Giro d’Italia: vince Campenaerts prima delle Dolomiti

Il vincitore belga Victor Campinaarts della 15a tappa del Giro d’Italia, tra Grado e Gorizia, il 23 maggio 2021 Luca Pettini

E ha pagato: il belga Victor Campaerts, noto per le sue doti di corridore, ha vinto domenica la 15a tappa del Giro nella città di confine di Gorizia, alla vigilia dei grandi passi dolomitici.

Vicino al confine con la Slovenia, il detentore del record dell’ora Campanaerts si è assicurato la terza vittoria in cinque giorni per la squadra sudafricana del Qhubeka. Il giorno in cui il suo velocista, il campione europeo Giacomo Nizzolo, ha rinunciato all’inseguimento del Giro rivelando la sua ambizione di vincere il mondiale a fine settembre in Belgio.

Campenaerts si è ritrovato con due compagni di squadra (Walscheid, Wisniowski) nella separazione di 15 passeggeri che si era formata dalla seconda partenza di tappa. Il Giro ha notato una neutralizzazione di mezz’ora dopo la grande caduta avvenuta a due chilometri dalla partenza.

“Eravamo nella prima fase, la gara non era stabile”, ha spiegato il suo manager Mauro Vigni di questa caduta che ha causato danni. Cinque corridori, tra cui il tedesco Emmanuel Buchmann, sesto in classifica, si sono ritirati.

In questo giorno di riunione con un pubblico numeroso ed entusiasta mentre attraversavano la Slovenia, la tensione è aumentata negli ultimi minuti. A causa della forte pioggia che ha allagato la strada, i rischi si sono moltiplicati.

Molto abile, Campinarts ha evitato di cadere proprio come l’olandese Bok Mollema, in un gruppo di caccia. Il belga è stato finalmente premiato per la sua generosità: si è liberato del suo ultimo compagno, l’olandese Oskar Rijsbeek, che ha iniziato lo sprint da lontano ed è scattato prima del traguardo.

READ  Coronavirus: britannici e tedeschi fanno acquisti in blocco prima di un nuovo blocco - notizie

– La fiducia di Bernal –

Peloton, molto cauto, ha raggiunto il traguardo con un ritardo di oltre un quarto d’ora. In prima fila, con gli uomini in maglia rosa Egan Bernal, “Padron” la gara sette giorni dopo che si era conclusa a Milano.

Tuttavia, ci sono ancora grandi tappe di montagna, a cominciare dalla salita in Dolomiti, lunedì, tra Sacil e Cortina d’Ampezzo (212 km). Fdaya, uno dei passaggi più difficili della penisola, Bordeaux, il “tetto” di questa versione del Giro a 2.239 metri, Jiao infine, è in programma “tappone”, teatro-reine.

Ancora una volta, sono previste grandine e pioggia. La temperatura è intorno ai 3 gradi in cima al Jiao, che precede la rapida discesa verso Cortina d’Ampezzo, località delle Olimpiadi invernali del 1956 e del 2026.

Bernal, che si avvicina all’incontro più di un minuto e mezzo prima del britannico Simon Yates, ha avvertito: “Sarà una tappa molto difficile. Dovremo prepararci bene e anche mentalmente. Dobbiamo aspettarci un vantaggio”.

Finora il colombiano ha aggiunto: “Non puoi cercare tutti, devi correre con la testa. Il ruolo della squadra è importante, soprattutto in una tappa così lunga e di montagna, e avere una squadra esperta è un vantaggio”. L’autore di un chiaro tour al timone del team Ineos.

Ma, ha concluso l’indossatore della maglia rosa, con gli occhi maliziosi dietro la maschera, “Ne sono sicuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *