dopo la Primavera Botticelli, gli ambientalisti prendono di mira un simbolo del progresso

Sabato scorso, gli attivisti di Ultima Generazione si sono aggrappati al piedistallo dell’Uomo in movimento del futurista Boccioni al Museo del Novecento di Milano. Questa è la seconda azione del genere in Italia.

Se il clima crolla, non ci saranno più musei, non più arte “, aveva allertato il collettivo Ultima Generazione durante la sua prima azione non violenta alla Galleria degli Uffizi di Firenze dove gli attivisti avevano incollato le mani alla finestra della Molla (1480 circa) di Sandro Botticelli, il 22 luglio. Sabato 30 luglio, questa volta gli attivisti sono stati vittime L’uomo in movimento (1913) di Umberto Boccioni, esposto a Museo del Novecento a Milano, prima di essere arrestato dalla polizia.


Una nuova modalità di azione militante

Firenze, Venezia, Milano e Roma… Il movimento ambientalista aveva comunque annunciato le sue intenzioni per il suo ” una nuova stagione d’azione all’interno dei musei italiani nei suoi comunicati stampa. Gli attivisti sono stati certamente ispirati dall’ondata di operazioni di alto profilo che ha sommerso cinque istituzioni britanniche, dalla Royal Academy of Arts alla National Gallery di Londra, tra cui la Courtauld Gallery e la Manchester Art Gallery, dove sono rimasti attivi gli attivisti del collettivo Just Stop Oil le mani sulle cornici dei capolavori di Van Gogh, Turner e Constable, il tutto in meno di una settimana.

I quattro attivisti hanno effettuato la loro operazione il 30 luglio. ©Ultima Generazione

Svolgiamo azioni di disobbedienza civile non violenta per provocare azioni urgenti e concrete contro il collasso climatico “Spiega Ultima Generazione fin dall’inizio sul suo sito web. Dopo i blocchi stradali e uno sciopero della fame di 13 giorni, il collettivo sfrutta questa nuova modalità di azione militante per chiedere la fine dello sfruttamento del gas e del carbone. Per Ultima Generazione dovremmo prenderci cura tanto del pianeta quanto del nostro patrimonio artistico. Se la prima azione ha preso di mira un’icona dell’arte rinascimentale italiana, la seconda mira anche a un capolavoro futuristico che simboleggia il progresso. “ Siamo rimasti sul bronzo di Boccioni perché non possiamo più permetterci di precipitare nel progresso economico. Il progresso sperato dai futuristi è lo stesso che ora ci sta portando verso l’estinzione di massa “, spiega il collettivo. Raffigurato sul dritto delle monete italiane da 20 centesimi di euro, L’uomo in movimento celebra la vita moderna e il suo dinamismo. Dopo l’intervento dei quattro membri di Ultima Generazione sulla base della scultura, sono stati arrestati dalla polizia e sono accusati di “ danno e resistenza a un pubblico ufficiale “secondo i media anglosassoni” Il giornale d’arte », il museo ha chiuso i battenti dopo l’operazione.

Operazioni future nei musei francesi?

Se queste due operazioni mirano a richiamare l’attenzione sulla crisi climatica sfidando il mondo dell’arte, sono comunque svolte in modo tale da danneggiare il meno possibile le opere d’arte. In un comunicato, l’organizzazione precisa che il bronzo di Boccioni non è stato toccato e che i partecipanti hanno consultato preventivamente dei restauratori che hanno consigliato loro un adesivo adatto ad aderire alla base dell’opera. Volendo sensibilizzare il grande pubblico sulla causa ecologica, Ultima Generazione organizza un video di presentazione su Zoom il 7 agosto alle 21 per spiegare il perché e il come di questi “ azioni di disobbedienza civile non violenta », attraverso testimonianze di membri del collettivo.

Umberto Boccioni, Man in Motion, 1913, fusione 1949, bronzo, 121,9 x 39,4 x 91,4 cm, Museo del Novecento, Milano ©Wikimedia Commons/Paolobon140

Umberto Boccioni, Man in Motion, 1913, fusione 1949, bronzo, 121,9 x 39,4 x 91,4 cm, Museo del Novecento, Milano ©Wikimedia Commons/Paolobon140

Se non si sa se il collettivo britannico Just Stop Oil sia affiliato ai membri di Ultima Generazione, gli attivisti presenti alle Gallerie degli Uffici e al Museo de Novecento hanno sfoggiato le stesse magliette Just Stop Oil durante le loro operazioni. Sono previsti eventi in altri musei europei? L’organizzazione italiana essendo vicina ad altri gruppi ambientalisti come Der Letzer Generation (Germania) o Last Renovation (Francia), è possibile. Fin dalle prime azioni nelle istituzioni britanniche, i musei francesi hanno seguito lo sviluppo di questa nuova modalità di azione per continuare a proteggere al meglio le opere esposte. All’inizio di questo mese, un attivista di Extinction Rebellion ha detto al quotidiano Le Figaro ” Quello “ i musei non erano pronti “. Già diverse azioni di Last Renovation sono già state realizzate al Roland-Garros e al Tour de France. Speriamo che con questi primi avvertimenti le istituzioni francesi siano ora pronte.

READ  Roland Garros, Sinner combatte e si inchina a Nadal (ma impressiona tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.