Le 6 cose da sapere sulla 104a edizione del Giro d’Italia

Sabato 8 maggio il Giro aprirà la sua 104a edizione con una cronometro per le strade di Torino. La gara di tre settimane si conclude come di consueto a Milano il 30 maggio con un nuovo cronometro. Sul lato francese, sarebbero Roman Bardet, Tony Gallopin e Remy Kavagna in gruppo che potrebbero essere dominati da Egan Bernal, Simon Yates o Peter Sagan.

Ci saranno 23 squadre invece delle solite 22

Una grande novità per questa 104esima edizione del Giro d’Italia: 23 squadre che si giocheranno durante la gara invece delle solite 22 squadre. Motivo ? Come spesso accade quest’anno, è legato all’attuale crisi sanitaria. L’UCI ha autorizzato gli organizzatori del Grand Tour a invitare ulteriori allenamenti. Qualcosa che delizia i riders di Eolo-Kometa, che parteciperanno al loro primo grand tour. Saranno accompagnati da altre due squadre italiane di secondo livello abituate all’evento, Andreoni Giocattoli-Sadermique e Pardiani CSF Faizanè oltre alla squadra belga Alpecin-Fenix.

Jiro (di nuovo) sta facendo un’escursione

Come spesso accade negli ultimi anni, il Giro si giocherà principalmente sui ripidi pendii delle Alpi italiane e l’edizione 2021 non fa eccezione alla regola. Sono previste sette tappe di alta montagna tra cui la magistrale salita dello Zhongulan al termine della seconda settimana, una delle salite più impegnative d’Europa, questa volta in salita dal suo versante orientale, due giorni prima della tappa della Regina nelle Dolomiti , “Tappone” in programma per il 24 maggio che sarà prenotato I corridori hanno tre corsie che superano i 2.000 metri di altezza.

E se i piloti che guidano la strada dipendono dall’esperienza del tempo per distinguersi nella classifica generale, dovremo tornare il prossimo anno perché gli organizzatori quest’anno hanno programmato solo due volte: 8,6 chilometri a Torino. Per la prima volta e la seconda tappa durante l’arrivo finale a Milano, 30,3 km. Non è l’ideale per fare grandi buche, lasciando la montagna l’unico sbocco per i favoriti.

READ  Le celebrità chiedono al G7 di somministrare vaccini contro il Covid-19 nei paesi poveri

Vincenzo Nepalese, unico vincitore presente

Se non ti piacciono le gare dove tutto è predeterminato, questo Giro 2021 fa per te perché inevitabilmente un nuovo nome sarà inserito nel trofeo finale. Beh, non esattamente. Solo un corridore su 184 partecipanti può affermare di aver effettivamente inciso il proprio nome Il Tazza infinita (“The Infinite Chalice”) in gruppo. Non è l’inglese Tao Geojejan Hart, il sorprendente vincitore dell’edizione 2020, che quest’anno non difenderà il suo titolo, ma Vincenzo Nepalese, l’indistruttibile vincitore nel 2013 e 2016, che ha 36 anni, parteciperà al suo decimo tour dell’Italia, e si assicurerà, sotto compenso dopo essersi assicurato un deludente settimo posto lo scorso anno.

Il primo Gero a Egan Bernal

Se Tao Geoghegan Hart non faceva parte della festa, è, tra l’altro, perché la Ineos-Grenadiers ha deciso di nominare un altro capitano per questa 104esima edizione dell’Italy Tour. E non uno qualsiasi: il vincitore del Tour de France 2019, Egan Bernal, che inizierà la sua prima gara della sua carriera giovanile, dopo l’anno 2020 dove è stato una delusione, in gran parte a causa di problemi alla schiena.

Il cavaliere colombiano era solo un’ombra di se stesso nell’edizione 2020 del Grand Bouquet poiché era in costante dolore e delusione nella classifica generale, e aveva rinunciato la mattina della diciassettesima tappa.

Egan Bernal gareggerà nella prima gara della sua giovane carriera.  (Sylvain Thomas / AFP)

Giovani talenti dai denti lunghi

Nonostante la rosa poco attraente dello scorso anno, il Giro 2020 ha finalmente trovato la sua magia grazie ai giovani tiri che hanno scandito la gara per tre settimane presentando un finale agguerrito ed energico. La buona notizia è che troveremo alcuni di questi ragazzi (Jay Hindley 24, Joao Almeida 22) e altri promettenti corridori che si uniranno al ballo: Rymco Evinbuell, 21, Alexander Vlasov, 25, Will Bartha, 25.

Un’occasione per scoprire o riscoprire i corridori ciclistici di domani che si affermano nei Grandi Giri in età sempre più giovane. Prova della vittoria di Egan Bernal nel 2019 e di Tadij Boujacar nel 2020 al Tour de France.

Francese per mazzi di fiori

Che si tratti di Roman Bardet (tre tappe in un Grand Tour), Tony Gallopin (due tappe sulla GT), Remy Kavagna (una tappa sulla GT) o Nicholas Edet (classificazione della montagna sulla GT), il campo tricolore di questo tour è stato provato in Italia, anche con il Thibaut Pinot Pack. Se nessuno sembra avere la capacità di interpretare il generale, rischiamo di trovare un gran numero di francesi che si separano per giocare vittorie di tappa.

Bardet in montagna, Gallopin o anche Kavagna nelle prove del tempo, i Tricolori hanno le carte in regola per recitare da protagonisti in ogni tappa, dall’inizio di Torino fino alla fine del Milan. Sarà anche un’opportunità per Clement Chambossen (AG2R Citroën), una grande speranza per un ciclista francese, di mostrare le sue capacità dopo il suo primo promettente Grand Tour in Spagna lo scorso anno, vincendo il 10 ° e il 31 ° posto assoluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *