Un accademico afferma che l'inglese “pronuncia male il francese”

Un accademico afferma che l'inglese “pronuncia male il francese”

Il linguista francese Bernard Cerquillini vorrebbe inviare al re Carlo III una copia del suo nuovo libro, L'inglese non esiste: è un francese mal pronunciato.

Piuttosto che mirare a far divertire il re mentre beve il tè mattutino, questo libro è scritto da una prospettiva umoristica. “È malafede volontaria, arrogante, sciovinista, ecc.”, ha detto Cerciglini.

Con un titolo provocatorio e divertente, l'eminente accademico spera di trasmettere il groviglio di lingue oltre la Manica a partire dalla conquista normanna del 1066 – e l'assurdità della resistenza francese agli “idiomi inglesi”.

Foto: Agenzia France-Presse

“Potete anche considerare il mio libro come un omaggio alla lingua inglese, che è riuscita ad adottare così tante parole… vichinghi, danese, francese, è fantastico”, ha detto Cerciglini.

L'uso del francese normanno da parte della nuova aristocrazia coloniale diede alla lingua inglese parole che a prima vista potevano sembrare locali, come “cavolo”, “tentazione” o “salario”, entro 150 anni dall'ascesa al trono di Guglielmo il Conquistatore.

Tuttavia, Cerciglini è più interessato ai secoli XIII e XIV, quando il francese – che allora era una seconda lingua utilizzata nel commercio, nell’amministrazione e nel diritto – si trasformò in inglese a causa di “una posizione, ricchezza di terre o denaro, il sostegno di un contratto, o la libertà o addirittura la propria vita potrebbero dipendere dalla padronanza della lingua.

La metà dei prestiti dell'inglese dal francese si sono verificati tra il 1260 e il 1400, producendo parole come “scapolo” dalla parola francese antico “bachelier”, che significa un giovane nobile che non era ancora diventato cavaliere.

La parola “viaggio” è legata alla parola francese moderna per lavoro, “travail”, mentre la parola “orologio” deriva dalla parola francese “cloche”, una campana suonata per suonare gli orologi che hanno preceduto l'invenzione degli orologi meccanici.

READ  Rapport de l'ONU – Les talebans ont tué plus de 100 ex-membres de l'Etat

Quando William Shakespeare iniziò a scrivere le sue opere teatrali tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo, circa “il 40% delle 15.000 parole nelle sue opere erano di origine francese”, ha detto Cerciglini.

A volte le alternative francesi possono andare oltre, ha detto, come nella provincia canadese francofona del Quebec, dove alcune bancarelle di cibo servono “chin chowd” – una traduzione molto letterale di “hot dog”.

“Non stuzzica il mio appetito. Non ho alcun desiderio di comprare Shin Chud, questo è certo.”

Al giorno d’oggi, il posto delle parole anglosassoni nel francese moderno può provocare una posizione difensiva a Parigi, spesso da parte dell’Accademia di Francia, incaricata dal 1635 di preservare la lingua nella sua forma “pura”.

“La lingua in Francia è ufficiale, è la lingua di Stato, è una lingua nazionale, quindi ovviamente abbiamo un'accademia” i cui membri hanno “abiti ridicoli, una spada e un palazzo sulle rive della Senna” a Parigi , ha detto Cerciglini.

Negli ultimi anni, l’accademia ha criticato le importazioni legate al COVID-19, come “raccolta” o “test”, nonché termini tecnologici come “big data”.

Cerciglini ha affermato che l’Accademia ha ottenuto alcune vittorie degne di nota, come convincere il mondo francofono a utilizzare una “logica” che sembrava originale invece del “programma” che era onnipresente.

Tuttavia, “questa non è un'invasione. Queste sono parole francesi che sono andate ad allenarsi in Inghilterra e torneranno da noi”.

Ha aggiunto che la ricca contaminazione tra inglese e francese è un esempio dell’Organizzazione Internazionale della Francofonia, un’associazione moderna e sciolta di paesi di lingua francese.

Ad esempio, il Madagascar utilizza il francese come seconda lingua allo stesso modo dell’Inghilterra 800 anni fa.

READ  L'ex sindaco di Dublino tra i cinque nuovi giudici nominati alla High Court - The Irish Times

Cerciglini ha affermato che la situazione lì o in luoghi come lo stato americano della Louisiana, dove molti ancora parlano il francese come seconda lingua, potrebbe essere fertile quanto l’introduzione della lingua in Gran Bretagna.

Spera anche che l’inglese sopravviva alla tendenza degli ultimi decenni verso una lingua pidgin parlata in tutto il mondo – che i detrattori francesi hanno arrogantemente descritto come “universale”.

Cerciglini nutre grandi speranze nella traduzione automatica, che potrebbe consentire la preservazione delle lingue locali, consentendo al tempo stesso la libera comunicazione.

“Ho passato 30 anni della mia carriera a prendere in giro la traduzione automatica… perché era terribile”, ha detto. “Adesso è fantastico.”

I commenti saranno moderati. Mantieni i commenti pertinenti all'articolo. Feedback contenenti linguaggio offensivo e blasfemo, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozioni verranno rimossi e l'utente verrà bannato. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *