Claude Tessier, custode dei tesori del passato

rivista. La “soffitta” nel villaggio di Quebecwa d’Antan contiene tutto ciò che è la grotta di Ali Baba. Contiene veri tesori. Cose che testimoniano il passato. Claude Tessier è il custode di questo tempio.

Gli scaffali sono pieni, le scatole sono piene. Vestiti, libri, orologi, stoviglie, giocattoli, statuine e molte altre cose sono state lasciate indietro per molto tempo. L’elenco è lungo.

Claude Tessier si muove per la stanza, l’atmosfera quasi sospesa nel tempo. In quello che lui chiama un “guazzabuglio”, sa esattamente dove è immagazzinato ogni artefatto.

“Ci sono cose qui, ma sono anche ovunque nel villaggio, nelle case. Ne abbiamo migliaia e migliaia, che è l’entusiasmo dello storico e direttore dell’autenticità Village québécois d’antan. La stragrande maggioranza delle donazioni. Ho telefoni o e-mail ogni giorno, a volte due o tre telefoni al giorno”.

Tanto che a volte è addirittura necessario rifiutare. “Se avessi accettato tutti i pianoforti che mi sono stati offerti, sarei andato al negozio”, scherza Claude Tessier.

Attraverso telefonate, discussioni e foto in arrivo, lo storico lo addestra alla scoperta di gemme rare. Questi oggetti antichi acquisiti preservano non solo la vita del villaggio, ma anche il patrimonio collettivo.

Claude Tessier elenca, autentica e archivia questi “tesori”. Svolge attività di ricerca, allestisce collezioni e mostre. Assicura il rispetto del quadro storico, sia per l’abbigliamento che per l’animazione dei personaggi o degli edifici. Nessun dettaglio è lasciato al caso. “Scelgo le cose in base a ciò che abbiamo, alla loro qualità e a ciò che penso debba essere preservato”, afferma.

dall’inizio
Claude Tessier fa parte dei mobili del villaggio di Quebecé d’Antans. Era lì all’inizio, quasi 45 anni fa. Per lui, il sito, che comprende 70 edifici che rappresentano il Quebec degli anni 1810-1930, non ha segreti.

READ  Revisione 2020: punti chiave su Preveza

Io sono quello che arreda le case. Ho anche lavorato per metterli in campo, come facevamo allora. Si ricorda che li allineiamo a occhio con dei paletti. Ho lavorato nel villaggio fino al 1983 e dopo ho insegnato storia per quasi 30 anni. Ma tornavo sempre perché conoscevo il paese a memoria. Nel 2010 sono stato chiamato per dirmi che da diversi anni non esisteva un datatore, quindi sono tornato indietro. Lavorerò part-time… e metà per circa 12 anni! “

Se il signor Tessier è sempre stato coinvolto, direttamente o indirettamente, è perché crede così fortemente nella missione dell’organizzazione creata dallo storico Claude Ferrier nel 1977. “A volte ho dovuto lottare perché ci sono visioni che puntano più su intrattenimento, tralasciando l’aspetto storico, di autenticità. Litigo spesso. Inoltre, mi sorprende che io sia ancora qui”, dice il Joker.

E nonostante abbia ancora Holy Fire, Claude Tessier non nasconde che sta pensando alla pensione. “Non credo che me ne andrò mai da qui perché è una passione, ma non devo sempre lavorare qui”, dice il simpatico storico. Potevo solo diventare un consigliere di villaggio. Inoltre, ho grandi speranze che ci saranno nuove persone”.

Rianimare le cose oziose
Nel disordine organizzato, Claude Tessier ha preso di mira manufatti che non erano ancora entrati nelle case. A partire dalla stagione estiva, saranno presentati nell’edificio che ospita la reception del Village québécois d’antan. “Mi sto preparando per una mostra sullo stile di vita. Lo spazio del museo sarà permanente, ma ciò che verrà presentato cambierà con le stagioni. Voglio che i visitatori abbiano un’idea dall’inizio di ciò che è nel villaggio perché non hai tempo per vedere tutto”, dice.

READ  Sono venuti da Barbados, Johannesburg, Verona e Connecticut per studiare e vogliono restare
(Foto di Ghislaine Bergeron)

Le scatole di cartone, chiaramente contrassegnate, sono posizionate con cura su un grande tavolo. Cappelli, guanti e piantine in particolare si trovano all’interno. “Lavoro in collaborazione con studenti del terzo anno in tecniche di museologia al Collège Montmorency. Allestiranno la mostra con i materiali che loro stessi hanno iniziato a riparare, a restaurare. Queste sono le cose nelle scatole”, spiega l’insegnante in pensione.

Tra i capolavori da condividere con il grande pubblico, Claude Tessier ha scelto una piccola statua del giovane Gesù Cristo a Praga. “Per me è un oggetto da collezione. È stato donato dalla Congregazione delle Suore di Sant’Anna a Lachin”, dice con gli occhi lucidi.

Una delle suore è venuta a visitare il villaggio. In chiesa ha visto mancare una mano al nostro Sacro Cuore. Ha informato il direttore al suo ritorno, che ci ha chiamato per presentarci le loro usanze. Quando il museo stava chiudendo, ho chiesto se c’era interesse ad acquisire altri pezzi. Alla fine, hanno donato 122 articoli. Ho capito che ci sono dei tesori, come il piccolo Gesù a Praga, continua. Le due sorelle hanno anche donato una statua di Giovanna d’Arco in marmo italiano. È un elemento totalizzante. Farà parte della mostra”.

Il mandolino è una delle donazioni che verranno esposte. “Ha vissuto una vita lunga, almeno cento anni. Viene da un benefattore di Drummondville, Guglielmo III Burntrager”, dice lo storico.

Anche il gestore dell’Asala Village ha deciso di acquistare una carrozzina. “L’abbiamo avuta da un uomo cresciuto a Westmount, da una famiglia benestante. Quando la signora mi ha mandato una foto, mi sono detto che non potevo perdermela. È davvero un pezzo unico nel suo genere”, conferma Claude Tessier.

READ  L'Inghilterra ha bisogno di intensificare la partita del Sei Nazioni contro l'Italia per evitare ulteriori sconfitte

Per completare la mostra, quest’ultimo ha solo l’imbarazzo della scelta. Resta da scoprire, tra qualche mese, cos’altro ha reso la data che avrebbe scelto per riportarlo in vita. “Ho la fortuna di prendere le cose, di poterle conservare e di essere ammirate dagli altri. Sono quello che ha il miglior lavoro nel villaggio!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *