L’Italia brilla contro la Premier League

Dall’altra parte delle Alpi, i media e lo sport hanno risposto lunedì mattina all’annuncio della creazione della Premier League da parte di dodici società separatiste, di cui tre rappresentanti del calcio italiano. Tra minacce “fair to greedy” e “super no” e minacce legali, le reazioni non mancano.

Andrea Agnelli è stato sospeso da tutta la stampa italiana. Il presidente della Juventus, che ha creato la Premier League insieme ad altri presidenti e proprietari di club, è stato oggetto di molti commenti.

“Agnelli tradisce sia la UEFA che la European Club Association”, ha detto la Gazzetta dello Sport coprendo l’annuncio della creazione della Premier League. Nella Pink Gazette, l’editoriale di Andrea de Carlo si spinge oltre sotto il titolo “Exhibition of Passion”.

Si interroga ancora sul ruolo di Agnelli: “Da un lato ha sposato il progetto di riforma della UEFA Champions League come capitano della European Club Association, ma stava lavorando anche a questo progetto della Premier League. È stato incaricato dai club italiani di completare l’iscrizione. di un fondo di investimento in una new media company al fianco di Side con la Lega Italiana, con prospettive finanziarie molto allettanti per tutti i club ”. Prima trovato e poi mollato. Se si affermano elementi coerenti, ci saranno ragioni per valutare se tutti i progetti sono stati eseguiti fedelmente o se erano condizionati a un conflitto di interessi “.

>> Le informazioni sulla Super League sono direttamente RMC Sport

Il giornalista italiano ha concluso con un attentato alla dirigenza di alcuni grandi club italiani, tra cui la Juventus, spiegando che “non dovrebbero tirare la corda, soprattutto quando si ottemperano ad alcune operazioni finanziarie, quelle che limitano, ad esempio, la Juventus per plusvalenze. La necessità o quella pretesa dall’Inter, che chiede ai suoi giocatori e alle istituzioni di posticipare le casse salariali e il carico fiscale. Questo calcio italiano è strano perché c’è un club che paga puntualmente gli stipendi e rischia di retrocedere, il Parma, e un altro squadra sulla strada per diventare un campione senza essere in grado di pagare le sue spese alla fine del mese “.

READ  La Francia è sullo sfondo

Sabotaggio Agnelli

Sul quotidiano generalista Corriere della Sera il progetto è così sintetizzato: “Il ballo dei ricchi”. Il quotidiano conferma che i tre club italiani in Premier League sono convinti che le autorità sportive italiane non oseranno escluderli dalla Serie A italiana, contrariamente alle minacce lanciate dalla Federcalcio europea e dalle principali leghe sportive europee.

Il quotidiano Transalpine evoca anche la possibilità di un’azione legale da parte dei club italiani contro i tre separatisti, legata al non chiudere la vicenda con il fondo di investimento per il suo ingresso in una new media company. Più interessante finanziariamente è un caso il cui esito è visto come sabotaggio da Agnelli che stava lavorando contemporaneamente a questo progetto di Super League. Anche se altri club italiani perdono i 1.700 milioni di euro promessi dal Fondo CVC-Advent-Fsi. Il quotidiano arriva al punto di riportare un chiaro conflitto di interessi.

‘Uccidi il calcio’

La Repubblica, da parte sua, ricorda con urgenza gli scambi avvenuti nel consiglio di amministrazione di Serie A nelle ultime ore. Secondo le informazioni del quotidiano nazionale romano, tre club hanno già chiesto l’esclusione dalla serie A dei separatisti, ovvero Atalanta, Hellas Verona e Cagliari. Altri possono seguire. La Repubblica annuncia una “stagione di azioni giudiziarie” con molte battaglie legali in vista.

Anche la prima pagina di Tuttosport parla molto questo lunedì in Italia. Con la frase straziante “Ma sei matto? La Premier League sta eliminando il calcio”, è chiaro che il quotidiano è nella sua posizione contro questa divisione nel calcio europeo, come nel caso della Gazzetta dello Sport.

READ  Remy Kavagna del Giro: "Ho la possibilità di andare a prendere la maglia rosa".

Giovanni Carnevale, amministratore delegato del Sassuolo, ha utilizzato gli stessi termini del quotidiano sportivo torinese.

Ha detto a Radio Anchio Le Sport: “Sono idee che non ci piacciono e che minacciano di uccidere il nostro campionato. Il calcio deve restare una questione di merito. Oggi ci manca il tifo, ma anche la passione e la competizione. Se pensiamo solo in in termini economici, è meglio che gli altri si interessino al calcio: “Primo grado? Ci saranno problemi e noi agiremo legalmente”.

Lunedì sale il titolo di Borsa della Juventus

In attesa di ulteriori sviluppi, l’annuncio della creazione della Premier League e la partecipazione della Juventus come socio fondatore ha un impatto significativo sulla quotazione del titolo Juventus in borsa. Alle 11:45 lo stock è salito del 12%.

L'attività della Juventus si è intensificata dopo la creazione della Premier League
L’attività della Juventus si intensificò dopo la creazione della Premier League © DR

Nuove prove, se ci sono prove, che questa Premier League attrae – all’inizio – il mondo finanziario molto più che calciatori, giocatori, allenatori, giornalisti o tifosi.

Il finanziamento del calcio non è mai stato così importante. Tra delusione estrema e rabbia, la Premier League non ha una buona stampa in Italia. Ancora più importante, i club italiani stanno già brandendo minacce per escludere la divisione e intraprendere azioni legali. L’estate sarà molto calda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *