Germania: restrizioni per chi non ha preso una terza dose

Venerdì il governo tedesco ha adottato nuove misure per combattere l’epidemia, dopo essersi consultato con i primi ministri della provincia di Lordander. La principale novità riguarda il cibo e l’intrattenimento, con accesso gratuito limitato a chi non ha ancora effettuato la terza dose “boost” del vaccino. Per visitare ristoranti, caffè, bar o pub, devono presentare un test negativo con un certificato di vaccinazione (Regolamento 2G-Plus). In parole povere, questo significa che vengono date più valutazioni di accesso dei clienti, ad esempio in un ristorante: chi ha preso tutte e tre le dosi del vaccino entra con la presentazione di un certificato di vaccinazione. Chiunque abbia preso solo due dosi, ma non la terza dose “richiamo”, ha bisogno di un ulteriore test negativo. A chi non è stato vaccinato viene negato l’ingresso, anche se risulta negativo. È interessante notare che i club e le discoteche sono ancora chiusi, come avveniva fino ad oggi.

“È una misura drastica ma necessaria, in quanto garantisce un migliore controllo dell’epidemia rispetto a quello che abbiamo oggi”, ha detto il cancelliere Olaf Soltz poco dopo aver incontrato i primi ministri di El Ender. Non mancano però le critiche ben prima che vengano annunciate le misure: venerdì sera il primo ministro bavarese, Markus Zender, si è dichiarato “estremamente cauto” sul nuovo regolamento 2G-Plus e per questo ha incaricato il Ministro della Sanità bavarese. Per verificare se l’applicazione della misura ha senso. Sulla stessa linea, il primo ministro sassone Rainer Hazelhof ha chiarito che non attuerà il regolamento, perché “il boom delta è ancora prevalente in Sassonia e quindi al momento non sono necessarie misure aggiuntive”.

READ  PAL ha ricevuto il marchio di sviluppo sostenibile per i siti ricreativi e culturali

Rinvio della vaccinazione obbligatoria

La proposta di vaccinazione obbligatoria, sia per tutti sia per alcuni gruppi della popolazione, non sembra trovare ancora la maggioranza necessaria. Le proteste sarebbero venute principalmente dal Partito Liberale (FDP). Tuttavia, l’ultimo annuncio di venerdì ha riconosciuto la “necessità” della vaccinazione obbligatoria e ha affermato che un calendario per l’attuazione della misura sarebbe stato presentato “presto”.

Ma la proposta di maggiori restrizioni sui contatti sociali non è passata. Di conseguenza, le regole oggi in vigore sono state ampliate: una persona vaccinata può incontrare un massimo di dieci persone, mentre una persona non vaccinata può incontrare solo coloro che vivono nello stesso nucleo familiare più altre due persone. Parlando con i giornalisti, il cancelliere Olaf Soltz ha ringraziato le persone per il loro impegno nei confronti delle misure restrittive durante le vacanze. Nelle sue parole, “La Germania è stata certamente uno dei paesi europei che ha adottato le misure più rigorose per limitare i contatti sociali, ma ha pagato, come mostra il quadro epidemiologico”. Ha spiegato, tuttavia, che nei prossimi giorni è previsto un aumento significativo dei casi a causa della “mutazione omicronica” altamente contagiosa, motivo per cui si stanno adottando nuove misure. Ha nuovamente chiesto più vaccinazioni, affermando che sono “la migliore protezione contro la mutazione dell’omicron”.

Le disposizioni sulla quarantena sono state allentate

Ma mentre le procedure di ristorazione stanno diventando più rigorose, allo stesso tempo il quadro giuridico per la quarantena obbligatoria “svanisce”. Chi ha preso tutte e tre le dosi del vaccino ed è entrato in contatto con un caso non ha bisogno di essere messo in quarantena, come è avvenuto fino ad ora. Il resto dovrà essere messo in quarantena per dieci giorni (anziché quattordici, che è stata la norma fino ad ora), che possono essere ridotti a sette giorni mostrando un test negativo. Questo allentamento è necessario per garantire il buon funzionamento delle infrastrutture critiche del Paese – ad esempio nel sistema sanitario, nella polizia o nei vigili del fuoco – anche in tempi di epidemia. Il premier socialdemocratico della Bassa Sassonia, Stephen Weil, parla di “soluzione corretta e praticabile”.

READ  Nuove regole in ristoranti, caffè, cinema e centri di intrattenimento: cosa si applicherà alle persone vaccinate e non vaccinate

Giannis Papademetriou (DPA, N-TV)

fonte: onda tedesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *