Leggendario Campionato Mondiale di Endurance Ferrari

La Ferrari torna nel Campionato del Mondo Endurance 2023. Non serve altro per cambiare le acque ferme del motorsport. E sì, è tempo di riportare in vita il ricordo dei mostri sacri della Scuderia, che lì hanno avuto origine …

Nel pomeriggio del 24 febbraio, la Ferrari ha annunciato il suo ritorno nella più alta categoria di gare di durata, Le Mans Hypercars, a partire dal 2023. Dal 1973, è stata nella più alta categoria di gare di durata, avendo scritto pagine d’oro negli anni ’60. Da allora, l’azienda italiana ha partecipato alle categorie inferiori del Campionato del Mondo Endurance, come GTE Pro e Am, in cui conta 36 vittorie. Nel gioco più rappresentativo di questo torneo, che è solo 24 ore di Le MansLa Fabbrica di Maranello vinse nove vittorie, a partire dal 1949, nel primo conflitto del dopoguerra (l’ultima vinta nel 1965).

Il duo Olivier Zedebien-Phil Hill sulla Ferrari 250 TR “Testarossa” è rimasto un classico sul leggendario tracciato, finendo tre volte al primo posto. Un altro, per la prima volta, lo vinse nel 1960 con il giornalista come aiuto pilota Paul Frere. L’auto raggiunse l’apice due anni dopo, quando iniziò l’era dei prototipi.

Ferrari 250 Testarossa

Con un motore da 4 litri, 360 cavalli e aerodinamica GTO e un’auto di Formula 1, Zidibian non gli ha fatto cercare altre emozioni. Il grande belga, considerando che con la “TR V12” ha portato a termine i suoi obiettivi in ​​gara, si è ritirato da loro con tutta la gloria e l’onore.

Le Mans 1965

L’ultimo membro della glorificata Serie “250”, il successore dei leggendari distintivi “GT”, “TR” e “GTO” che l’hanno accompagnata durante la sua carriera decennale, è stato presentato ufficialmente al Salone di Parigi nell’ottobre 1963. Non era il primo modello Ferrari con il motore installato dietro la schiena del pilota, ma era chiaramente la prima edizione stradale dell’azienda italiana con queste caratteristiche specifiche. Fino ad allora, la soluzione al “ritorno di tutto” era offerta solo dalle autentiche auto da corsa della Scuderia, a partire dal 1961. “250 LM” (Origine delle iniziali di Le Mans, riferite alle grandi vittorie della Ferrari lì.) Era fondamentalmente una “250 P” con un tetto, che in realtà è stata ispirata dalla seconda serie dal suo predecessore popolare, la “250 GTO”.

READ  La Grecia è scivolata al 20 ° posto nella classifica UEFA European Football Association (UEFA)

Ferrari 330 Le Mans berlinetta

Progettata da Pininfarina sotto la Carozzeria Scaglietti, la “250 LM” non ha avuto il tempo di produrre 100 unità per l’adozione nelle gare GT, con Enzo che ha affermato alla FIA di essere un sottoprodotto di “250 SWB” e “GTO”. Tuttavia, questo non è stato definitivamente accettato dall’Autorità Sportiva, e di conseguenza è stato inserito nella categoria Originali, che richiedeva solo 25 copie per essere prodotte. Questo era il motivo per cui aveva solo 32 auto, fino al febbraio 1966, quando la sua attività fu ufficialmente conclusa. giunzione Enzo Ferrari Con la FIA, alla quale partecipò anche la “250 LM”, non poté impedirgli nel 1964 di ottenere 10 vittorie, in 35 partite alle quali annunciò la sua partecipazione. Il successo più importante di quell’anno fu la vittoria della “12 ore” per Reims guidata da Graham Hill e Joe Bonnie. L’anno successivo, il destino dell’auto fu lasciato nelle mani di squadre speciali che si rivelarono vincenti. Il loro risultato più notevole, che è stato contemporaneamente il “vertice” nella “250 LM”, è stata la vittoria di Jochen Reed e Justin Gregory nella “24 Ore” di Le Mans. Questa è stata l’ultima vittoria della grande azienda italiana nella mitica corsa.

Ferrari 312 BIT

Nel 1972 Enzo Ferrari decise di partecipare nuovamente alle gare di endurance, poiché il titolo mancava alla società da sette anni. Il 12 cilindri boxer che guidava una Ferrari F1 potrebbe servire i suoi interessi nel campionato aziendale. Il prototipo, il “312 PB”, era stato testato per mesi, quando la Scuderia stava ancora lottando per recuperare il ritardo con la Porsche 917 con il cinque litri “512”. Il sistema di sospensioni leggero e ben progettato, le grandi prese d’aria nella parte anteriore e un ampio spoiler posteriore forniscono al 312 PB la stabilità richiesta. La vettura, costruita in sette esemplari, era guidata dai piloti più esperti dell’epoca: Peterson, Andretti, Rigazzoni, X, Shinken, Redman. Il progetto è stato guidato dal direttore delle corse Peter Siti, ex campione di arrampicata con la “212E”. Il risultato è stato di dieci vittorie impressionanti, che hanno dato alla Ferrari il suo ultimo Campionato del Mondo Endurance. Anni dopo, papa Comentatore visitò gli anziani a Modena per benedirlo. Nell’attesa, il Papa ha notato una targa sopra la scrivania del “Vecchio”: il soggetto era “312 PB” di Merzario, Munari di passaggio a Shirda, in rotta verso la vittoria nell’ultima Targa Florio.

READ  Juventus: l'incredibile in Italia - I migliori giocatori ... - Sportdog.gr - Notizie sportive | notizia

La Ferrari vince a Le Mans

1949: Chinetti Mitchell / Thompson, 166mm Ferrari

1954: Gonzales Trentant, Ferrari 375 Plus

1958: Gendebian Hill, Ferrari 250 TR58

1960: Gendebien-Frere, Ferrari 250 TR59 / 60

1961: Gendebian Hill, Ferrari 250 TRI / 61

1962: Gendebian B-Hill, Ferrari 330 TRI / LM Spider

1963: Scarfiotti Bandini, Ferrari 250 p

1964: Guichet-Vaccarella, Ferrari 275 P.

1965: Rindt-Gregory, Ferrari 250 LM


Leggi anche

https://www.4troxoi.gr/4t-classic/agonistika-aytokinita/i-12kylindri-ferrari-250-testarossa

https://www.4troxoi.gr/4t-classic/agonistika-aytokinita/ferrari-330-le-mans-berlinetta-i-teleytaia-mias-epohis

https://www.4troxoi.gr/4t-classic/montela/ferrari-250-le-mans-aristoyrgima-toy-1963

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *