Luoghi consigliati per lo sport | Holmenkollen, il più grande festival di sci di fondo

L’esercizio e la frequenza cardiaca sono al massimo per gli sciatori di fondo in cima alla salita. Quando pregano, cercano il loro respiro in una nuvola di fumo mescolata ai profumi di fuliggine e barbecue, il tutto al suono delle campane e dell’incoraggiamento di decine di migliaia di spettatori. Benvenuti al corso di sci di fondo e snowboard di Holmenkollen a Oslo, Norvegia.


Sportcom

Alex Harvey ha vinto i suoi primi due titoli mondiali lì, mentre suo padre, Pierre, ha concluso la sua carriera con una vittoria nella gara di 50 chilometri stile libero. Questo stadio non occupa solo un posto speciale nella carriera dei fondatori. Ne ha anche uno nella storia dello sport.

“Nello sci di fondo, Holmenkollen è una mecca per noi! La Norvegia è il paese dominante nello sci di fondo e di tutte le località in Norvegia, è la più famosa”, osserva Alex Harvey, che ha partecipato a circa quindici gare, tra cui Questa è la classica gara a squadre. Dei Mondiali 2011, al fianco di Devon Kershaw, dove hanno battuto i norvegesi per una medaglia d’oro nella nebbia.

Archivia foto per la stampa

Pierre Harvey durante i 50 km di Coppa del Mondo di sci di fondo a Holmenkollen, Norvegia, 19 marzo 1988.

Prima del suo debutto nel Mondiale 2010, le è stato detto dell’atmosfera che regna nello stadio, ma anche ai margini dello stadio dove assomiglia al Tour de France.

“Ho visto questa atmosfera la porta sul retro (Nel 2010), ma sono stati i mondi del 2011 che mi hanno particolarmente distinto. I campionati del mondo durano una decina di giorni, e oltre allo sci di fondo, c’è il salto di fondo scandinavo e lo snowboard. C’erano persone lì ogni giorno. Ci sono persone che sono state in campeggio invernale per due settimane a lato del corso e stiamo iniziando a conoscerle. Mi ha davvero stupito come il mondo stesse decollando. ”

READ  La nuova mania di Zlatan

Generatori, fuochi da campo e schermi giganti, tutto è pronto per stare al caldo e tenersi aggiornati sugli eventi sulle piste, ma anche per i pasti in loco che hanno presentato la sua prima gara di salto con gli sci nel 1892 ei suoi primi 50 chilometri di sci di fondo nel 1902.

Harvey ricorda che i suoi compagni di squadra Dasha Jyazova e Stefan Kuhn hanno trascorso la notte in una tenda con i fan al termine delle prove.

“Avevano grandi storie da raccontare e ci hanno detto che era già abbastanza difficile”.

“È come una grande festa!” Cendrin Brown, 26 ° nella gara di nuoto freestyle di 30 km, ha presentato in questa località nel marzo 2018. “La gente arriva pochi giorni fa per montare le tende per prenotare il loro posto ed è ora di festeggiare sul bordo della pista. Bevono, e per ogni evenienza. Ubriachi, tutti urlano, ci sono fuochi … È davvero, molto diverso correre lì. Questo è inaudito! ”

Gli arti sono così intensi da influenzare la pista che Alex Harvey ha avuto la possibilità di vederli riferendosi al fumo del fuoco.

“Una volta raggiunto il punto più alto del ciclo, il Frognerseteren – Qui è dove si trova il campo più grande e dove le persone passano la notte – era quasi claustrofobico. Cerchi la tua aria e lì sei a Boqan. Anche la neve è sporca nei punti chiave perché tutta la notte la gente festeggia e attraversa il passo. La macchina quindi segue il percorso, tranne che la neve rimane sporca. ”

Il corso più impegnativo

Oltre all’atmosfera emozionante, la bicicletta Holmenkollen si distingue anche come la più impegnativa del circuito internazionale.

READ  Titolo Marcelo Gallardo potrebbe perdere contro il River nel prossimo calciomercato: il Bologna dall'Italia ha chiesto le condizioni per Gonzalo Montiel.

Un po ‘come l’architettura in cui le città competono tra loro per il grattacielo più alto, anche gli organizzatori di eventi vogliono essere orgogliosi di presentare il percorso con il maggior dislivello. Holmenkollen ha vinto la pista dei Mondiali 2013 in Val di Fiemme (Italia), ma non per molto, come spiega Harvey.

Loro (gli organizzatori norvegesi) hanno aggiunto una piccola collina nel mezzo di un pendio. Quando l’abbiamo visto, abbiamo pensato che questo piccolo dosso fosse stato costruito da zero per ottenere otto metri in otto curve. Era praticamente sciocco, ma ha permesso loro di ottenere il corso al minimo più alto. ”

Devi essere un atleta completo per vincere Holmenkollen come pensa Alex Harvey. “Le persone che si comportano bene sono dei grandi pattinatori, perché è impossibile ottenere attrezzatura perfetta ovunque sulla pista”.

Cendrine Browne desidera ardentemente tornare nella capitale norvegese per essere di nuovo in pista.

“Solo essendo lì, in questo luogo leggendario, mi sono lasciato andare alla deriva e ho fatto un’ottima gara, anche se sono caduto un paio di volte […] È il festival dello sci di fondo dove si celebra questo sport. ”

Non per niente è in questo luogo che troviamo il Museo dello Sci che si trova sotto il trampolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *