Con lo scioglimento dei ghiacciai, Italia e Svizzera ridisegnano i loro confini

Un rifugio costruito in Italia a 3480 metri sul livello del mare è oggi in gran parte in territorio svizzero a causa dello scioglimento del ghiacciaio del Theodul.

Questa è una delle tante conseguenze del cambiamento climatico. Con lo scioglimento del ghiacciaio del Theodule, il confine italo-svizzero, che segue la linea di separazione delle acque, è cambiato. Risultato: due terzi del rifugio delle Guide del Cervino costruito in Italia, a 3480 metri sul livello del mare, si trovano ora sul versante svizzero.

Questo rifugio, che offre vitto e alloggio in questo angolo delle Alpi tra i più amati dagli appassionati di sci, è stato quindi oggetto di intense trattative diplomatiche per più di tre anni, fino al raggiungimento di un compromesso, lo scorso anno di cui restano i dettagli segreto.

E per una buona ragione, la posizione strategica dell’edificio suscita cupidigia. Si trova all’incrocio di Zermatt-Cervinia, una delle stazioni sciistiche più grandi del mondo, al centro di un grande progetto di ammodernamento.

“Abbiamo diviso un po’ in due la pera”, ha spiegato il capo del confine nazionale svizzero Alain Wicht, che ha partecipato alle trattative in cui tutti hanno fatto concessioni per trovare “una soluzione affinché entrambi si sentano se non vincitori, almeno no perdenti”.

Il confine si è sciolto

Il ghiacciaio Théodule ha perso quasi un quarto della sua massa tra il 1973 e il 2010 e ha lasciato il posto alla roccia. È questo scioglimento che ha costretto la Svizzera e l’Italia a rivedere il loro confine, normalmente definito dalla linea di separazione delle acque, il cui flusso verso nord segna il territorio svizzero, e quello verso sud, l’Italia.

READ  Italia: Per sua madre, Nico Mannion ha fatto bene a lasciare la NBA per la Virtus Bologna

Secondo Alain Wicht, se questi aggiustamenti sono frequenti, generalmente vengono risolti confrontando le letture effettuate dalle squadre dei due Paesi, senza intervento politico.

“Devi sapere che stiamo combattendo con terre meno preziose”, ha osservato. “E’ l’unico posto dove all’improvviso abbiamo avuto un edificio che si trovava”, dando un “valore economico” al terreno.

I suoi omologhi italiani, dal canto loro, si sono rifiutati di parlare “a causa della complessa situazione internazionale”.

Sciatori nei pressi del rifugio Guides du Cervin, situato al confine tra Svizzera e Italia.
Sciatori nei pressi del rifugio Guides du Cervin, situato al confine tra Svizzera e Italia. © Fabrice COFFRINI / AFP

“La Svizzera non è interessata a un pezzo di ghiacciaio”

Il contenuto dell’accordo negoziato a Firenze nel novembre 2021 sarà svelato solo dopo la sua approvazione da parte delle autorità: da parte svizzera, l’argomento non potrà essere presentato al Consiglio federale almeno fino al 2023.

Più loquace l’ex capo della delegazione svizzera, Jean-Philippe Amstein, che spiega che queste controversie si risolvono attraverso uno scambio di territori di simile superficie e valore.

“La Svizzera non è interessata a prendere un pezzo di ghiacciaio”, ha spiegato, “gli italiani non possono compensare la perdita di superficie svizzera”.

Lavori di ristrutturazione ritardati

Da parte sua, il custode del rifugio, Lucio Trucco, 51 anni, è stato informato che sarebbe rimasto in suolo italiano. “Il rifugio resta italiano perché siamo sempre stati italiani”, ha detto, aggiungendo che “il menu è italiano, il vino è italiano e le tasse sono italiane”.

Questi anni di trattative hanno ritardato la ristrutturazione del rifugio, nessuno dei villaggi ai lati del confine ha potuto rilasciare il permesso di costruire.

READ  come in Francia, la tessera sanitaria entra in vigore in una versione più leggera

Non saranno completati i lavori per l’apertura di una nuova funivia, che consentirà l’accesso al Piccolo Cervino, una delle vette sciabili più alte d’Europa (3883 m) dall’Italia a fine 2023 dall’Italia, garantendo il passaggio delle Alpi. “con i piedi asciutti” per un costo stimato di 45 milioni di franchi (45,8 milioni di euro).

Mentre alcune località di media montagna si preparano alla fine dello sci alpino a causa del riscaldamento globale, Zermatt-Cervinia fa durare il divertimento, anche se queste attività contribuiscono allo scioglimento del ghiacciaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.