Italia – Quest’anno il numero degli immigrati è raddoppiato – Notizie – Notizie

Si tuffarono in mare non appena videro la riva. Mohajer ha perso la vita, mentre la Guardia di Finanza e i carabinieri sono riusciti a salvare cinque persone.

Coronavirus: cosa succede al ceppo Delta?

È successo al largo della piccola isola di Levancio, a sud di Trapani in Sicilia.

I migranti erano salpati dalla Tunisia e le operazioni di soccorso sono iniziate non appena la centrale operativa della Guardia costiera italiana ha ricevuto una richiesta di aiuto da uno dei naufraghi. Contemporaneamente, sull’isola di Levanzo si trovano i carabinieri, altri 17 tunisini che sono riusciti a raggiungere la costa.

Quest’anno si è registrata una nuova ondata di arrivi in ​​Italia: dal 1 gennaio al 20 agosto sono arrivati ​​nel Paese 35.034 migranti e rifugiati. L’anno scorso, durante lo stesso periodo, il numero di arrivi secondo il Ministero dell’Interno italiano è stato di 17.160. Nel 2019 non hanno superato i 4.580.

“L’Italia non è un campo profughi in Europa”

Il segretario della Lega Matteo Salvini si unisce al suo partito nel governo Draghi ma accusa il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese di maltrattamento e insiste: “L’Italia non è un campo profughi in Europa”.

“Il numero degli arrivi è già aumentato. Ma dobbiamo tenere conto di tutta la realtà internazionale, che è in continua evoluzione, come è successo in questi giorni con l’Afghanistan”, ha risposto Lamorgese.

Secondo molti osservatori, il governo di Mario Draghi, che gode di un ampio sostegno politico, sta affrontando un grave problema di immigrazione e rifugiati.

“E’ il tallone d’Achille della coalizione di governo perché i diversi partiti non riescono a trovare un terreno comune e l’Europa non condivide gli oneri e le responsabilità”, ha affermato La Repubblica. Tuttavia, la situazione è ancora gestibile a causa dei nuovi problemi che la pandemia di coronavirus pone quotidianamente.

READ  Lazio, vince a Bergamo, 3-1 contro l'Atalanta

Per quanto riguarda l’Afghanistan, finalmente nelle reazioni degli italiani fino ad oggi, c’è solidarietà e tristezza per ciò che la loro gente sta affrontando e affronterà in futuro. Tuttavia, molti temono che i flussi migratori possano aumentare di nuovo, relativamente presto.

Theodoros Andreas Sigilakis, Roma

Il relitto dell’Occidente nel ‘cimitero degli imperi’
Continua Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Guarda le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *