Alessandra Pierini: “L’anno prossimo farò la drogheria per 30 anni! “

LEI a tavola. Da quanto tempo esiste il negozio di alimentari Rap?

Alessandra Pierini. Sono ormai 10 anni che non vedo il tempo che passa. È pazzesco ! Se dieci anni fa mi avessero detto che avrei ancora gestito questo negozio … Prima di arrivare nella capitale, ho vissuto in Provenza per 17 anni. Sono arrivato da Genova nel 1987, sono atterrato per la prima volta ad Aix-en-Provence. Poi, nel 1992, ho aperto Paste e dolce, il mio primo negozio di alimentari a Marsiglia. Nel giugno 2010 ho venduto e nel settembre dello stesso anno ho aperto Rapp a Parigi. L’anno prossimo sarò un droghiere per 30 anni!

MANGIARE. Cosa compriamo da te?

AP Un po ‘di tutto. Ho più di 200 referenze con una grande maggioranza di prodotti di gastronomia come oli d’oliva, aceti, salse, pasta ovviamente, risotti, frutta secca, caffè ecc. Ho anche un intero comparto fresco dove vendo formaggi e salumi italiani come prosciutto di Parma, San Daniele, mortadella, Lardo di Colonnata. Poco più in là, a 30 metri, abbiamo aperto una cantina per vini italiani naturali, biologici o biodinamici. Quello che offriamo è molto ampio. I clienti vengono spesso per passeggiare, guardare, fare domande. Questo è uno dei motivi per cui mi piace molto questo quartiere, il 9 ° arrondissement. Le persone sono curiose, si interessano ai prodotti, parlano con me. Ci sono molte discussioni.

MANGIARE. Hai anche attività extracurriculari?

AP Collaboro spesso con Éditions de l’Épure, una piccola casa editrice nel 14 ° arrondissement. Con loro scrivo piccoli libri pratici sui prodotti. Al momento ne sto lavorando a due nuovi, di cui uno in uscita il 24 aprile: “Finocchio, dieci modi per prepararlo” e successivamente “Salvia, dieci modi per prepararlo”. Adoro questo formato perché mi permette di entrare completamente in un argomento, analizzo tutto dalla A alla Z. Ciò che è buono è anche la parte della ricetta. Ne scelgo sempre circa 20 che provo al supermercato e li lascio assaggiare ai miei dipendenti. All’improvviso, adesso, mi chiedono sempre di scrivere libri!

READ  "Le altre patologie non sono state escluse" - Corriere.it

E poi, naturalmente, ho collaborato al libro “Assaggeremo l’Italia” di François-Régis Gaudry. Faccio parte della redazione e ci abbiamo lavorato per 2 anni. È stato un brutto inizio perché abbiamo dovuto pubblicare il libro alla fine di novembre in piena prigionia. Abbiamo pensato che non avrebbe mai funzionato. Finalmente siamo alla 6a riedizione e oltre 80.000 copie vendute.

MANGIARE. C’è una ricetta che si è distinta per te in questo libro?

AP Il risotto di piselli, risi e pisi. È un piatto veneziano a metà tra il risotto e la zuppa. È soprattutto un incontro tra riso e piselli, è fantastico! È fatto con un riso per risotti di alta qualità chiamato vialone nano e piselli freschi, ovviamente. Nel libro la mia amica Elonora Zuliani lo propone leggermente modernizzato con vino bianco, crema di piselli e un tocco di erba cipollina, al posto del tradizionale prezzemolo.

La Ricetta di Eleonora Zuliani.

MANGIARE. Puoi parlarci di altre ricette o prodotti a cui sei particolarmente affezionato?

AP Mi piacciono molto i fagioli borlotti, quelli piccoli marroni con macchie rosse. A cottura ultimata sprigionano un gusto molto profumato di frutta secca e nocciole. Dovrebbero essere messi a bagno in acqua il giorno prima e poi appena cotti in modo che rimangano morbidi. Il Borlotti è abbastanza vicino al Cocos de Paimpol, si chiama il cocco rosa. È uno dei fagioli più facili da trovare, inoltre è economico. È perfetto come insalata, con cipolle di Tropéa, salvia, maggiorana, un goccio di aceto di mele e olio d’oliva.

Ho una passione per le olive tagiascca. Sono queste olive viola, coltivate nei pressi di Genova, in provincia di Imperia, in Liguria. Vengono sempre snocciolate e messe in un barattolo nel loro olio. Si trovano quasi solo nelle gastronomie. Hanno tutta la bontà dell’oliva verde, vegetale ed erbacea e il gusto rotondo e aromatico dell’oliva nera. Inoltre con queste olive ho una ricetta, la pasta saporita, è la ricetta preferita di mio figlio Christian.

READ  Kessie e Castillejo, Pioli vola anche senza Ibrahimovic

MANGIARE. Puoi darci la ricetta?

AP Per la ricetta della pasta saporita, serve una padella a bordi alti in cui scaldare 1 cucchiaio. cucchiai di olio d’oliva. Tritate grossolanamente 200 g di olive taggiasche, 200 g di capperi, 2 filetti di acciughe sott’olio e metteteli nella padella ben calda. Aggiungere 100 g di pomodorini schiacciati per fare il loro succo e la stessa quantità di pomodorini interi. Cuoci questa preparazione a fuoco medio per 10-11 minuti, mentre la pasta cuoce. In abbondante acqua salata cuocere 300 g di penne. Scolare la pasta, conservando un mestolo dell’acqua di cottura. Versate la pasta nella padella e mescolatela al sugo. Aggiungete l’acqua di cottura. Mescola tutto. Fermare il fuoco e servire caldo con prezzemolo fresco.

MANGIARE. Un consiglio in cucina?

AP Limone in polvere. Lo preparo e lo metto ovunque quando cucino. Ho la fortuna di avere limoni molto, molto belli al supermercato, cioè limoni di Siracusa e Mentone. Raccolgo le bucce, le metto su una teglia e poi le asciugo a 50 ° C per 30 minuti. Lascio raffreddare e poi mescolo, in modo da ottenere una polvere, non troppo fine.

Metto questa polvere in un barattolo di vetro e qualche volta la porto come regalo quando vado a una cena, è chic.

Negozio di alimentari RAP, 4, rue Fléchier, 9 ° Parigi

rapparis.fr

* “Finocchio, dieci modi per prepararlo” Éditions de L’Epure, 12p, € 8 (uscito il 24 aprile)
“Sage, dieci modi per prepararlo” Éditions de L’Epure, 12p, € 8 (uscita a fine giugno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *