“Quando il PAOK mi ha chiamato non ci ho pensato molto”

Sembrava chiaramente impaziente ed eccitato Gelsomino Kurtik, la nuova acquisizione di PAOK. Lo sloveno ha rivelato che quando ha accettato la proposta di Dikefalos non ci ha pensato molto e ha detto subito di sì. Le sue dichiarazioni a PAOKTV in dettaglio:
Dopo 11 anni in Italia, si apre un nuovo capitolo della tua carriera. Qual è il tuo motivo?

Quando il PAOK mi ha chiamato non ci ho pensato molto, perché so che è un grande club con una tradizione e tantissimi tifosi. Tutto è successo molto rapidamente. Sono contento di quello che ho raggiunto in Italia, ma ora sento di avere una grande sfida e non vedo l’ora di affrontarla.

Cosa ricorda delle due partite che ha giocato nel 2014 contro la Fiorentina contro il PAOK?

Anche prima di venire qui, sapevamo che il tempo sarebbe stato pazzesco. Davvero caldo. Quando siamo arrivati ​​sono rimasto sorpreso dalla folla. Hanno cantato tutto il tempo, sostenendo i giocatori dal primo all’ultimo secondo della partita. Penso che rappresenti lo spirito di squadra e il comportamento dei giocatori. I calciatori meritano tutto questo e penso che sia un passo per me fare qualcosa di importante.


Cosa ricordi della tua collaborazione con El Kaddouri e come pensi che sarà in futuro?
Omar è un ragazzo molto simpatico. È mio amico e abbiamo dei contatti anche quando non suoniamo insieme. In passato abbiamo parlato di alcune delle vacanze che ho organizzato qui a Salonicco. Abbiamo giocato insieme, è un bravo ragazzo e non vedo il tempo per giocare di nuovo insieme.

Cosa sai dell’allenatore e dei giocatori del PAOK?

Ne so molto. Conosco tutti… i nomi pesanti della squadra, che ha dato una grande carriera. Ho sentito molto… grandi cose su Coach. Non resta che presentare le mie credenziali e dimostrare sul campo la qualità che possiedo.

seguilo protothema.gr su Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Trova le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, come accade, su Protothema.gr

.cnt “,” bottom “,” offTop “:”.header”,”window”:639}”>

READ  Grecia-Italia 10-4: e ora aspetta ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *