Tour in Italia: Tra “Buoni Ricordi” e “Tensioni” di Arnaud Demari

Il velocista francese Arnaud Demarie durante la presentazione delle squadre a due giorni dall’inizio del Giro, il 4 maggio 2022 a Budapest Luca Petini.

Il velocista francese Arnaud Demare, tornato al Giro per la prima volta dal raid del 2020, quando ha vinto quattro tappe e indossava una maglia ciclamino, ha detto che stava attraversando “bei ricordi” ma anche “quasi una pressione in più”, ha detto ha lanciato giovedì alla vigilia della partenza da Budapest.

“Ci sono bei ricordi. Ora è anche quasi più stressante. Diciamo che per fare quello che sono stato in grado di fare di nuovo nel 2020… Tutti sanno che è stato qualcosa di straordinario. Ora bisogna ricominciare passo dopo passo. Iniziare prima per il raggiungimento della vittoria”, ha dimostrato il leader di Groupama-FDJ in una conferenza stampa.

Il 30enne velocista non ha ancora vinto in questa stagione anche se ha mostrato una prestazione impressionante, soprattutto a Milano – Sanremo (10).

“Fisicamente mi sento bene, è vero. Da inizio anno ho delle gambe davvero buone. È il ciclismo: a volte puoi stare bene e non riuscire a vincere”, nota.

Riuscirà ad aprire il suo metro venerdì a Visegrad (Ungheria) dove la prima tappa si conclude con un traguardo estenuante (3,8 km con una pendenza media del 5%)? “Molti corridori saranno al top, prevede. Ora non so se potremo ancora correre, questa è un’altra cosa. Ma è vero che nella scheda stradale ci aspettavamo più difficoltà. È ancora dura . Ma non è insormontabile. Ce l’abbiamo fatta”. In bicicletta, sta ancora rotolando”.

READ  Mondial Supersport: Jules Cluzel, pilota di Montluçon (Allier), spera di 'tornare sui podi' dopo un inizio di stagione 'difficile'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.