Team France: Guy Stéphane apre il suo 150esimo album commemorativo per la sua 150esima partita in panchina

Stretti rapporti umani e professionali li uniscono. Didier Deschamps e il suo assistente Guy Stéphane continuano a dire: “Non c’è mai una sola differenza tra noi”. I due soci si conoscono da più di due decenni e collaborano con indiscutibile successo dal 2009 a Marsiglia, prima, e poi nella squadra francese poi. Il tecnico 64enne di Britton è stato nominato per la prima volta nell’equipaggio di Roger Lemerre dalla primavera 2000 all’estate 2002 con un titolo continentale in palio.

Questo martedì, alle 21:10, contro la Bulgaria, festeggerà la sua 150esima partita contro la Bulgaria. Raccogliendo i suoi ricordi, questo prezioso uomo nell’ombra, sia che fosse intimo con la testa del blues e vicino allo spogliatoio, ha rivisitato 7 date che hanno segnato la sua carriera. Come tanti preziosi segni della professione posti sotto il segno della competenza e della lealtà.

“Sono un po’ in punta di piedi”

Scozia – Francia, 29 marzo 2000 (amichevole, 2-0)

Guy Stéphane ha invitato Roger Lemerre a partecipare al torneo Euro 2000, muovendo i primi passi con i Blues. Era un’amichevole contro la Scozia. di Martinac Allen

“Ero allenatore della nazionale al DTN, in particolare responsabile della squadra di Francia A”. Roger Lemerre voleva espandere la sua squadra di Rene Girard, il compianto Bruno Martini e Henri Emile. Mi ha chiesto di unirmi a loro a Euro 2000. Sono arrivato un po’ in punta di piedi. Ho guardato molto. Prima di questa partita in Scozia, ho scoperto giocatori che non conoscevo ancora come Laurent Blanc, Marcel Desailly, Didier Deschamps, Bixente Lizarazu, Yuri Djorkayev…. Ero felice di essere tra loro. Erano felici di essere riuniti. e vincere insieme. Per quanto riguarda l’incontro stesso, penso a un successo ben calibrato, riflesso nei gol di Sylvain Wiltord e Thierry Henry. Non c’era nessuna immagine tra i due. È un bellissimo ricordo. “

READ  Greco dietro possibile acquisto dell'Inter da BC Partners

“Ho visto gli italiani disintegrarsi”

Francia-Italia 2 luglio 2000 (finale Euro 2000, golden goal 2-1)

Dopo Sylvain Wiltord, l'autore del pareggio contro gli italiani, David Trezeguet (foto) ha segnato il golden goal nella finale dell'Europeo.
Dopo Sylvain Wiltord, l’autore del pareggio contro gli italiani, David Trezeguet (foto) ha segnato il golden goal nella finale dell’Europeo. Icon Sport / Alan Jadover

“Che incontro straordinario con uno scenario straordinario. Corriamo dietro al punteggio prima del pareggio all’ultimo minuto dei tempi supplementari. I tre giocatori coinvolti nel nostro obiettivo, Sylvain Wiltord, David Trezeguet e Robert Pires, sono entrati tutti durante la partita. Questo il coaching vincente va a Roger (Nota dell’editore: Lumiere). Ricordo queste immagini di alberi che attraversano il caseificio, a dieci metri di distanza da noi, a braccetto davanti al loro sedile e in trepidante attesa dell’idea di festeggiarne il successo. Riporta anche l’esplosione di gioia di Roger. Si precipita da David dopo il suo golden goal. La gioia è stata immensa. Quando Sylvain segnerà, nella mia testa è tutto chiaro: saremo campioni d’Europa. Ho visto gli italiani disintegrarsi. Non ci sono più. “

“La Francia era in preda a una forma di logoramento”

Francia-Senegal del 31 maggio 2002 (prima partita dei Mondiali 2002, 0-1)

L'infortunato Zidane assiste dalla panchina alla sconfitta della sua squadra contro il Senegal all'inizio del Mondiale 2002 in Corea del Sud.
L’infortunato Zidane assiste dalla panchina alla sconfitta della sua squadra contro il Senegal all’inizio del Mondiale 2002 in Corea del Sud. La nostra icona dello sport

“Questa apertura e la sconfitta inaspettata hanno posto le basi per il resto del torneo che è stato caratterizzato da una triste eliminazione al primo turno. La squadra francese, che detiene il trofeo, era meno fresca. Erano in preda a una qualche forma di usura e lacrima. Zizou è stato ferito (Nota del redattore: parteciperà solo alla terza partita). Abbiamo quindi potuto misurare l’estrema difficoltà che la nazione incontra nel mantenersi ai massimi livelli nel tempo. Il nostro esempio non è isolato. La Germania, incoronata nel 2014, non ha visto gli ottavi di finale nel 2018. Lungi dall’essere deludente, questo fallimento contro il Senegal per me rimane, col senno di poi, pieno di simboli. Pochi mesi dopo sarei diventato allenatore del Senegal. In Corea del Sud, era impossibile per me immaginare un simile ritorno al passato. La storia non finisce qui. Ha lasciato il Senegal dopo aver perso i quarti di finale della Coppa d’Africa 2004 contro la Tunisia da… Roger Lemerre. “

READ  Grecia-Italia 10-4: e ora aspetta ...

“Il primo capitolo della mia seconda vita con la scelta”

Francia-Uruguay, 15 agosto 2012 (amichevole, 0-0)

Prima partita di Guy Stephan come assistente Didier Deschamps, 15 agosto 2012, contro l'Uruguay.
Prima partita di Guy Stephan come assistente Didier Deschamps, 15 agosto 2012, contro l’Uruguay. Icon Sport / Amandine Noel

“Il posto di allenatore era vacante. Didier (Deschamps) Fu segnato fisicamente dalla fine della sua avventura a Marsiglia. Quando il capo (Noel Le Grat) Chiamalo, chiedendogli il tempo di pensare prima di acconsentire solo pochi giorni dopo. Mi ha chiesto di accompagnarlo. Non ho esitato un secondo. Questo ci porta al suo debutto contro l’Uruguay. Un’amichevole per preparare le qualificazioni ai Mondiali 2014 di settembre. Non entra nei registri. In caso contrario, personalmente, come il primo atto della mia seconda vita con scelta. Quando guardo il referto, oggi troviamo Hugo Lloris, Olivier Giroud, Karim Benzema e Raphael Varane. Quest’ultimo è rimasto in panchina. Gli altri tre erano originali. “

Abbiamo fatto mentire le statistiche.

Francia e Ucraina, 19 novembre 2013 (gara di ritorno 3-0)

Dopo aver perso l'andata per 2-0 a Kiev, la nazionale francese si è qualificata per tornare al Mondiale 2014 grazie a Mamadou Sakho che ha segnato due gol.
Dopo aver perso l’andata per 2-0 a Kiev, la nazionale francese si è qualificata per tornare al Mondiale 2014 grazie a Mamadou Sakho che ha segnato due gol. LP / Jean-Baptiste Quentin

“Tra l’andata e il ritorno siamo andati in quattro giorni dall’inferno al paradiso. A Kiev facciamo quasi bene con 0-2. Ci siamo avvicinati un paio di volte alla riparazione, ma sopravviviamo. Allo Stade de France abbiamo mollato tutto in osmosi. con i nostri tifosi. Raramente nella mia carriera ho avuto a che fare con giocatori così appassionati. Tutte le statistiche erano smentite. Una nazione, sconfitta con due gol al primo playoff, non è mai riuscita a qualificarsi davanti a noi. Prima che dopo la partita , tutti i nostri obiettivi, l’atmosfera: ho tutto in testa. Francia e Ucraina mi hanno profondamente segnato. Come ho spesso chiarito, oggi non parleremo della mia 150esima presenza in panchina se non otteniamo passato questa impasse. Tutto si sarebbe fermato questa sera di novembre.”

READ  La qualificazione in 10 è l'Atalanta, 3-2 contro la Lazio

“Tutto cambia al lancio dei dadi”

Francia e Portogallo, 10 luglio 2016 (finale Euro 2016, 0-1)

Griezmann è insopportabile dopo la sconfitta nella finale degli Europei contro il Portogallo, allo Stade de France.
Griezmann è insopportabile dopo la sconfitta nella finale degli Europei contro il Portogallo, allo Stade de France. LP / Olivier Legon

“Sono convinto di questo episodio. Abbiamo giocato la finale contro la Germania (2-0). Ma era una semifinale. Abbiamo usato molte energie in questa manovra al Velodromo. Non abbiamo recuperato abbastanza contro il Portogallo. Tutto cambia sul lancio dei dadi. Non parlerò di Dédé, alla luce del tiro di Gignac sul palo. A pochi millimetri… Ma, senza dubbio, molti giocatori in questa partita hanno imparato lezioni da seguire dopo due anni in Russia, e impariamo sempre dalla sconfitta. Questo si è rivelato redditizio. Tutti hanno capito che la vittoria, indipendentemente dall’avversario, non è fine a se stessa. Quando avanziamo nel torneo, siamo finiti. Una forma di L’euforia ha preso il sopravvento negli spogliatoi dopo la Germania. Non c’era niente di simile nel 2018 prima del successo finale”.

“Forte e chirurgico”

Francia e Argentina, 30 giugno 2018 (Ottavi di finale di Coppa del Mondo 2018, 4-3).

Il gol di Pavard negli ottavi del Mondiale 2018 contro l'Argentina passerà alla storia.
Il gol di Pavard negli ottavi del Mondiale 2018 contro l’Argentina passerà alla storia. Icon Sport / Peter Arvidson

“Dolce follia sta presiedendo questa partita. Una squadra irrazionale. Gli alti e bassi sono collegati. Stiamo guadagnando velocemente il vantaggio. L’argentino fa il suo handicap grazie a Di Maria, poi passa in vantaggio per 9 minuti. Sarà anche questo il solo quando siamo rimasti indietro durante la competizione. Durante questo periodo, l’eliminazione è fatta”. In realtà dobbiamo. Poi cancelliamo quell’handicap con questo superbo calcio di Benjamin (Pavard) su un cross di Lucas (Hernandez). Abbiamo anche danno l’impressione di una doppietta di Kylian (Mbappe), prima del terzo gol dell’Argentina ai supplementari.Le qualità mentali e morali della squadra, e la loro capacità Superare le insidie ​​senza panico, tante lezioni preziose per il futuro. Round di 16, non ero sicuro che saremmo stati campioni del mondo, ma ho capito meglio la forza del gruppo. Forte e chirurgico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *