglio Europeo di Bruxelles (Belgio), 20 febbraio 2020 (ARIS OIKONOMOU/AFP)

Per garantire il successo della presidenza francese dell’Unione Europea dal 1 gennaio al 30 giugno 2022, Emmanuel Macron può contare su partner europei: Germania in primis, ma anche Italia e Paesi Bassi.

Presto la fine di una bellissima storia tra Emmanuel Macron e Angela Merkel

Si parlano, lei gli dà”caro Emanuele“e lui di”cara AngelaEmmanuel Macron riceve Angela Merkel giovedì 16 settembre all’Eliseo. Una cena d’addio in un certo senso da quando il cancelliere tedesco si prepara a lasciare il potere. Durante la sua ultima visita a Berlino all’inizio dell’estate, il capo di Stato francese ha definito il rapporto bilaterale come segue: “La coppia franco-tedesca agisce, da un lato, con il rispetto di tutti i partner europei, ma anche con il desiderio di migliorare la vita dei nostri concittadini in modo molto concreto. Insieme abbiamo continuato a costruire risultati“.

Per la prima volta da molto tempo Francia e Germania possono S’per orgoglio non essere semplicemente una coppia, la riconciliazione del Trattato dell’Eliseo risale al 1963, ma una forza trainante con questa proposta comune nel mezzo di una pandemia nella primavera del 2020 per mutualizzare il debito in Europa. “I nostri due Paesi hanno giocato un ruolo decisivo nel superare la crisi e disegnare i contorni di una nuova Europa. Abbiamo deciso insieme di rilanciare e poi abbiamo impiegato due mesi per convincere i nostri partner europei. Spesso ci sono voluti anni. per fare molto meno“, sottolinea Emmanuel Macron.

L’insofferenza del presidente francese all’inizio del suo mandato e il suo discorso alla Sorbona, rimasto a lungo senza risposta da Berlino, si scontrarono dunque prima con la prudenza del cancelliere e con il calendario elettorale. La Germania non ha avuto un nuovo governo fino alla primavera del 2018. Poi tutto ha accelerato. “Possiamo dire che dall’adozione del Trattato di Aquisgrana il 22 gennaio 2019, la nostra cooperazione è ora ancora più stretta e si approfondirà ulteriormente in futuro.“ha detto Angela Merkel.

READ  Roland Garros, Sinner combatte e si inchina a Nadal (ma impressiona tutti)

Dei sedici anni di mandato di Angela Merkel, la storia, nel senso dei rapporti franco-tedeschi, ricorderà soprattutto questi ultimi due anni come una vera svolta. La grande incognita ora è sapere chi tra qualche mese siederà sui due sedili del tandem, sia da parte tedesca che da parte francese? I tedeschi voteranno tra dieci giorni. L’esito è talmente incerto che rischia di portare a mesi di trattative per la formazione di un governo di coalizione. In Francia, domenica 10 e 24 aprile si terranno le elezioni presidenziali.

Il “collegamento francese” del Presidente del Consiglio italiano

Il presidente della Repubblica è anche abbastanza vicino al capo del governo italiano. La stampa italiana continua a sottolineare la buona intesa tra Mario Draghi ed Emmanuel Macron. Non è l’unica dal settimanale tedesco Lo specchio avevano dato al loro tandem un soprannome “Dracon“, fusione contorta dei loro due nomi. I giornali italiani insistono sulla convergenza di punti di vista tra i due ex banchieri, diventati leader dei rispettivi paesi. Non hanno esitato a parlare del”Connessione francese“di Mario Draghi a Parigi, dove l’ex capo della Banca Centrale Europea avrebbe una vera e propria galassia di adesioni. Durante i primi Consigli europei, dopo l’avvento al potere di Mario Draghi, Francia e Italia si sono infatti fronteggiate su diversi temi , che vanno dal protezionismo vaccinale al rafforzamento della difesa e della sicurezza.

Questa buona comprensione si è rafforzata nel tempo. Ne ha parlato ancora all’inizio di settembre con la cena tra Emmanuel Macron e Mario Draghi a Marsiglia. I due leader hanno discusso della situazione in Afghanistan, ma anche delle questioni bilaterali in vista della prossima presidenza francese dell’Unione Europea: con l’uscita di scena di Angela Merkel dalla scena europea e mentre il presidente francese si gioca la sua rielezione tra pochi mesi , il Presidente del Consiglio italiano è visto come un polo di stabilità in Europa.

READ  Italia: ulteriore allentamento delle misure anti-Covid

Sulla riforma delle regole di bilancio europee, sulla crisi migratoria o anche sul rafforzamento dell’autonomia europea in difesa, l’Italia vuole credere che la coppia franco-italiana subentrerà alla coppia franco-tedesca come forza trainante. Unione. In ogni caso, in attesa di conoscere il nome del futuro cancelliere tedesco.

Il primo ministro olandese, alleato nel Consiglio europeo?

Quando Emmanuel Macron ha accolto Mark Rutte il 31 agosto all’Eliseo, ha descritto il loro rapporto come estremamente forte e armonioso fin dall’inizio. I due uomini hanno aumentato i loro incontri in Francia e Olanda, in particolare con cene faccia a faccia. Emmanuel Macron e Mark Rutte si parlano senza l’intermediazione di un interprete e si dice che abbiano un vero e proprio rapporto personale.

La Francia ha un reale interesse a raggiungere un accordo con l’Olanda, un peso massimo che gioca al di sopra della sua categoria nel Consiglio europeo. Ma i due paesi hanno disaccordi. Ad esempio, il primo ministro olandese quest’anno ha rifiutato l’idea di Emmanuel Macron di organizzare un vertice europeo con Vladimir Poutine. Soprattutto c’è stata la difficile negoziazione del bilancio europeo. Un compromesso è stato comunque trovato con successo, tra le ambizioni francesi per il rilancio e il club dei “frugali”, guidato dai Paesi Bassi.

Oggi Emmanuel Macron e Marc Rutte mostrano una forma di complicità. Nella dichiarazione dell’Eliseo del 31 agosto hanno lanciato un regolare meccanismo di consultazione franco-batavia, allo stesso livello di quanto fatto con la Germania. Il capo del governo olandese ha espressamente promesso il sostegno dei Paesi Bassi alla presidenza francese dell’Unione Europea nel 2022. Ma Mark Rutte non è sicuro di poter mantenere la sua promessa perché per il momento è nell’attualità ma il suo governo ha dimesso da gennaio. Il suo partito sembra tenere la linea per essere presente in diversi scenari di possibili coalizioni di governo. Mark Rutte, primo ministro per dieci anni, potrebbe benissimo restare al suo posto. Ma le trattative si sono trascinate dalle elezioni legislative di marzo e per il momento non emerge nulla di concreto.

READ  Zaia ancora vittima di minacce di morte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *