Gli squali hanno imparato a seguire i pescherecci invece di pescare, e questa è una brutta notizia

Gli squali hanno imparato a seguire i pescherecci invece di pescare, e questa è una brutta notizia
Rodrigo Friscione/Getty Images/Fonte immagine Sempre più squali vengono a nutrirsi vicino alle barche umane invece che a pescare.

Rodrigo Friscione/Getty Images/Fonte immagine

Sempre più squali vengono a nutrirsi vicino alle barche umane invece che a pescare.

Animali – Sembra che si stia verificando un cambiamento nel comportamento tra gli squali. I buoni cacciatori sembrano apprezzare sempre più le prede facili precedentemente catturate dagli umani. Questo comportamento è chiamato anche predazione e indica che gli squali abbandonano gradualmente la caccia a favore di prede più facili e accessibili.

Questo fenomeno è stato osservato nel Golfo del Messico. C'è anche quello National Geographic Ha realizzato il suo documentario “Spiaggia degli squali con Anthony Mackie” Che uscirà il 30 giugno e sarà disponibile il giorno successivo su Disneyplus e Hulu. Come spiega L Scienza in diretta Lo scienziato Marcus Drymon, uno specialista di squali presso la Mississippi State University, riferisce di casi di depredazioni di squali Squali nella regione in modo significativo negli ultimi dieci anni.

Questo fenomeno ha raggiunto proporzioni tali da far credere ai ricercatori che gli squali abbiano imparato ad associare le barche al cibo facile. Secondo gli specialisti, tale sviluppo risponde alla necessità degli squali di adattarsi all’uomo.

Da cacciatore a spazzino

La biologa marina Jasmine Graham spiega infatti che questa evoluzione trova le sue origini nella competizione tra squali e umani. “Pescamo nello stesso posto dove si trovano gli squali.” Lo spiega nel documentario.

Tuttavia, questi animali sono intelligenti e si adattano molto rapidamente. “Imparano che motore significa cibo.”Il biologo spiega, aggiungendo poi “Hanno iniziato ad avvicinarsi direttamente alle barche, ora siamo in diretta concorrenza con loro per lo stesso pesce, e poi vengono derubati”.

Questo fenomeno è particolarmente evidente nel Golfo del Messico, ma esiste ovunque nel mondo. Pertanto, assistiamo a conflitti tra squali e pescatori in una forma o nell'altra negli Stati Uniti e in Australia. Questa predazione è dovuta non solo alla caccia intensiva, ma anche alla pesca ricreativa. un report Pubblicato lo scorso dicembre dal South Atlantic Fishery Management Council. In risposta, molti pescatori, sia ricreativi che commerciali, operano in mare aperto.

READ  La Terra gira più velocemente di 50 anni fa. qual è il problema?

Squali minacciati

Nel tentativo di risolvere il problema, la National Oceanic and Atmospheric Administration sta valutando i dati sulla predazione sulle due specie più implicate nel fenomeno, ovvero Squali toro e squali sabbia. L'obiettivo è trovare soluzioni come tecniche deterrenti contro gli squali per proteggere il pescato dei pescatori ma anche e soprattutto degli squali.

È improbabile che questa situazione migliori il destino degli squali, la stragrande maggioranza delle cui specie sono oggi a rischio di estinzione. In un rapporto pubblicato l'11 gennaio sulla rivista scienzaGli scienziati hanno affermato che tra il 2012 e il 2019 il numero di squali uccisi dalla pesca è passato da circa 76 milioni all’anno a oltre 80 milioni. Il motivo principale è la domanda di pinne e pinne, nonché di catture accessorie (accidentali).

Se oggi la situazione è disastrosa per questi animali, essenziali per l’equilibrio degli ecosistemi oceanici, esistono misure di protezione efficaci come i divieti regionali di pesca o di detenzione di squali. Ci sono addirittura luoghi in cui il numero degli squali è aumentato. È il caso dell’Alabama, dove il numero di squali toro è quintuplicato tra il 2003 e il 2020, un aumento reso possibile anche dal riscaldamento delle acque della zona.

Vedi anche su HuffPost :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *