L’accusa contro Beckenbauer è archiviata

Primo ingresso: giovedì 25 febbraio 2021, 20:05

Il Comitato Etico della FIFA ha dichiarato giovedì (25/02) che non è più in grado di continuare il processo contro l’ex campione del mondo tedesco Franz Beckenbauer e altri funzionari tedeschi, in un presunto caso di corruzione, poiché è scaduto per prescrizione.

Nel 2016 una squadra investigativa della FIFA ha concluso che Beckenbauer, Teo Zwansiger e Horst Smond avevano violato le regole dell’organizzazione sulla concussione e la corruzione durante la campagna di successo della Germania ai Mondiali del 2006. I tre uomini avevano negato il reato.

La FIFA ha affermato che le irregolarità “includono il pagamento di 10 milioni di franchi svizzeri (11 milioni di dollari) fornito dal Comitato Organizzatore (OC) o per suo conto a Mohamed Bin Hammam nel 2002. Tale importo era legato all’approvazione di un contributo di 250 milioni. I franchi svizzeri stanziati dalla FIFA e versati al comitato. L’organizzazione tra il 2002 e il 2006 “.

Il Comitato Etico della Federazione Mondiale ha affermato che i casi non possono più essere ascoltati a causa della scadenza del termine di prescrizione. “Il termine pertinente è scaduto nel 2012 per le azioni del Sig. Beckenbauer e dal 2015 per le azioni del Sig. Zwanger e del Sig. Schmidt, il che significa che le loro azioni non possono più essere perseguite, in conformità con l’articolo 12 del Codice FIFA di condotta “, ha detto la commissione in una dichiarazione.

Nel 2016 la FIFA ha emesso un avvertimento e una multa di 7.000 franchi svizzeri a Beckenbauer per non aver collaborato alle indagini sulle offerte della Coppa del Mondo 2018/2022.

READ  Mondiali 2023. Qual è il sorteggio migliore e peggiore per la quindicesima squadra nazionale francese?

Il caso ha portato all’avvio di un’indagine da parte delle autorità svizzere, ma lo scorso anno ha superato il limite di cinque anni previsto dallo statuto della FIFA, per garantire condanne che hanno portato a commenti critici dell’ex procuratore generale svizzero Mikael.

La FIFA ha estromesso dall’ergastolo Bin Hammam con l’accusa di corruzione in un caso separato legato al suo tentativo fallito di estromettere l’allora presidente della FIFA Sepp Blatter alle elezioni della FIFA.

Ultimo aggiornamento: giovedì 25 febbraio 2021, 20:07

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *