Soddisfazione per i progressi di quest’anno

Mario Isola, direttore di Pirelli Motorsport, è sembrato soddisfatto della prima stagione del marchio italiano, come fornitore esclusivo di pneumatici per il WRC.

Il 2021 è stato un anno molto importante per lei Pirelli, dopo essere tornato al ruolo di fornitore unico di pneumatici al WRC, dal 2010.

Sebbene la maggior parte dei test di sviluppo degli pneumatici del marchio italiano sia stata condotta nel bel mezzo di una pandemia guidata da Andreas Mikkelsen, i risultati sono stati incoraggianti.

Per saperne di più – Video: Oliver Solberg in un “contest” per le gomme Pirelli

Nel complesso, gli pneumatici Pirelli sono stati all’altezza delle aspettative, poiché i team e i piloti si sono concentrati sul tentativo di comprendere il loro funzionamento ottimale su ogni strada.

Questo è stato particolarmente importante, se ricordiamo come il vincitore, Kalle Rovanpera, ha fatto un uso perfetto delle sue gomme all’EKO Rally Acropolis.

2021: Stagione positiva per Pirelli nel Mondiale Rally

Dopo un decennio con le gomme Michelin, il 2021 è stato l’anno in cui Pirelli è tornata ai massimi livelli.

Il know-how del marchio italiano negli sport motoristici in generale e nei rally in particolare potrebbe non essere negoziabile, ma ogni nuovo inizio è ancora difficile.

Infine, il segnale della stagione è positivo, perché le eventuali “lamentele” da parte dei piloti, con il solito sospetto Sebastien Ogier, sono state limitate.

“Onestamente, sono molto felice.”, Raccontare wrc.com Il Mario Isola. “Il WRC è ovviamente nel nostro DNA da molti anni, ma questa volta è stato più difficile.

“Sappiamo quanto velocemente può svilupparsi qualsiasi prodotto per auto sportive e quando abbiamo dovuto sviluppare nuovi prodotti WRC ci siamo trovati in una situazione di pandemia, che sostanzialmente ci ha tenuto fuori da qualsiasi attività per un po’ di tempo.

“Non avevamo esperienza con le World Rally Car per questa generazione, abbiamo fatto alcuni test per personalizzare i nostri prodotti e i risultati sono stati buoni, e abbiamo sempre dovuto rispondere rapidamente a qualsiasi messa a punto richiesta.

“Il WRC ci dà l’opportunità di sviluppare pneumatici per applicazioni che non vediamo spesso in pista: neve, neve e terreno. Sono molto fiducioso nel nostro primo anno al WRC, sapendo che possiamo migliorare e ci impegniamo a farlo”..

Tornare al WRC è stata una sfida, ma nel 2022 non sarà più facile, perché gli italiani dovranno adeguarsi nuovamente ai nuovi dati.

READ  Il capocannoniere della serie nigeriana Simi Nwankwo è interessato alla seconda divisione

I propulsori ibridi non sono una quantità sconosciuta a Pirelli, come sono stati incontrati in Formula 1, ma il WRC è una questione completamente diversa.

Pirelli 2021 02

“Sono sicuro che il prossimo anno sarà migliore”e Il tecnico italiano ha aggiunto con fiducia. “Il numero di partite nel WRC è in aumento in futuro, quindi è molto bello farne parte.

“Sappiamo che con i propulsori ibridi la coppia è diversa e dobbiamo tenerne conto. Ma penso che siamo pronti per questa nuova sfida.

“Il piano è continuare a sviluppare i nostri prodotti. “Le auto cambieranno, le prestazioni miglioreranno e dobbiamo adattare il nostro prodotto al futuro”..

Vi ricordiamo che a partire dalla nuova stagione, che prenderà il via al Rally di Montecarlo il 20-23 gennaio, le vetture Rally1 di prima categoria avranno un motore ibrido che abbina l’attuale motore a scoppio da 380 CV e un motore elettrico che genera 100 kW (136 CV).

Toyota, Hyundai e M-Sport Ford stanno attualmente conducendo ampi test di sviluppo dei veicoli GR Yaris, i20 N e Puma Rally1, con l’obiettivo di rilasciare il tag di identificazione del veicolo alla fine di dicembre.

Immagini: M-Sport Ford, Red Bull Content Pool e Pirelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.