Appare un mondo perduto con un fiume gigantesco vecchio di 40 milioni di anni!

Appare un mondo perduto con un fiume gigantesco vecchio di 40 milioni di anni!
Gli scienziati hanno utilizzato attrezzature di perforazione a bordo della nave da ricerca Polarstern. Sono riusciti a trovare il grande fiume nell'Antartide occidentale.
Enzo Campitella

Enzo Campitella Meteorite argentina 7 minuti

Un team di ricercatori ha scoperto un mondo antico perduto sotto i ghiacci dell'Antartide. C'era un fiume gigante che serpeggiava lì 40 milioni di anni fa. Più precisamente, come detto Scienza in direttaDurante la perforazione dell'enorme calotta glaciale dell'Antartide occidentale, i geologi hanno scoperto i resti di un antico sistema fluviale che, al suo apice, Si estendeva per circa 1.500 chilometri. I risultati sono stati pubblicati il ​​5 giugno sulla rivista Science.

Il fiume Antartico esiste da circa 40 milioni di anni e si ritiene che il suo corso si estenda per 1.500 chilometri fino al Mare di Amundsen. Anche prima che esistesse questo enorme fiume, diverse aree dell’attuale Antartide occidentale erano costituite da foreste pluviali temperate.

Uno dei membri del team, Johann Klages, sedimentologo del Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina presso l’Istituto Alfred Wegener in Germania, ha dichiarato: “Se pensiamo ai possibili cambiamenti climatici estremi in futuro, Dobbiamo imparare dai periodi della storia della Terra in cui questi cambiamenti si sono effettivamente verificati. Le risposte si trovano nella storia del pianeta stesso.

Da 34 a 44 milioni di anni fa, durante l'epoca geologica conosciuta come Eocene medio e superiore, l'atmosfera terrestre cambiò radicalmente. In questo periodo, i livelli di anidride carbonica diminuirono drasticamente e l’atmosfera perse gran parte della sua capacità di resistere alle alte temperature. Poi il raffreddamento globale ha portato alla formazione di ghiacciai su terre libere dai ghiacci.

Conoscere il passato per prevedere il futuro

Gli scienziati stanno ora cercando di capire come si è verificato questo importante evento climatico in Antartide. Soprattutto perché i livelli di anidride carbonica sulla Terra continuano ad aumentare a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo.

READ  La NASA ha rivelato che il rover "perseverante" è in attesa quando atterra sul pianeta rosso il 18 febbraio

La quantità di anidride carbonica alla fine dell’Eocene era circa due volte maggiore di quella odierna. Tuttavia, potrebbero essere simili ai livelli previsti tra 150 e 200 anni se i livelli di gas serra continuassero ad aumentare.

La mappa mostra la topografia subglaciale dell'area di studio, comprese le principali unità geologiche e strutture tettoniche, nonché la posizione proposta del sistema fluviale dell'Eocene.
La mappa mostra la topografia subglaciale dell'area di studio, comprese le principali unità geologiche e strutture tettoniche, nonché la posizione proposta del sistema fluviale dell'Eocene.

Ottenere i materiali necessari per la ricerca e raggiungere questi risultati è una sfida scientifica. Attualmente, la maggior parte dell’Antartide occidentale è ricoperta di ghiaccio, il che rende difficile l’accesso alle rocce sedimentarie necessarie per studiare gli ambienti primitivi. Ecco perché i geologi spesso si affidano al tipo di cereali, minerali e fossili intrappolati in questi sedimenti per capire le condizioni che caratterizzano un'area.

Il lavoro è iniziato nel 2017, quando Klages e gli altri scienziati che componevano il gruppo di ricerca hanno lasciato il Cile a bordo della Polarstern, la più grande nave da ricerca scientifica mai costruita. Dovevano attraversare l'aspro Passaggio di Drake e l'Antartide occidentale. Dotato delle più moderne attrezzature di perforazione, Hanno iniziato a prelevare campioni di sedimenti molli e rocce dure dal fondale marino ghiacciato.

Coperto da chilometri di ghiaccio

Gli scienziati sono riusciti a perforare il fondale oceanico per circa 30 metri e a recuperare sedimenti contenenti strati risalenti a due periodi diversi. Calcolando il tempo di dimezzamento degli elementi radioattivi, come la proporzione di uranio e piombo nei sedimenti, hanno scoperto che la parte inferiore dei sedimenti si è formata nel periodo Cretaceo medio, circa 85 milioni di anni fa. Questi sedimenti contengono fossili, spore e polline caratteristici delle foreste pluviali temperate che esistevano a quel tempo.

READ  Scopri se sei una persona problematica o meno...

La parte superiore del sedimento, invece, conteneva soprattutto sabbia risalente all'Eocene medio-superiore, cioè da 30 a 40 milioni di anni fa. Dopo aver studiato il materiale in dettaglio Hanno riconosciuto nello strato di sabbia dell'Eocene un forte modello stratigrafico simile a quello di un delta fluviale, vicino a fiumi come il Mississippi, il Río de la Plata o il Rio delle Amazzoni.

Hanno analizzato i biomarcatori lipidici, misurato la quantità di grassi e zuccheri nel sedimento e hanno scoperto È una molecola unica comunemente presente nei cianobatteri che vivono nell'acqua dolce.

Questa scoperta confermò i loro sospetti sull'esistenza di un antico fiume che serpeggiava attraverso il continente milioni di anni fa. I ricercatori hanno rintracciato i grani dell’Eocene in una distinta regione salata nelle montagne transantartiche, attraversando un’area di circa 1.500 chilometri prima di sfociare in quello che oggi è conosciuto come il Mare di Amundsen.

Riferimento articolo:
Maximilian Zundel et al. Un vasto sistema fluviale transcontinentale attraversava l'Antartide occidentale durante l'Eocene. Fantascienza. Adv.10,eadn6056(2024).DOI:10.1126/sciadv.adn6056

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *