Giro, Tour de France, Vuelta… Le più grandi vittorie della carriera di Vincenzo Nibali

(Yuzuru Sunada/Stampa sportiva)

2010, Nibali re di Spagna a 25 anni.
Sulla Vuelta, l’italiano afferra la maglia rossa di leader al termine della quattordicesima tappa. Poi lo dà a Joaquim Rodriguez. Durante la cronometro della diciassettesima tappa, Rodriguez, vittima di una foratura, perde tempo in classifica generale. Nibali riconquista il primo posto che mantiene fino al traguardo. A 25 anni vince il suo primo Grand Tour e diventa il quinto italiano a vincere in Spagna.

(Yuzuru Sunada/Stampa sportiva)

(Yuzuru Sunada/Stampa sportiva)

2013, il suo primo successo in casa al Giro.
Nibali si avvicina al Giro d’Italia con lo status di favorito. Il locale afferra la maglia rosa dalla settima tappa e non la rinuncerà fino all’arrivo a Brescia. In un Giro segnato da condizioni meteo dantesche, Nibali ha vinto tre tappe e in particolare la ventesima sulla neve alle Tre Cime di Lavaredo.

(B. Papon/La squadra)

(B. Papon/La squadra)

2014, prima vittoria italiana al Tour de France da 16 anni.
Rinunciando al Giro, Nibali ha fatto del Tour de France il suo obiettivo per la stagione. Ha preso la maglia gialla nella seconda tappa prima di cederla a Tony Gallopin. Ma il giorno dopo l’acquisizione francese, l’italiano ha ripreso il suo posto di leader assoluto nella salita della Planche des Belles Filles. Mantenne il vantaggio fino a Parigi e vinse in giallo 16 anni dopo il connazionale Marco Pantani. La sua prima e unica Grande Boucle.

(Pier Maulini/IPP/Stampa sportiva)

(Pier Maulini/IPP/Stampa sportiva)

2016, un secondo Giro acquisito al traguardo.
Autore di un inizio catastrofico, Nibali è stato retrocesso a quattro minuti dal leader Steven Kruijswijk alla fine della sedicesima tappa. Ma durante la diciannovesima tappa, l’italiano ha approfittato della caduta di Kruijswijk nella discesa del Col Agnel per recuperare. Il giorno successivo, “lo squalo di Messina” ha preso le distanze dal nuovo condottiero del generale Esteban Chaves nella salita del Col de Lombarde. A due tappe dalla fine, Nibali afferra la maglia rosa prima di mettere finalmente le mani sul suo secondo Giro a Torino.

(S. Mantey/La squadra)

(S. Mantey/La squadra)

2018, vittoria inaspettata su Milano-Sanremo.
È senza dubbio una delle migliori vittorie della carriera dell’italiano. A quasi 34 anni Nibali arriva a Milano-Sanremo senza troppe ambizioni. Il leader della sua squadra è Sonny Colbrelli, l’italiano non è atteso per la vittoria finale. Tuttavia, è davanti a tutti i velocisti per vincere la sua prima Primavera. Dodici anni dopo l’ultimo successo transalpino di Filippo Pozzato.

(B. Papon/La squadra)

(B. Papon/La squadra)

2019, la sua ultima vittoria al Tour de France.
Nibali vuole salvare il suo Tour de France imbarcandosi nella 20a e penultima tappa del Tour de France. Sopravvalutato in generale, Nibali lanciò le ostilità nel passo che porta a Val Thorens. Resistendo a Simon Yates, Warren Barguil e Nairo Quintana, l’italiano ha ottenuto la sua tredicesima vittoria in un Grand Tour, la sesta alla Grande Boucle.

pubblicato il 12 maggio 2022 alle 17:29

READ  Alloggi economici a Barletta (Italia) visti da Alvisi Kirimoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.