Su Terino Adriatico IV, prima vittoria di Boujacar in Italia

Con due gare importanti in parallelo in Francia (Parigi Nizza) e Italia (Tereno Adriatico) abbiamo visto alcuni giorni vincitori della stessa squadra in entrambe le gare. Sabato 13 marzo, i vincitori provenivano da una squadra diversa ma dalla stessa nazione. Così la Slovenia ha visto vincere due ciclisti in Francia e in Italia. In Francia, Primus Roglec ha vinto tappe e partite, ma in Italia Tadige Bojacar non ha corso più. Con una prestazione strepitosa nella quarta giornata di Terino Adriatico, non solo ha vinto, ma è anche salito in cima alla classifica visto che la maglia azzurra, Wat Van Ayrt, ha ricevuto numerosi attacchi e ha perso tempo. Era il giorno delle grandi altezze e ha scelto Pogacar 5 chilometri prima del traguardo per lanciare un attacco. I suoi avversari a quel punto erano i ciclisti Ineos Grenadiers Geraint Thomas ed Egan Bernal.

All’inizio dell’ultima salita, Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix) non aveva le forze e ha perso molto tempo, mentre Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quickstep) non è stato in grado di rispondere all’attacco di Pogacar. L’attuale campione, Wout Van Aert, pur avendo il supporto della sua squadra fino a quel momento, ha perso il contatto sulle piste ed è stato attaccato da corridori di alta qualità su pendii ripidi come Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), Egan Bernal (Ineos Grenadiers) , Geraint Thomas (Ineos Grenadiers).

Mentre Pogacar ha preso una differenza di 17 secondi, nel chilometro finale Simon Yates (Team Bike Exchange) ha ridotto drasticamente il suo vantaggio. Tuttavia, ha commesso un errore quando si è allontanato un po ‘e non è riuscito a fare pressione su Pogacar, cosa che ovviamente lui (Yates) ha ammesso non sarebbe stato facile. Così, Tadej Pogacar ha ottenuto la sua prima vittoria sul suolo italiano ed è diventato il secondo sloveno dopo Roglic a vincere una tappa in Italia. Simon Yates alla fine si è lasciato indietro per 6 secondi e Sergio Higuita (EF Education-Nippo) e Michael Landa (Victorious Bahrain) hanno combattuto per il terzo posto. Vinse Sergio Higuita, che divenne il secondo colombiano dopo Nero Quintana a concludere la tre tappe salendo da Terino Adriatico. Tadj Pogacar ha vinto quella prestazione con la maglia blu per il campione generale da indossare, la maglia verde per gli scalatori che sarà indossata da Mads Würz Schmidt II (Stato emergente di Israele) e la migliore maglia bianca giovane indossata dal secondo in classifica Sergio Higuita (EF Education-Nippo). Wout Van Aert è il leader della classifica a punti e indosserà la maglia viola.

READ  Programma TV, domenica 14 marzo 2021 - Sport By TN

Il quinto giorno di gara comprende 205 chilometri, un’altitudine di 1.800 metri, e ci ricorda una pista di un giorno. I primi 100 chilometri in piano sul mare. Segue una salita ei ciclisti entreranno nel circuito di 23 km che si terrà 4 volte e ha dislivelli continui e relativamente piccoli con una parte più difficile ma la pendenza arriva fino al 18%.

Le prime 15 squadre dopo la quarta giornata:

1 Tadij Bojacar / Team Emirates 17:53:21
2 Wout Van Aert / Jumbo-Visma +0:00:35
3 Sergio Higuita / EF Education-Nebo =
4 Mikel Landa / Bahrain è vittorioso +0: ​​00: 38
5 Nero Quintana / Arcia Samsek +0: ​​00: 41
6 Joao Almeida / Deckonink-Kwikstep +0: ​​00: 45
7 Jakob Fuglsang / Astana-Premier Tech +0: ​​00: 55
8 Simon Carr / EF Education-Nebo +0: ​​01: 03
9 Matteo Fabro / Bora Hansgrohe +0: ​​01: 12
10 Geraint Thomas / Ineos Grenadiers +0: ​​01: 25
11 Egan Bernal / Ineos Grenadiers +0: ​​01: 26
12 Roman Bardet / Il team DSM +0: ​​01: 27
13 Vincenzo Nepal / Trek Segafredo +0: ​​01: 37
14 Julian Alaphilippe / Deceuninck-QuickStep +0: ​​01: 44
15 ° Simon Yates / scambio di biciclette di massa +0: ​​01: 59

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *