Il Sei Nazioni: la prima vittoria facile dell’Irlanda in Italia

Il giornalista irlandese Tadhg Furlong prova a segnare un tentativo durante la partita del Sei Nazioni contro l’Italia a Roma il 27 febbraio 2021 Filippo Monteforte

L’Irlanda ha facilmente conquistato la sua prima vittoria nel Campionato Sei Nazioni 2021 a Roma sabato dominando l’Italia (48-10), che ha portato i fragili Azzurri a sconfiggere la 30esima vittoria consecutiva nella competizione.

Dopo le prime due sconfitte per Galles (16-21) e Francia (13-15), è la quindicesima per i club a segnare inesorabilmente sei tentativi di un’Italia che condivide il suo ruolo di vittima di espiazione.

Come il capitano irlandese Johnny Sexton, ha calciato senza sosta (18 punti) per il suo ritorno dopo aver saltato la partita contro i Blues dopo un trauma cranico contro il gallese.

Dopo gli inni, le cui registrazioni dal vivo hanno reso assordante il silenzio che seguì la trasmissione all’Olimpico senza spettatori, l’Italia sognava cinque minuti. Apertura per Paolo Garbisi, che finalmente ha legato il cardine centrale a Callum Braley per il pacchetto dell’ultimo minuto di Stephen Farney (infortunio alla mano), ad aprire le marcature con un calcio di rigore (terzo).

Ma Sexton ha pareggiato due minuti dopo con un calcio di rigore e il calvario italiano è iniziato.

– Indisciplina italiana –

La difesa di Azura si è fermata con la prima ondata verde ma si è arresa nella seconda e Gary Ringrose (10 °) si è infiltrato.

Il primo “Mamma Mia” è stato ascoltato in rassegna stampa, ed è stato rapidamente rinnovato quando gli italiani, nonostante la loro grande voglia di giocare, si sono messi sulla forte difesa irlandese.

READ  Theo Hernandez è molto coraggioso!

Al contrario, gli Azzurri hanno rotto praticamente tutte le incursioni irlandesi a 22 metri: Hugo Keenan è decollato (31) e poi in terza fila Will Connors ha trovato spazio sul lato sinistro per tre quarti (36).

La prova che Johan Meyer ha meritato prima della fine del primo tempo per l’Italia (40 + 3 °) non ha cambiato molto nello scenario. L’Italia, estremamente fragile e punita per mancanza di disciplina difensiva da due gialli nel secondo tempo, subirà altri tre tentativi: CJ Stander per un punto bonus dall’inizio, Will Connors al suo secondo tentativo personale (66) e Keith Earls al fine del gioco.

In tre partite, le azzurre hanno già ricevuto 139 punti nel torneo e continuano ad annullare le loro mancanze, avendo ottenuto solo 12 successi in 108 partite dal loro arrivo al torneo nel 2000. Non vincevano dal 2015.

L’Irlanda ha fatto ciò che era necessario per avviare il torneo dopo le prime due sconfitte. Soprattutto, per evitare la vergogna di perdere la terza nelle prime tre partite, questo non gli succedeva dal 1998, quando le Nazioni erano solo cinque volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *