Benefici del vaccino: cosa cambia in ristoranti, teatri, cinema, discoteche e stadi

In due categorie, per le vaccinazioni pure e miste, è prevista dal 15 luglio la suddivisione delle aree ristorazione e intrattenimento.

In particolare, i non vaccinati devono avere un test negativo per l’ingresso negli ambienti chiusi, ad eccezione dei luoghi di spettacolo (ristoranti, caffè, cinema, teatri). Lo stesso vale per i centri di intrattenimento all’aperto (dal 1/7) e al coperto (dal 15/7).

Inoltre, dal 15 luglio, non saranno ammessi campi da gioco non vaccinati, sia interni che esterni.

Coloro che hanno completato la vaccinazione e sono stati mediati per 14 giorni o si sono dimostrati malati negli ultimi sei mesi avranno accesso alle aree completamente vaccinate.

Negli spazi misti, invece, entrerebbe anche chi si fosse sottoposto ad un test molecolare o rapido con esito negativo nelle ultime 48 ore.

Misure dettagliate

Cinema, teatri, ristoranti e caffè, operanti al chiuso, opereranno esclusivamente per le persone vaccinate, con una copertura massima all’85% della loro capienza e senza l’uso di mascherina.

Gli spazi misti funzioneranno con una copertura massima del 50% della loro capienza e sarà obbligatorio l’uso della mascherina.

I minori avranno esito negativo dell’autotest da parte dei genitori, mentre nei teatri e nei cinema sarà necessario l’uso della mascherina indipendentemente dal grado.

Quanto segue si applica ai posti a sedere all’aperto, come spettacoli teatrali o concerti:

  • Se pubblicizzato come puro, funzionerà alla massima copertura all’85% della sua capacità, senza l’uso di una maschera.

Se dichiarato come totale, funzionerà con la massima copertura della capacità:

  • 75% per spazi fino a 1.000 posti
  • 70% per spazi fino a 5000 posti
  • 65% per spazi fino a 15.000 posti e uso obbligatorio della mascherina
READ  Mario Ferry, l'invasore della Terra con bandiera LGBT+, è partito gratis

Bar e club

Per discoteche, bar e locali, sia aperti che chiusi, vale quanto segue:

Se è destinato solo a persone vaccinate e malate, lavorano ad un massimo del 60% della loro capacità e senza l’uso di una maschera.

Se i proprietari dichiarano di essere misti, opereranno con una copertura massima del 25% della loro capacità.

stadi

Solo coloro che sono stati vaccinati e che hanno contratto la malattia nei sei mesi precedenti entreranno negli stadi, con uso obbligatorio della mascherina e pienezza dell’85%.

Risposte utili per la nuova modalità di funzionamento

La nuova realtà dell’esistenza di negozi per vaccinati e non vaccinati solleva ragionevoli interrogativi. Vediamo alcuni di quelli forniti da SKAI, insieme alle loro risposte:

  • Come faccio a sapere se il sito è puramente vaccinale o misto? Ci sarà un cartello speciale all’ingresso.
  • Non è immune chi rifiuta il test, entra in un ristorante, bar, ecc.? L’ingresso sarà bloccato.
  • L’imprenditore è legalmente coperto? Sì davvero. decisione ministeriale congiunta
  • L’autotest è stato accettato? No, solo PCR o veloce.
  • L’obbligo vale anche per i dipendenti? numero. Riguarda solo i clienti.
  • Chi controllerà? Stessi principi oggi.

Sul motivo dei diritti…

Durante le domande e dopo la ragionevole domanda se le azioni intraprese causino divisione nella società, George Gerapetrits ha sostenuto che “non solo dividiamo la società, al contrario, ci preoccupiamo della coesione sociale e della salute pubblica. È una religione che lo stato deve badare, perché su tutti valga il bene sociale della salute, e credo che non ci sia nessuno in questa stanza e nessuno in questo Paese che contesti il ​​fatto che la salute è al di sopra dell’attività secondaria del tempo libero”.

READ  Biennale Architettura di Venezia 2021: "Come si vive insieme?"

Ha affermato: “Stiamo parlando di attività legate all’intrattenimento indoor e outdoor su larga scala. Naturalmente, non stiamo parlando di restrizioni all’aperto, siamo tutti consapevoli che oggi centri commerciali, ristoranti e altri luoghi di intrattenimento operano per tutti su una base non graduale, quindi non ci sono restrizioni a tutti. in questo significato “.

Ha aggiunto che “la libertà non riguarda solo l’individuo, ma riguarda la società nel suo insieme. È dovere di solidarietà sociale di tutti noi stare davanti a questo bene pensando”.

seguilo Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Trova le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *