Il Milan vince il 19° titolo di Serie A, per la prima volta dal 2011

Era irrisolto fino alla fine. Simbolo del campionato controllato, lo stesso Milan ha presentato, domenica 22 maggio, un successo finale contro il Sassuolo (3-0), sinonimo del titolo di campione d’Italia, nella Serie A italiana, dopo undici anni, l’ultimo incoronazione, nel 2011. Rossinieri ha assaporato ancora una volta la felicità grazie a un’altra doppietta dell’attaccante Olivier Giroud, che ha segnato 11 gol in questa stagione. Con questa vittoria finale al termine di 38 giornate, il 19° Scudetto arriva a rifornire la già ben fornita tesoreria del Milan.

L’Inter ha chiuso con delusione al secondo posto in campionato, a due punti dalla storica rivale, nonostante la vittoria schiacciante sulla Samp (3-0). Il gol di Ivan Perisic e la doppietta di Joaquin Correa non sono bastati per mantenere il titolo nazionale nerazzurro.

Il primo a gridare la sua gioia al microfono DAZN in Italia è stato l’allenatore del Milan Stefano Pioli: I miei giocatori sono davvero fenomenali. Sono felice per loro, per me, per il mio allenatore, per i capitani, per i tifosi e per tutti quelli del Milan che meritano questo titolo”. Perché quel successo finale è stato costruito sull’altissima stagione di volo di Rossineri, con 26 successi in palio. “Lo meritiamo per il nostro lavoro e perché ci abbiamo sempre creduto. Siamo stati più coerenti e i giocatori non si arrendono mai”Segui Peuli.

Theo Hernandez conserva il titolo di campione italiano con il suo allenatore Stefano Pioli, dopo aver vinto a Sassuolo, 22 maggio 2022 (FILIPPO MONTEFORTE / AFP)

Le note sono in gran parte supportate da una delle sue principali risorse: Theo Hernandez. Il lato sinistro del nazionale francese, il Milan, ha ottenuto elogi per la sua tecnica: “E’ un grande allenatore, mi ha cambiato come persona e come giocatore. Abbiamo vinto anche grazie a lui”.

READ  "Questa squadra non ha limiti".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.