Alle frontiere, Anafé combatte le violazioni dei diritti umani (…)

Inserito il 14.09.2021

Di fronte all’irrigidimento delle politiche migratorie europee e alla militarizzazione delle frontiere, Anafé si batte contro le condizioni, troppo spesso indegne e illegali, di detenzione e respingimento degli esiliati. Una squadra del CCFD-Terre Solidaire ha preso parte a una missione di osservazione al confine franco-italiano e ha assistito a questi abusi. Storia.

© Ophélie Chauvin / CCFD-Terre Solidaire
© Ophélie Chauvin / CCFD-Terre Solidaire

Monginevro, 22 giugno 2021.

Sono le 21:30 Nelle Hautes-Alpes, la notte scende sulla città di Montgenèvre, immersa sotto una fitta nuvola di nebbia. L’attrattiva turistica della città si è addormentata e il silenzio domina le strade deserte.

Questa città di confine è oggi un importante punto di passaggio, dove ogni giorno decine di persone cercano di attraversare il confine attraverso il Col de Montgenèvre per raggiungere Briançon, che si trova a 12 chilometri da qui.

Quaderni e penne in mano, dipendenti e volontari di CCFD-Terre Solidaire assistono Emilie dell’Associazione nazionale di assistenza alle frontiere per gli stranieri (Anafe), per effettuare una missione di osservazione notturna alla frontiera.

Due gruppi – uno stazionato davanti alla stazione di polizia di frontiera (PAF), e l’altro nel parcheggio di fronte alla stazione degli autobus – osservano i movimenti della polizia e le procedure di controllo che eseguono.

I dispositivi umani e materiali sono sostanziali. Per tutta la notte polizia di frontiera, polizia nazionale, militari e gendarmi pattugliano i sentieri di montagna, e nel centro cittadino, alla ricerca dei migranti.

La polizia è dotata di un’ampia gamma di veicoli; 4×4, quad, auto senza contrassegni, furgoni… E hanno un intero sistema di attrezzatura di sorveglianza: poco prima di mezzanotte, due gendarmi si avviano a piedi in un sentiero, dotati di telecamere termiche.

READ  Vacanze estive: Spagna, Italia, Grecia… Ecco le condizioni di ingresso e uscita per paese

Quella notte verranno rimandate in Italia tre persone, ma il numero è senza dubbio più consistente. È quasi mezzanotte, quando cinque agenti di polizia scendono in un furgone al PAF e dicono al loro collega: “Abbiamo attraversato il Passo e li abbiamo presi (…) erano 15”, scaricando zaini e tappetini dal bagagliaio.

Gli osservatori hanno ripetuto una missione di osservazione la mattina successiva, fino alle 15, nello stesso luogo. Durante questo, cinque persone verranno arrestate e portate alla stazione PAF.

L’osservazione di un confine militarizzato

Sono le ultime cinque, sono vicine 14.000 persone in esilio che hanno percorso i sentieri transalpini al confine franco-italiano.

Determinata, ma non riconosciuta, a arginare questa immigrazione, la polizia di frontiera dal 2015 ha intensificato la sorveglianza e i controlli nell’area.

Nel suo ultimo rapporto di osservazione, Persona non grata, Anafé rileva un confine “militarizzato” dove si verificano molteplici violazioni dei diritti. Questo rapporto è il risultato di numerose missioni di osservazione e raccolta di testimonianze di migranti, effettuate tra il 2017 e il 2018 al confine franco-italiano.

I migranti sono spesso respinti immediatamente, senza aver potuto presentare domanda di asilo, vittime di procedure sbrigative e del mancato rispetto dei loro diritti.

Oppure sono detenuti in aree cosiddette di “rifugio”, adiacenti al posto di frontiera, che non hanno un quadro giuridico.

Spesso vengono trattenuti lì per diverse ore, senza cibo né acqua, in locali degradati. Nessun mobile permette loro di riposare o dormire. E non sempre viene rispettata la separazione tra uomini e donne o tra minori e adulti. Inoltre, violenze fisiche e verbali e controlli spesso discriminatori.

Posto del PAF di Monginevro. A sinistra, la zona “rifugio” © Ophélie Chauvin / CCFD-Terre Solidaire
Posto del PAF di Monginevro. A sinistra, la zona “rifugio” © Ophélie Chauvin / CCFD-Terre Solidaire
READ  Un tenore del design italiano si rivolge agli ebanisti giapponesi

Nel 2019 Anafé ha adito il Consiglio di Stato per chiedere la chiusura definitiva di queste zone “rifugio” che l’associazione definisce zone “di privazione della libertà”, e continua ancora questa lotta.

Trent’anni di mobilitazione, una lotta che continua

Grazie alle informazioni raccolte, Anafé combatte gli abusi alle frontiere attraverso un’azione multidimensionale.

L’associazione aiuta le persone detenute alle frontiere a far valere i propri diritti e segue coloro che vengono respinti. Mira inoltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sue pratiche abusive e illegali e a rafforzare la sua difesa a livello di organismi nazionali e internazionali per riformare le leggi e le pratiche alle frontiere.

Da luglio, Anafé ha rafforzato la sua azione al confine franco-spagnolo; dove si accentuano anche i problemi delle violazioni dei diritti e dei respingimenti abusivi dei migranti. Fino a dicembre, Anafé condurrà missioni di osservazione nell’area dei Paesi Baschi.

Le varie controversie portate da Anafé portarono alle prime vittorie. I minori non accompagnati sono ora assistiti dall’Assistenza Sociale per l’Infanzia al confine franco-italiano: una procedura legale che in precedenza era stata violata.

Grazie alla sua trentennale esperienza alle frontiere e alla sua dedizione nel campo delle persone in esilio, Anafé ha accolto in 2019, la menzione speciale del Premio per i diritti umani della Repubblica francese.

Autore/i: ANAFE


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *