“È sempre triste quando arrivi alla fine”

In tre settimane, la carriera di pilota di Valentino Rossi in MotoGP finirà. Dopo aver annunciato il ritiro la scorsa estate, il nove volte Campione del Mondo si avvicina alla scadenza senza mettere in discussione la sua decisione, maturata da tempo. Prima di andare in Portogallo e poi a Valencia per le sue ultime gare, questa settimana saluta il pubblico italiano con il secondo Gran Premio organizzato a Misano, la sua pista di casa. Non senza emozione, come ha spiegato giovedì in conferenza stampa.

Valentino, stai entrando nel tuo 430esimo Gran Premio, ma sarà anche l’ultimo in Italia: è un’emozione particolare per te?

È una situazione un po’ strana perché è già la seconda volta che veniamo qui, a Misano, e la seconda gara è sempre speciale. Di solito si corre una volta sola ma negli ultimi due anni, con il COVID-19, abbiamo imparato a fare più di una gara sulla stessa pista. Penso che sia una grande opportunità per dire addio a tutti i tifosi italiani, quindi è bello correre qui a Misano, sul mio circuito di casa. Spero che potremo passare un buon fine settimana dal punto di vista meteorologico, perché in quel periodo in Italia di solito è un po’ più difficile. Spero che sia asciutto, soprattutto domenica, e cercherò di fare del mio meglio durante il fine settimana per essere competitivo durante la gara.

Ovunque andiamo nel mondo, hai un sacco di fan ovunque, tutti vestiti di giallo. Quale messaggio vorresti inviare loro?

È una lunga storia. Sono state più di 400 gare, è una lunga carriera. Devo solo dire grazie a tutti perché ho ricevuto e ricevo ancora un supporto straordinario in tutto il mondo. Questo è particolarmente vero in Italia, ma più o meno ovunque. Do sempre il massimo, ci siamo divertiti tutti insieme perché è stata una carriera lunga, con tante belle gare. Vedremo domenica. In ogni caso, dopo Misano ci saranno altre due gare. È sempre triste quando arrivi alla fine, ma è stato comunque bello, ci siamo divertiti.

READ  Andrà tutto bene / Euro 2020 / Finale / Italia-Inghilterra / SOFOOT.com

Valentino Rossi

Quando hai annunciato la tua decisione di smettere l’estate scorsa, hai detto che eri in pace con quella scelta. In un’intervista alla stampa spagnola, nei giorni scorsi, hai detto che pensare a Valencia ti fa venire la paranoia e che non sei pronto a smettere… È perché ami così tanto le moto che smettere ti sembra un incubo?

Non so se hai visto l’intervista, ma per me ne hanno piuttosto estratta una parte per poter scrivere altre pagine. Non è quello. Quello che ho detto nell’intervista è che in Austria tutti mi hanno chiesto come mi sentivo, ma avevo solo preso la decisione ed era diventata ufficiale per tutti, solo che dovevo restare concentrato perché mancava ancora metà stagione. E così ho detto che a Valencia sarebbe stato sicuramente diverso perché sarà l’ultima volta che salirò sulla mia moto e sarò in griglia, quindi penso che sarà più emozionante. In italiano si dice tanto “paranoia” ma è un modo di dire, non è niente di così importante. E comunque mi sento bene, non ho cambiato idea.

Bisogna concentrarsi e pensare al fatto che l’importante è il risultato di domenica e che tutto il resto viene dopo.

Valentino Rossi

È importante per te lasciare Misano con un buon risultato? E cosa sarebbe?

È un po’ difficile perché per molte gare ci sono state molte cose diverse che si sono incontrate, legate al fatto che mi fermerò a Valencia. Tutti vogliono fare qualcosa di speciale e ci vuole molto tempo per cercare di gestire tutto, ma il problema è che alla fine sono ancora in pista, sempre in moto, ed è difficile condividere [mon temps] e rimanere concentrato il più possibile. Guidare una MotoGP è già difficile e pericoloso, quindi devi cercare di rimanere concentrato e non pensare al fatto che questa è la mia ultima gara a Misano ma che [considérer que] è una vera gara. Penso che il modo migliore per farlo sia cercare di essere competitivo, cercare di dare il massimo. Un buon risultato potrebbe essere quello di essere tra i primi 10, anche se non è facile.

READ  Dalla mia finestra - Arti e scienze in Italia

Come riesci a mantenere la concentrazione su tutto ciò che accade intorno a te?

È difficile per tutti, incluso un normale pilota della MotoGP, rimanere concentrati durante il fine settimana, perché devi fare molte cose diverse, molte relazioni con la stampa per esempio, che è molto importante per le persone intorno mentre per un pilota tutto questo le cose sono il risultato di domenica pomeriggio. Quindi sono in questa situazione, un po’ più estrema [qu’un autre pilote]. Quindi bisogna concentrarsi e pensare al fatto che l’importante è il risultato di domenica e che tutto il resto viene dopo. Dobbiamo quindi gestire questa situazione, ma è più o meno la stessa per tutti.

Sei sia una persona che un’icona: come vuoi essere ricordato come un’icona?

Francamente non lo so. Quando sei uno sportivo, la tua vita è un po’ divisa in due parti: una è il pilota che molti conoscono e che uno può seguire durante la sua carriera e piace o no, e un’altra cosa è la persona e lì penso sia più personale , è più per gli amici intimi. Ma, francamente, non so rispondere. Ricordami come un buon pilota, con una lunga carriera e buoni risultati. Ma soprattutto, penso che le persone si siano divertite con me, seguendo le gare per tutti questi anni, e penso che sia il modo migliore per ricordarmi.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *