Sesta Tappa Giro d’Italia: vittoria difficile e meritevole per Gino Mader

La sesta tappa del Giro d’Italia si è sviluppata sugli Appennini con i loro caratteristici colli. Ad una distanza di soli 160 km, c’erano differenze significative, sia sui pendii ascendenti che su quelli grandi esistenti. A poco più di 100 chilometri dalla fine, ha iniziato a piovere e, in combinazione con i venti e la grandine dominanti, ha reso estremamente difficile per gli atleti. Se aggiungiamo la pessima strada ai chilometri di scogliere, è probabile che la maggior parte dei partecipanti sia felice che la giornata sia finita. Ci sono stati diversi attacchi dall’inizio e, a 60 km dalla fine, c’erano tre ciclisti davanti, Mader, Molima e Cataldi.

Ineos è intervenuto cercando di colmare il divario, che a quel punto era lungo poco meno di 3 minuti, e ha iniziato qualcosa come il timer di gruppo senza successo. Filippo Jana ha finalmente fatto tutto il lavoro per la sua squadra e quindi per il gruppo, accantonando altri 10 chilometri e riducendo la differenza a due minuti. Tra le ironie, Gino Mader (Bahrian Victorious) ha avuto più potenza e ha mantenuto il ritmo di cui aveva bisogno nell’ultima dura salita, e ha ottenuto la vittoria senza avere la forza di festeggiare perché è stato nei distaccamenti dall’inizio! Bernal, Martin ed Evinpool hanno concluso 12 secondi dietro di lui.

Attila Walther (FDJ Groupama) si è esibito in modo eccezionale, indossando la maglia bianca di Miglior Giovane, scalando la vetta della classifica generale e conquistando la Maglia Rosa. Remco Evenpoel (Deceuninck Quickstep) è ora secondo, 11 secondi dietro e terzo è Egan Bernal (Ineos Grenadiers) a 16 secondi dal leader. Nella settima giornata, il vincitore della sesta giornata, Gino Mader (Bahrain Victor), indosserà la maglia azzurra da arrampicata e la maglia viola da corsa di Giacomo Nizzolo (Team Qhubeka Assos). Attila Walther è in testa alla classifica giovanile, ma la maglia bianca sarà seconda nella classifica, Remco Evenpoel (Deceuninck Quickstep) perché Walter indosserà la maglia rosa. La settima giornata si concluderà dopo 181 km e 1.500 escursioni a Termoli. I ciclisti percorreranno diversi chilometri lungo il mare Adriatico, avranno due gare intermedie diritte, e coloro che non possono rimanere davanti alle altezze esistenti fino a metà percorso, avranno una seconda possibilità nei restanti 90 chilometri fino alla fine.

READ  Il Supernatural Show di Milano di Donaroma ... il "mastica" italiano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *