“Sono aperto a lasciare il City, amo giocare all’estero”

Manchester



Raheem Sterling con la maglia del Manchester City nella semifinale di FA Cup contro il Chelsea (17 aprile 2021)
@2021 Adam Davey / Associated Press

Raheem Sterling ha lasciato aperta la possibilità di lasciare il Manchester City perché prima o poi vorrebbe giocare all’estero.

Raheem Sterling è stato ospite alla Financial Times Sports Conference, dove ha menzionato, tra l’altro, il suo futuro, che non avrebbe avuto problemi a vedere lontano dal Manchester City e oltre.

Allo stesso tempo, ha fatto nuovamente riferimento al fenomeno del razzismo nel calcio, in occasione dell’attacco razzista a cui sono stati sottoposti Sancho, Rasford e Saka per i rigori sbagliati nella finale di Euro 2020 con l’Italia. Il centrocampista inglese è stato vittima di alcuni incidenti, mentre lottava disperatamente per fermare questi fenomeni.

Dettagli su ciò che Sterling ha detto sul suo futuro e se sta pensando di andarsene: Se c’è l’opportunità di andare da qualche altra parte, sarei aperto ad essa. Il calcio è la cosa più importante per me.

Da calciatore inglese, tutto quello che so è la Premier League e penso che un giorno mi piacerebbe giocare all’estero e affrontare questa sfida. Devo imparare lingue diverse. Amo i dialetti francese e spagnolo“.

Sull’attacco razzista ai calciatori inglesi per i calci di rigore sbagliati nella finale con l’Italia: “È frustrante ricevere un attacco razzista quando hai dato tutto per il tuo paese. La mia preoccupazione principale è che i miei compagni di squadra stiano bene“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *