Italia – Austria: l’Italia da … i vecchi tempi … – Sportdog.gr – Notizie sportive | notizia

Dopo una partita… una storia avvincente che ci ha mostrato perché le partite a eliminazione diretta… hanno rubato le loro impressioni in queste competizioni, gli Azzurri sono riusciti a dissuadere gli splendidi austriaci e ad avanzare ai quarti di finale di Euro 2020.

Italia – Austria: Forse ha avuto bisogno di tempi supplementari, forse non mi ha ricordato la squadra che tutta l’Europa ha ammirato nella prima fase del torneo, ma gli italiani sono riusciti a vincere 2-1, con gol “d’oro”. Da Kiza e Besina, mentre Kalajic taglia per gli Eagles, è passato ai quarti di finale dove affronterà il vincitore del duo Portogallo-Belgio. D’altronde gli austriaci si sono dimostrati molto forti… e avrebbero potuto fare la sorpresa finale, se Arnautovic fosse stato di qualche centimetro indietro, quando al 65′ ha mandato un passaggio ad Arnautovic e ha segnato l’ultimo, ma il obiettivo non è stato consentito come un bradipo.

la partita:

La partita che si è svolta a Wembley è iniziata con la squadra azzurra diversa da quella a cui eravamo abituati nella prima fase del torneo, in quanto la loro pressione era inferiore rispetto alle partite precedenti. D’altra parte, gli austriaci, logicamente, avevano la mente più difensiva, per poter “colpire”. Tutto questo fino ai primi dieci minuti, da allora gli italiani hanno alzato la difesa, rendendo la vita difficile agli Eagles. La prima tappa arriva in casa della Squadra Azzurra all’11’, con un tiro di Spinazzola dalla sinistra, ma il pallone si spegne. Al 17′ il totale di Mancini si avvicina all’1-0, quando il romanista alzerà un cross, e Barilla centra un tiro di grande effetto, ma Bachmann risponderà a fatica a piedi.

READ  City e Real cercano progressi nelle qualificazioni

Nel tempo, la palla è sempre stata a metà campo, difesa dagli austriaci, che hanno avuto grandi difficoltà a svilupparsi. La squadra Fonda, ovviamente, avrebbe potuto immobilizzare tutti se il tiro di Arnauto avesse trovato un bersaglio, cosa che non è avvenuta per brevissimo. Al 32′ gli Azzurri perderanno una grande occasione per aprire le marcature! Immobile prenderà un gran tiro da fuori area, ma la palla andrà a colpire la traversa di Bachmann mantenendo il punteggio sullo 0-0 del match. Prima della fine del primo tempo Spinazzola metterà a segno un altro bel tiro, ma il portiere austriaco sarà di nuovo al posto giusto, e farà un’altra bella operazione.

La prima tappa sarà nella ripresa per gli austriaci, quando Alaba commette fallo al 52′ da un ottimo punto, ma la palla passerà fuori dalla traversa del Donaroma. Nonostante l’Italia avesse sia possesso che opportunità, gli austriaci, nel tempo, hanno visto un miglioramento della loro difesa, che ha smosso la loro psiche e creduto in una sorpresa ancora maggiore, ma allo stesso tempo ha irritato gli Azzurri più di noi. Non ancora visto in Euro 2020.

Al 62′ gli Eagles tornano a fare bella figura, quando Sampitzer colpisce da fuori area attaccherà la ribattuta e lascerà ben poco la traversa di Donnarumma. Ma dopo tre minuti l’Austria potrà aprire le marcature quando Alaba serve di testa ad Arnautovic per vincere allo stesso modo su Donnarumma, ma il gol sarà annullato, subito dopo aver utilizzato la tecnica del VAR, visto che l’austriaco. L’attaccante era davanti alla difesa italiana.

I giocatori di Mancini reagiranno con due tiri, inizialmente di Locatelli e Insigne, al 72′ proveranno a minacciare, ma il pallone si spegnerà. Quando arrivò la partita finale, la partita era diventata la roulette russa, poiché tutti si rendevano conto che l’obiettivo poteva governare tutto. All’83’ le azzurre avrebbero un’altra chance nel match quando Spinazzola crossa dalla sinistra, ma Berardi, invece di scendere, prova a fare le “forbici” con la palla alta. Negli ultimi minuti della stagione regolare, gli italiani aumenteranno di nuovo la pressione, ma ancora una volta la multiforme difesa austriaca non darà loro l’opportunità di minacciare, ma ancora una volta, la multiforme difesa austriaca non darà loro l’opportunità di minacciare. . , con conseguente lavoro straordinario per mezz’ora.

READ  Dalla sua passione per la Ferrari, l'Auvergne ha fatto di Philippe Gardet la sua carriera

La mezz’ora in più partirà con gli Azzurri che vorranno minacciare in anticipo e avanzare nelle qualificazioni e al 94′ Belotti troverà Chiesa, ma il tiro di quest’ultimo sarà nuovamente bloccato da Bachmann. Quello che il giocatore della Juventus non è riuscito a fare lì, lo farà tra un minuto. Spinacola cambierà il gioco di Chiesa sulla destra, fermerà il pallone un po’ strano, e da distanza ravvicinata potrà mandare la palla in rete per il punteggio di 1-0.

I briosi Azzurri continueranno ad avere il possesso palla e cercheranno ogni volta che potranno di minacciare Bachmann. Qualcosa di simile è successo al 104′ quando Insigne ha commesso un fallo, ma il portiere austriaco avrebbe fatto una parata strepitosa mantenendo la sua squadra in partita. Ma dopo un minuto i giocatori di Mancini potranno segnare un secondo gol, “sigillo” la qualificazione ai quarti di finale. Cederà Insigne all’Azerbaigian, fuori area, dove la palla finisce a Pesina che riuscirà a farla 2-0 nel bel mezzo delle chiassose esultanze di Wembley.

Al 106′ l’austriaco proverà a rispondere con un tiro per Saab, fuori dall’area grande, ma Donnarumma annuncerà “presente” e terrà il 2-0. Al 109′ Di Lorenzo attraverserà quasi tutto il campo, ma il suo tiro andrà pochissimo. Al 111′ gli austriaci perderanno una grande occasione per rientrare in partita, ma il tiro di Sampitzer da posizione molto vantaggiosa uscirà. Tuttavia, gli Eagles potranno fare l’incontro…il rodeo tre minuti dopo, quando dopo un calcio d’angolo, Calajdic avrà un ottimo colpo di testa, realizzando il 2-1. Al 119′ gli italiani… avrebbero potuto chiudere la partita, ma Bachmann ha colpito Kiza all’ultimo minuto prima del 3-1. Negli ultimi minuti l’Austria proverà a fare una grande sorpresa… Ma sono le italiane che si qualificheranno ai quarti di finale con il punteggio di 2-1 e aspettano il vincitore del duo Portogallo-Belgio per un posto nel “4”.

READ  Mancini spera che Verratti giocherà in Coppa Europa

marcatore: 95′ Chiesa, 105′ Pezina – 114′ Calajdzic

Italia (R.Mancini): Donaruma, Di Lorenzo, Spinazola, Verratti (67′ Locatelli), Zorginio, Insigne (107′ Cristante), Berardi (84′ Chiesa), Acerbi, Imobile (84′ Bellotti), Barezna (67′)

Austria (F. Fonda): Bachmann, Dragovic, Hinterger, Arnautovic (97′ Kalajdic), Alaba, Sbicer, Grealish (106′ SAP), Baumgartner (90′ Soft), Liner, Slugger (106) Grego

Segui sportdog.gr su Google News e sii il primo a conoscerli tutti notizie sportive

mostra tutto notizie sportive Dalla Grecia e dal mondo, su sportdog.gr

commentalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *