Gli sport. Ritratti di senior manager di Gires, Eternal Youth

Di base
Fai luce su tre appassionati allenatori del Gers, i leader delle loro regioni e i loro ambasciatori di specialità che non hanno alcuna influenza nel tempo.

Saltano felicemente oltre la barriera degli anni anche se le loro articolazioni non consentono più molte imprese sportive. Da un lato, la forza della loro convinzione li fa raggiungere l’apice nei loro incarichi di cheerleader con i giovani atleti di Gires.
Questi personaggi (1) sono dell’età dell’esperienza (o viceversa), ma possiedono ancora la freschezza educativa del giovane che avrebbe iniziato “il lavoro” il giorno prima.
Facilitatori nei loro territori, ambasciatori delle loro specialità, questi formatori hanno il potere di impartire una “conoscenza” efficace per sempre. Per aggiungere all’aspetto “carattere” delle loro leggi, se non per le loro leggi, la loro “dichiarazione” e “franchezza” sono spesso incomparabili. E molto stimolante.
Da allora, ammettiamo guardandoli mentre si esercitano che il numero crescente di candele che emanano sulla torta di compleanno non ha importanza. È necessario mantenere la fiamma.


Jay Pardis, travestito

Guy Pardiès, ovvero l’arte del servizio permanente.
DDM

A Valence-sur-Baïse, notiamo immediatamente l’energia del facilitatore della sessione “Oval Ball” (la versione scolastica del rugby). Circondato da studenti “borghesi”, viene da chiedersi chi sia il più giovane del settore. Lo spettacolo del manager è fenomenale. E con una buona ragione … il mascheratore è Jay Pardis, un riferimento nel rugby.

All’età di 72 anni, l’insegnante è tornato alla SA Condom dopo 47 anni in Italia come giocatore (metà Scrum) e poi come allenatore delle migliori squadre “La Botte”. Incontra un importante giocatore di rugby francese espatriato dall’altra parte delle Alpi.

Quali sono i motivi per andare in Italia nel 1974?

All’epoca giocavo per Agen che aveva reclutato Max Barrau (dallo stadio di Tolosa) nella mia stessa posizione. Due “galli” nello stesso pollaio, non poteva funzionare. Durante il pasto post partita ho incontrato il mister padovano. Mi lascia il suo biglietto da visita e mi invita a giocare per il suo club.

Sei il preludio all’arrivo dei Quincy dalla Francia in Italia …

Un’ora fa ero un giocatore di rugby “professionista”. A Padova ho giocato e allenato tutte le giovanili. Ero allo stadio tutti i giorni. Ho ottenuto il mio certificato di formazione dalla federazione italiana oltre che dalla Francia.

Con la tua conoscenza del campo, dacci la tua opinione sullo sviluppo della pedagogia per i giovani.

I bambini erano più autodisciplinati “prima”. Tutto è cambiato, compresi i metodi. Abbiamo imparato molto analiticamente con esercizi ripetuti. Oggi esploriamo spesso giochi e giochi del mondo. Siamo in un’altra epoca, i bambini non sono più quello di 10 anni fa …

E a livello senior, cosa noti?

Imitare i dilettanti di ciò che viene praticato “i professionisti” non è sempre una buona cosa. La professionalità ha cambiato idea e il rugby. E nessuno può giocare come All Blacks … un buon allenatore fa avanzare la sua squadra per prima in base alle preferenze dei suoi giocatori.


Cestino: Gardel, Alan Perfect

Alan Gardel, ancora e ancora sotto i canestri.

Alan Gardel, ancora e ancora sotto i canestri.
DDM

Frase che solleva l’apprendista. Lo scherzo che risveglia l’ego del giocatore “dentro”. L’immagine che affascina il pubblico esitante. Corretti gesti artistici. Alan Gardel, ex consulente tecnico del comitato di pallacanestro del Gers e allenatore del BAC Mirande, si è divertito molto e ha goduto di due conversazioni finali con i giovani ei loro manager.
Sono state invitate per la prima volta nella squadra delle amministrazioni per le ragazze sotto i 15 anni (1) che partecipano al campionato francese, e il “gioco indoor” era nella sua lista per la mattina. Il primo banchetto come aperitivo …

Apprendendo che è “all’angolo”, La Romeo e il CTC Geres Nord hanno concordato, nel pomeriggio, di correggere la situazione (letteralmente e figurativamente!) Per i quindicenni (livello regionale). L’esperto non aveva bisogno di chiedere. Dopo essere entrati, ci viene offerto il dolce, il caffè e il conto, soprattutto nel libro degli ospiti, poiché la “firma” di Miranda rimane unica.

Quindi abbiamo avuto diritto a “Perfect Alain” nel testo: “Devi essere flessibile tutto il tempo quando ti muovi in ​​campo. Non chinarti o saltare come cantano i fan sugli spalti:” Ehi, chi non salta è non lyoooo-nnais! Siamo stati felicissimi di Jardel al cenno del capo: “Per segnare, le tue gambe stridono come polvere che esplode. Le tue braccia, le tue mani sono il cannone che punta la palla verso l’alto. ”Insomma, un appassionato entusiasta.

(1) Terzo posto nel campionato francese Elite 2017-2018 e quarto nel 2018-2019.


Padroneggia le “palestre” con i preservativi

Stupito, Raymond consiglia generazioni di ginnaste.

Stupito, Raymond consiglia generazioni di ginnaste.
DDM

All’età di 60 anni, Raymond Serra ha imparato l’insegnamento di tutte le “palestre”, per tutte le età, presso l’MGC (Municipale Gymnique condomoise). Ovunque viene presentato come un allenatore storico di un club altrettanto importante. Incontra questa pulsione eterna.

L’arrivo del preservativo. “Ho iniziato la ginnastica a Graulhet (Tarn) all’età di 6 anni e poi mi sono allenato dall’età di 17 anni. Nel 1983, sono entrato nel municipio di Condom e ho avuto accesso all’MGC e alle scuole dal 1986. A quel tempo, allenavo solo il settore maschile all’MGC sulla scia di Laurent Barbiéri, qualificato per i Giochi Olimpici del 1984 “.

Generazioni “figlia”. A poco a poco, le ragazze sono avanzate. Ci siamo qualificati per il nostro primo campionato francese nel 1993. Ci siamo tornati nel 1995, 97 e 98. Gli anni propizi sono stati il ​​2002: ci siamo qualificati per una squadra maschile e due per ragazze. Inoltre, una di queste formazioni ha incoronato il campione di Francia! “.

20 anni dopo? “I requisiti tecnici sono stati sollevati dalla Federazione francese di ginnastica. È diventato più difficile per noi perché i giovani non beneficiano di orari flessibili per allenarsi 15 o 20 ore settimanali, dalla scuola elementare, a Montauban, Blagnac o Colomier”. Qualcosa, torniamo ancora al campionato di Francia nel 2016 con i Giardini e gli Studenti (8 squadre su 28) “.

fino a quando? “Potrei andare in pensione tra due anni. Lo ripagherei a 64 se il movente è ancora lì. Perché con i bambini non si può fingere. Poi ho la possibilità di fare un lavoro” appassionato “.

A tutto il pubblico

Il complesso municipale di ginnastica, fondato da Jean Dubos e Rene Licina negli anni ’50, ha istituito 150 laureati. Con Raymond Serra e l’allenatore stipendiato di Sarah Sanche, 6 AP hanno moderato le sessioni. Per tutti: una palestra per bambini (prima infanzia) a partire dai due anni di età, una palestra ricreativa, una palestra sanitaria (3 sedute) per i neo-pensionati (squadra che partecipa alla “Golden Age Europa”), una comoda palestra (palestra manuale) e naturalmente una palestra con cinque sessioni di due ore a settimana. “Nelle competizioni, l’obiettivo del club è quello di mantenere i massimi livelli di prestazioni in tutte le categorie”, spiega Raymond Serra.
Contatto: [email protected] o tel. 05 62 28 00 57.

READ  Ciclismo: Matteo van der Paul re di Strady Bianche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *