Il turismo, gli sport sulla neve e l ‘”oro bianco” hanno un forte impatto sull’economia alpina

Il giorno di apertura del comprensorio sciistico di Airolo, Svizzera, 12 dicembre 2020. Indossare la maschera è obbligatorio. Keystone / Alessandro Crinari

Mentre i paesi vicini impongono misure restrittive alle loro stazioni sciistiche per combattere l’epidemia di Covid-19, la Svizzera è stata finora lasciata aperta. L’economia delle regioni alpine dipende in larga misura dall’attività degli impianti di risalita e dal turismo invernale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 dicembre 2020-14: 02

Le stazioni sciistiche svizzere hanno ricevuto nelle ultime settimane un’attenzione particolare dalla stampa estera. Mentre tutti i paesi vicini hanno deciso Per prevenirlo, o almeno scoraggiarlo I loro connazionali a sciare durante il periodo natalizio, attenendosi al Covid, il governo svizzero ha finora consentito l’apertura delle stazioni, A determinate condizioni. La pressione esercitata dai paesi vicini non ha tenuto il passo con la protesta interna degli attori del settore, dei rappresentanti dei cantoni alpini e della maggior parte dei parlamentari.

In questo contesto senza precedenti, l’attività dei resort svizzeri promette di essere seguita da vicino. I disaccordi sono già iniziati. Metà novembre a Zermatt, dieci giorni prima a Verbier, Tiro Pattinatori ammucchiati A dispetto delle regole di allontanamento fisico, è stata oggetto di pesanti critiche in Svizzera e sulla stampa europea.

Va detto che rinunciare a questo guadagno inaspettato è economicamente rischioso. In Svizzera, le regioni di montagna coprono quasi i due terzi del territorio nazionale e sono punti caldi per l’attività turistica. Secondo i dati diffusi dall’Ufficio federale di statistica (OFS). Nelle regioni montuose, un franco su cinque è generato direttamente o indirettamente dal turismo e il settore impiega una persona su quattro.

Per queste zone, che ospitano le maggiori stazioni sciistiche del Paese, l’inverno è un periodo cruciale. La metà delle notti in albergo è stata registrata nei Grigioni, in particolare a Davos, e più del 40% di quelle nel Vallese – ad esempio a Zermatt – è stato registrato tra dicembre e marzo. “Il turismo invernale rappresenta circa l’1% del PIL della Svizzera, ma più del 10% per le regioni montuose come il Vallese o i Grigioni”, osserva il consulente specializzato Laurent Vanat, autore Rapporto internazionale sul turismo montano e sulla neve. In totale, il turismo invernale genera circa 5 miliardi di franchi all’anno, afferma lo specialista a SWI a swissinfo.ch.

Gli impianti di risalita sono i polmoni delle località

Nonostante una lieve ma continua tendenza al ribasso negli ultimi anni, sci e impianti di risalita rimangono i principali motori della stazione, generando benefici economici diretti e indiretti a livello regionale, indicando Federazione svizzera del turismo. “Queste sono anche le infrastrutture che consentono di accogliere il maggior numero di turisti”, osserva Laurent Vanat.

Durante l’anno fiscale 2018-2019 (che include l’estate 2019), la filiale ha realizzato un fatturato totale di 1,5 miliardi di franchi, tre quarti dei quali generati in inverno. Secondo i rapporti, ha impiegato quasi 17.000 persone Assemblea nazionale del ramo.

I comprensori sciistici svizzeri hanno registrato poco più di 20 milioni di giornate sciistiche (prime croci per persona e giorno in inverno), una cifra inferiore di circa il 20% rispetto alla stagione precedente e attribuita a una fermata anticipata della stagione a causa della pandemia e della riduzione delle nevicate. In media 5 anni è di circa 23 milioni. Due terzi degli ospiti provenivano dalla Svizzera e circa il 28% dall’Unione Europea.

I pattinatori nazionali rappresentano la maggior parte delle visite in quasi tutti i paesi. Ci sono solo due paesi nel mondo delle eccezioni: Andorra e Austria, dove i clienti stranieri rappresentano rispettivamente il 90% e due terzi di tutte le visite, secondo Laurent Vanat.

Il turismo invernale è anche centrale per le regioni montuose circostanti

Il turismo invernale è la principale fonte di ricchezza per gran parte delle regioni montuose di Francia e Austria. Metà dell’economia della Savoia è direttamente o indirettamente collegata agli sport invernali, afferma Aree sciistiche in Francia. Le stazioni sciistiche francesi generano più di 1 miliardo di euro di entrate annuali e rappresentano un mercato di 10 miliardi di euro di spesa, ovvero tra il 5% e il 10% dell’economia turistica francese. Le aree sciistiche forniscono 18.000 posti di lavoro diretti e 120.000 indiretti ogni inverno.

In Austria, Ascensori Ha generato oltre 1,5 miliardi di euro di volume di vendite durante la stagione invernale 2018-2019. L’industria stima che gli appassionati di sport invernali abbiano incassato più di 11 miliardi di euro di vendite e un contributo al PIL austriaco di quasi 6 miliardi di euro. Circa 126.000 posti di lavoro sono stati creati direttamente o indirettamente da questo settore.

Fine dell’ingresso

La Svizzera, uno dei principali attori dell’industria sciistica mondiale

Le attività invernali rappresentano più di 33 miliardi di euro a livello europeo e 69 miliardi di euro a livello globale, secondo Laurent Vanat. Le Alpi sono di gran lunga il più grande mercato sciistico del pianeta, con oltre il 40% della presenza globale.

Una media di 23 milioni di giornate sugli sci pone la Svizzera dietro a Stati Uniti, Francia e Austria. Ma rispetto alla popolazione del paese, la Svizzera ha la seconda percentuale più alta al mondo dopo l’Austria.

In tutto ci sono più di 2000 stazioni sciistiche con almeno 5 impianti di risalita in tutto il mondo. Stati Uniti, Giappone, Francia e Italia hanno più di 200 stazioni ciascuno. In termini assoluti, l’Austria è al quinto posto (200) e la Svizzera al sesto con quasi 90 stazioni. Ma con più di due stazioni per mille chilometri quadrati, la Svizzera ha la più alta densità di stazioni dopo Giappone e Austria.

Ci sono circa cinquanta località nel mondo che sono importanti, ovvero frequentano più di un milione di giorni di sci in inverno. L’80% di questi si trova nelle Alpi. L’Austria ospita la maggior parte di questi grandi resort, poco prima della Francia.

La Svizzera è al quarto posto e ne ha 6: Zermatt (Vallese) è la località svizzera più frequentata; Segue Arosa Lenzerheide (Grigioni), Adelboden Link (Canton Berna), Davos Klosters (Grigioni), Verbier (Vallese) e St. Moritz (Grigioni).

Sebbene gli sport invernali siano molto più costosi in Svizzera che nei paesi vicini (circa il 30% in più rispetto ad Austria e Francia la scorsa stagione), i paesi vicini che limitano l’accesso alle loro località hanno paura di trasferirsi in Svizzera in questa stagione. Anche i governi francese e italiano hanno istituito l’isolamento forzato al ritorno per scoraggiare i propri cittadini, che tendono a scendere dalle piste svizzere durante le vacanze.

READ  Ritratto - Maurice Magnificat - Informazioni sportive - Sci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *