Stefanos Tsitsipas: Intervista a Sky Sport Italia

Stefanos Tsitsipas ha rilasciato un’intervista al giornalista Stefano Milocaro, per Sky Sport Italia, e ha parlato dell’intervento al gomito, del nuovo inizio, dopo i problemi degli ultimi due anni, Novak Djokovic, ma anche della vaccinazione all’ombra degli Australian Open.

Le osservazioni di Tsitsipas in dettaglio:

“È stata dura. Il gomito sta molto meglio, ma era qualcosa che non avevo mai provato prima. Sono molto felice che l’operazione sia andata bene e sono stato fortunato a trovare un buon chirurgo in Svizzera, Frank Denzler, che mi ha aiutato. È un professionista in questo campo, ha aiutato altri tennisti hanno lottato con infortuni simili, quindi sono stato fortunato in questa parte Ho avuto il miglior recupero possibile per tornare in campo il più rapidamente possibile, perché Amo questo sport e voglio davvero vedermi giocare al 100%, senza paura di infortunarmi di nuovo. , senza limitarmi a certi movimenti, qualcosa che mi ha definito negli ultimi due anni ed è stato difficile da gestire spiritualmente.

“È come ricominciare dall’inizio”

Per me è stato come ricominciare dall’inizio, negli ultimi due anni in cui ho giocato ho sofferto. Ho preso di nuovo una pagaia una settimana fa e sono molto contento di come stanno andando le cose. Uso un muscolo che quasi non sapevo di avere perché non lo stavo usando per proteggere la mia articolazione. Ho cambiato il mio stile di gioco”, ha osservato il principale tennista greco nella sua intervista da Dubai, mentre si prepara per la nuova stagione.

“Rispetto la scelta di Djokovic.”

Per quanto riguarda Novak Djokovic e il clamore che è sorto sul fatto che sarà vaccinato e se giocherà agli Australian Open, ha detto: “Rispetto la sua scelta e credo che tutti dovrebbero essere liberi di decidere”, sottolineando che sarà in Australia.

READ  "La partita con l'Italia a Wembley non ha senso"

“Justy ha cambiato le nostre vite”

Infine, riferendosi a David Justy, con cui collabora da due anni mentre si prepara per la sua accademia a Dubai, ha rimarcato: “David ci ha cambiato la vita, ci ha portato qui, e abbiamo sviluppato un legame incredibile , un incredibile legame di collaborazione. Gli ultimi due anni. È il presidente dell’accademia. Qui fa un ottimo lavoro gestendo il club e attirando ospiti da tutto il mondo, portando bambini di grande talento con la possibilità di giocare con loro. Il suo lavoro in generale è eccellente, combinando il turismo con un livello di tennis professionistico. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *