Mer Melissanidis – Ivan e una telefonata da … Putin (foto)

Può essere combinato quando uomini potenti dei due gruppi che hanno radici a Istanbul si incontrano a Panagia Sumela.

Per circa due ore, Demetris Melisanidis ha parlato con Ivan Savedis al Kastania Vermiou, soffermandosi sui trasferimenti.

Tutto questo nella locanda ufficiale del monastero di Panagia Sumela, dove i due uomini si sono incontrati in occasione della Grande Festa della Beata Vergine Maria e, naturalmente, la loro presenza è stata una tentazione per i giornalisti, perché erano in vena e parlavano.
Foto - millenews.gr

I due capi, che generalmente mantengono le distanze, per tutto questo tempo non hanno avuto problemi, mentre i membri del loro staff si sono incontrati nominativamente con i giornalisti che hanno seguito i servizi.

Infatti, Ivan Savvidis ha suscitato scalpore quando un giornalista gli ha chiesto se il PAOK avrebbe finalmente ottenuto la bellezza Upton, a cui ha risposto correttamente “No… No… No…”.
Foto - millenews.gr

Dimitris Melisanidis ha discusso dello sviluppo dello stadio dell’AEK, lasciando intendere l’aspettativa di un buon trasferimento all’Al Ittihad.

Grecia – Russia… Ortodossa!

Parlando con i giornalisti, Ivan Savedis ha ricevuto una telefonata di tre minuti dall’ufficio del presidente russo Vladimir Putin, secondo i suoi collaboratori.

Savvides si è ritirato sul balcone e poi è tornato senza menzionare la telefonata, mentre in seguito ha parlato con il ministro della Macedonia e della Tracia, George Orvanos.

Fonte: Uno nuovo. amore

Leggi anche:

Folla e inondazioni a Panagia Agiasos a Lesbo (foto)

“Sono andato al pronto soccorso per augurarmi la buonasera e mi sono ritrovato con la placenta accreta” – Situazioni incredibili al Chalkida Hospital

I sacerdoti hanno profanato il Santo Tempio a Lesbo, pochi giorni prima del 15 agosto

READ  Euro | Denunciare insulti razzisti rivolti ai giocatori inglesi

Un uomo di 86 anni è annegato a Rodi

Notizie da ogni angolo del paese nella pagina Newsit “Notizie locali”

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *